Il miracolo economico israeliano

La storia di Israele è un esempio piuttosto spettacolare di come la scienza economica neoliberista, se ben applicata, possa dare risultati di successo

Da un articolo di Tyler Cowen

Molti turisti visitano Israele per le sue bellezze storiche e religiose, mentre altri lo vivono attraverso la lente del conflitto politico. Nel suo editoriale per Bloomberg, il professore di economia della George Mason University, Tyler Cowen, propone invece un’altra prospettiva

Leggi tutto l'articolo ›

Israele avvia la costruzione del quarto e maggiore acquedotto per Gaza

Ma la disponibilità ad aumentare la fornitura di acqua dolce è pesantemente limitata dalla pessima gestione delle infrastrutture all’interno della striscia da parte di Hamas

Mekorot, la compagnia idrica nazionale israeliana, ha avviato i lavori per la costruzione di un acquedotto potenziato verso Gaza, destinato ad incrementare il flusso di acqua potabile verso l’enclave controllata da Hamas.

Leggi tutto l'articolo ›

Intanto il sud brucia. Di nuovo

Nel silenzio di quasi tutti i mass-media, ogni sera Adele del kibbutz Nirim aggiorna la mappa degli incendi terroristici causati da palestinesi di Gaza

Di Adele Raemer

Mi chiamo Adele. Vivo in un kibbutz a circa un miglio dal confine con la striscia di Gaza. Lavoro a tempo pieno, eppure il mio sionismo mi tiene molto impegnata al di là delle ore di attività come insegnante e formatrice di insegnanti, di madre e nonna, di membro attivo del kibbutz.

Leggi tutto l'articolo ›

Ecco cosa si predica nella moschea al-Aqsa: “da qui partirà l’esercito che conquisterà la Palestina, assedierà Roma e sottometterà il mondo”

Imam francese in visita in Israele: l’anti-sionismo è una maschera dell’antisemitismo

Durante un sermone nella moschea al-Aqsa di Gerusalemme postato su internet lo sorso 2 giugno, lo sceicco palestinese Abu Hanifa Awda ha detto che Gerusalemme è il "centro" dove sventoleranno gli stendardi del califfato, si raduneranno le brigate militari e sarà annunciata la nascita del califfato islamico.

Leggi tutto l'articolo ›

L’attacco al posto d’osservazione militare siriano sul Golan era atteso da tempo

La base su Tel al-Hara viene usata da iraniani e Hezbollah in violazione delle intese raggiunte coi russi

Di Ron Ben Yishai

Tel al-Hara, che secondo i mass-media statali siriani è stata attaccata da Israele nelle primissime ore di mercoledì’ mattina, è un'altura di origine vulcanica che si eleva a 1.100 metri di altitudine dominando il versante siriano delle alture del Golan

Leggi tutto l'articolo ›

Ridefinizione dei confini e annessioni: la necessità di fare chiarezza

Yemini: Se l'ambasciatore Usa parlava dei blocchi di insediamenti, non ha detto nulla di nuovo. Ma uno stato unico dal fiume al mare sarebbe il sogno dei palestinesi: la scomparsa di Israele come stato ebraico

Editoriale del Jerusalem Post e Ben-Dror Yemini

La grande novità del lungo weekend di Shavuot è stata l'intervista al New York Times dell'ambasciatore americano in Israele David Friedman. Friedman ha detto al giornalista David Halbfinger: "Penso che Israele abbia il diritto di trattenere una parte, ma probabilmente non tutta, la Cisgiordania".

Leggi tutto l'articolo ›

I palestinesi stanno pianificando una “spontanea rivolta popolare” contro il workshop sulla pace economica in Bahrain

Intanto i giordani sono furibondi con Abu Mazen che blocca tutti i tentativi di alleviare la crisi economica nell’Autorità Palestinese

Di Khaled Abu Toameh

I palestinesi stanno pianificando una "rivolta popolare" a fine mese per protestare contro il preannunciato piano per la pace in Medio Oriente del presidente americano Donald Trump.

Leggi tutto l'articolo ›

Due anni fa i ministri di Abu Mazen si sono aumentati gli stipendi in segreto

Documenti recentemente trapelati attestano generosi aumenti e benefit, mentre l'Autorità Palestinese taglia i salari dei suoi dipendenti (continuando a incolpare Israele)

Il fatto di lamentare in ogni sede le infelici condizioni del mercato del lavoro palestinese in Cisgiordania, con la disoccupazione sempre alta e la crescita economica in costante rallentamento, non ha impedito al governo dell'Autorità Palestinese di concedersi in segreto svariati benefit e generosi aumenti di stipendio

Leggi tutto l'articolo ›