Ilan Pappe: Meglio sotto Hamas che con un governo israeliano

Lo storico israeliano si dichiara buon amico del primo ministro Haniyeh

Da un articolo di David Keyes

image_1589Il controverso storico israeliano Ilan Pappe (i cui lavori sono pubblicati anche in Italia) ha dichiarato domenica scorsa la sua stretta amicizia con il primo ministro palestinese Ismail Haniyeh (di Hamas) e la sua implicita fiducia nel leader di Hezbollah Nasrallah.
Alla domanda se lo preoccupasse l’idea che un uomo come Haniyeh possa diventare il primo ministro di uno stato bi-nazionale (al posto di Israele), Ilan Pappe ha risposto: “Haniyeh non mi preoccupa minimamente: è un mio buon amico”. Con un sorriso ammiccante, Pappe ha poi aggiunto che Hassan Nasrallah, segretario generale di Hezbollah, “dovrebbe far parte del comitato per decidere il futuro di Israele”.
Ilan Pappe ha rilasciato queste dichiarazioni al termine della presentazione del suo nuovo libro “Pulizia etnica di Palestina” che si è tenuta domenica scorsa presso l’American Colony Hotel a Gerusalemme. Tra gli invitati, il tecnico nucleare israeliano Mordechai Vanunu già condannato per alto tradimento, vari funzionari Onu e almeno un ambasciatore straniero, oltre a molti giovani europei entusiasti.
Nella sua presentazione Ilan Pappe, che è senior lecturer al Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Haifa, ha ripetutamente accusato Israele, e in particolare i governi laburisti, di “crimini contro l’umanità” sia in pace che in guerra, e ha attaccato Shimon Peres per aver ricevuto il Nobel della Pace, senza peraltro menzionare il fatto che lo stesso premio venne assegnato a Yasser Arafat. Dopo aver etichettato come “pulizia etnica” praticamente tutte le politiche israeliane e dopo aver definito il processo di pace degli anni ’90 un “velo” servito solo a coprire la “pulizia etnica” israeliana, Ilan Pappe si è detto contrario alla soluzione “due popoli-due stati” preferendo quella di un unico stato “bi-nazionale”. Meglio ancora se con un governo guidato da Hamas.

(Da: Jerusalem Post, 13.02.07)

Nella foto in alto: Non c’è posto per Israele in certa propaganda palestinese, e nelle posizioni dei suoi fiancheggiatori

Vedi anche:
PER CAPIRE ISRAELE
Bibliografia essenziale di testi utili per capire Israele, reperibili in italiano

http://www.israele.net/sections.php?id_article=1039&ion_cat=7