A Israele, Emirati e Bahrain: mazal tov, mabruk, congratulazioni

E’ la realizzazione di un antico sogno degli israeliani: essere accettati. Ora i palestinesi potrebbero finalmente rendersi conto che il tempo non lavora per loro, e Israele potrebbe sentirsi abbastanza sicuro da correre rischi che prima non poteva permettersi

Editoriale del Jerusalem Post

Finalmente una buona notizia. Anzi no, una grande notizia, una notizia di portata storica.

Leggi tutto l'articolo ›

Il rifiuto palestinese degli accordi tra paesi arabi e Israele. E della pace

Se la dirigenza palestinese continua a rifiutare ogni occasione di pace, il popolo palestinese dovrebbe rifiutare questa dirigenza

Editoriale del Jerusalem Post

Con la cerimonia di martedì alla Casa Bianca Israele ha firmato un trattato con gli Emirati Arabi Uniti e uno con il Bahrein che solo il venerdì precedente aveva annunciato la decisione di normalizzare i rapporti.

Leggi tutto l'articolo ›

Alto diplomatico degli Emirati: “I palestinesi devono voler aiutare se stessi”

Omar Saif Ghobash: “Invece delle solite condanne e ingiurie, potrebbero guardare meglio a quello che stiamo cercando di fare, anche per la loro causa”

Di Jacob Magid

Parlando con Times of Israel da Washington, dove si trova per la cerimonia della firma con Israele, l’alto diplomatico degli Emirati Arabi Uniti Omar Saif Ghobash respinge seccamente l’accusa dei palestinesi secondo cui la normalizzazione del suo paese con Israele avverrebbe a spese della loro causa.

Leggi tutto l'articolo ›

Emirati Arabi Uniti: Quella che vogliamo è una pace calda con Israele

L'apertura tra Emirati e Israele è un'opportunità storica piena di speranza, merce rara da queste parti. Non sostituisce un accordo fra israeliani e palestinesi, ma apre in Medio Oriente un’era di tolleranza, progresso e pace

Di Hend Al Otaiba

Era un semplice tweet inviato un venerdì pomeriggio, dopo una settimana di cambiamenti vertiginosi. L'accordo di pace tra Emirati Arabi Uniti e Israele appena annunciato rappresentava un trionfo della diplomazia e stava generando nella regione una nuova speranza

Leggi tutto l'articolo ›

Kushner: “I paesi stanno iniziando ad abbandonare i vecchi conflitti e a muoversi in direzione della pace”

“La mia paura è che i palestinesi facciano quello che sanno fare molto bene: trovare il modo di non firmare alcun accordo e continuare a giocare la carta delle vittime”

Arabia Saudita e Bahrein hanno accettato di aprire il loro spazio aereo non solo ai voli tra Israele ed Emirati Arabi Uniti, ma a tutti i voli da Israele verso oriente.

Leggi tutto l'articolo ›

Accordo Israele-Emirati: un rovesciamento di paradigma

Nessuna meraviglia che gli odiatori di Israele siano furibondi. La loro grande menzogna sta franando: il terribile stato sionista si sta rivelando fonte di soluzioni e speranze, non di odio e disgrazie

Di David Suissa

Coloro che odiano Israele non devono essere molto allegri, di questi tempi. Tutt’a un tratto, va svanendo la grande menzogna che ha nutrito il loro veleno anti-sionista per così tanto tempo.

Leggi tutto l'articolo ›

Il fronte del rifiuto rifiutato

Il linguaggio usato contro l’accordo Israele-Emirati ricorda da vicino quello del 1977 contro l’Egitto, e il precedente non promette nulla di buono per i nuovi interpreti dell’intransigenza anti-israeliana

Di Ben Cohen

Nel 1977, poco dopo lo storico discorso di Anwar Sadat alla Knesset di Gerusalemme in cui l’allora presidente egiziano delineò le sue proposte di pace con Israele, l'Olp e cinque paesi arabi formarono un blocco il cui unico scopo era rifiutare qualsiasi compromesso con lo stato ebraico.

Leggi tutto l'articolo ›