6 palestinesi su 10 rifiutano la soluzione a due stati

E il 73% condivide la prescrizione religiosa di ammazzare gli ebrei ovunque si nascondano.

image_3198Solo un palestinese su tre (il 34%) accetta la formula “due stati per due popoli” come soluzione per il conflitto israelo-palestinese. È quanto emerge da un approfondito sondaggio condotto nella seconda settimana di luglio con colloqui in arabo su un campione rappresentativo di 1.010 adulti palestinesi di Cisgiordania e striscia di Gaza dal ricercatore americano Stanley Greenberg, in collaborazione con il Palestinian Center for Public Opinion di Beit Sahour e il patrocinio di Israel Project, un’organizzazione internazionale no-profit che fornisce materiali d’informazione sul Medio Oriente a giornalisti e opinion-leader.
Agli intervistati è stato chiesto cosa pensassero dell’affermazione del presidente Usa Barack Obama secondo cui “ci devono essere due stati: uno stato di Palestina come patria del popolo palestinese e uno stato d’Israele come patria del popolo ebraico”. Solo il 34% del campione ha risposto che accetta tale affermazione, contro il 61% che ha detto di rifiutarla. Il 66% degli intervistati ha detto che il vero obiettivo dei palestinesi deve essere quello di iniziare con la soluzione a due stati, per poi arrivare a un unico stato palestinese.
Intervistati sul destino di Gerusalemme, il 92% dei palestinesi ha detto che deve essere la capitale dello stato palestinese, l’1% la capitale di Israele, il 3% la capitale di entrambi gli stati e il 4% che deve essere una città internazionale neutrale. Il 72% condivide la negazione di migliaia di anni di storia ebraica a Gerusalemme; il 62% appoggia il sequestro di soldati israeliani per tenerli in ostaggio; il 53% è a favore dell’insegnamento nelle scuole palestinesi di canzoni di odio verso gli ebrei.
Di fronte a una citazione dalla Carta di Hamas sulla necessità che armate dal mondo arabo e islamico sbaraglino gli ebrei, l’80% si è detto d’accordo. Il 73% si è detto d’accordo con una citazione (che è anche un hadith, vale a dire a tradizione attribuita al profeta Maometto) sulla necessità di uccidere gli ebrei che si nascondono dietro ad alberi e massi. Peraltro, “solo” il 45% degli intervistati condivide l’affermazione della Carta di Hamas secondo cui l’unica soluzione al problema palestinese è la jihad (guerra santa), e “solo” il 22% concorda con il lancio di razzi Qassam sulle città israeliane, mentre due terzi degli intervistati affermano di preferire l’impegno diplomatico rispetto alla “resistenza” violenta”. Tra i palestinesi in generale, la via diplomatica è preferita dal 65% e la violenza dal 20%. In Cisgiordania le due opzioni ricevono il 69% contro 28% dei consensi, nella striscia di Gaza il 59% contro 32%.
Alla domanda se sostengano il progetto palestinese di ottenere all’Onu una dichiarazione di indipendenza unilaterale (cioè senza accordo con Israele), il 64% ha risposto di sì. In Cisgiordania ha risposto di sì il 57%, nella striscia di Gaza il 79%. Secondo il 37% del campione tale mossa avvicinerebbe la nascita dello stato palestinese, secondo il 16% la allontanerebbe, secondo il 44% non farà alcuna differenza.
“Alcuni di questi dati sono scoraggianti”, ha detto la presidente di Israel Project, Jennifer Laszlo Mizrahi, nella conferenza stampa a Gerusalemme con cui Greenberg ha illustrato la ricerca. Secondo Greenberg, i risultati dimostrano che sul versante palestinese esiste un grande bisogno di educazione pubblica e di leadership.

(Da: Jerusalem Post, 15.7.11)

Nell’immagine in alto: 6 palestinesi su 10 rifiutano la soluzione a due stati, come attesta tutta la loro pubblicistica che mostra sempre la mappa dello stato palestinese su tutta la terra, con la cancellazione di Israele. Nella foto: una mappa di questo tipo sorretta dal presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen)

Si veda anche:

Hamas: “Lotta armata fino alla cacciata di tutti gli israeliani”. E Abu Mazen, alla tv dell’Autorità Palestinese: “Ci rifiutiamo di riconoscere uno stato ebraico”.

http://www.israele.net/articolo,3150.htm

La Palestina unica e araba dei piani di Fatah

http://www.israele.net/articolo,2597.htm