Hezbollah: “Centinaia di migliaia di martiri per annientare Israele”

"Dopo il ritiro Usa, insieme a Iraq e Siria, sotto la guida dell’Iran".

image_3206Quelli che seguono sono brani tratti da un’intervista all’ex generale Walid Sakariya, oggi parlamentare libanese di Hezbollah, trasmessa dalla ANB TV lo scorso 7 agosto.

Walid Sakariya: «L’Iran è il paese più ostile a Israele, ma l’Iraq fa da cuscinetto fra l’Iran e il fronte della Palestina: dai tempi di Saddam Hussein fino alla presenza militare degli Stati Uniti in Iraq. L’Iran sostiene le forze dello scontro: Hamas, Hezbollah e la Siria. Se, in seguito al ritiro degli Stati Uniti, l’Iraq diventa un ponte che collega l’Iran alla Siria, le forze iraniane potrebbero attraversare l’Iraq e arrivare in Siria allo scopo di prendere parte in una guerra aperta sul fronte del Golan. In questo caso, Israele non si troverebbe a combattere solo con Hezbollah. Si troverebbe a combattere con Hezbollah, Siria, Iraq e Iran. È la cosiddetta “Mezzaluna sciita” di cui hanno paura: dato che è dominata dall’Iran, per questo i paesi arabi la chiamano “Mezzaluna sciita”. Se [oggi] Hezbollah possiede cinquemila missili e può distruggere alcuni obiettivi in Israele, l’equazione cambierà completamente quando entreranno in guerra la Siria e l’Iran. Si avrà la superiorità strategica e una forza abbastanza grande da annientare Israele, anche se questa guerra costerà centinaia di migliaia di martiri, non solo mille e duemila. Si entrerà in questa guerra con una massa di popolazione di più di cento milioni. […] Se la Siria, come un paese dello scontro, fallirà, America e impresa sionista saranno vincitori.»
Intervistatrice: «La Siria è così importante …»
Walid Sakariya: «Naturalmente. Ma se la Siria sarà un paese dello scontro vittorioso, sarà la fine di Israele. Vi sono rapporti di forza militari. Hezbollah può sconfiggere Israele, ma non lo può cancellare. Se la Siria entra in guerra contro Israele, può riconquistare il Golan, ma non è in grado di liberare Haifa e Tel Aviv. Ma Hezbollah, Siria. Iraq e Iran costituiranno una forza militarmente superiore a Israele e lo distruggeranno. Scateneranno una guerra e potranno patire centinaia di migliaia di martiri, perché Israele potrebbe usare l’arma nucleare pur di sopravvivere, e tuttavia questa guerra porrà fine a Israele.

(Da: MEMRI, 7.8.11)

Per vedere il filmato (con sottotitoli in inglese):

http://www.memritv.org/clip/en/3069.htm

http://www.youtube.com/watch?v=m-Ti-dNTw0M

Si veda anche:

Iran: “La Siria è accerchiata dai lupi dell’occidente”

http://www.israele.net/articolo,3205.htm

L’incubo delle garanzie internazionali

http://www.israele.net/articolo,3203.htm