Ipocrisia dell’Autorità Palestinese

Condanna il terrorista di Tolosa, ma continua a celebrare l’assassina di 37 civili israeliani.

Di Itamar Marcus, Nan Jacques Zilberdik

image_3394

Dall’alto: una via di Nablus intitolata alla “martire Dalal Mughrabi” per iniziativa del Movimento Giovanile di Fatah; altre celebrazioni della stragista ad opera dell’Autorità Palestinese nelle piazze e in televisione

L’Autorità Palestinese ha condannato come un “crimine terroristico” l’assassinio di tre bambini e un adulto ebrei, all’inizio di questa settimana, in una scuola ebraica di Tolosa (Francia). Intanto, però, continua imperterrita a presentare come un modello di eroismo da imitare la terrorista palestinese Dalal Mughrabi responsabile dell’assassinio, in Israele, di 12 bambini e 25 adulti.
Parlando dei bambini ebrei uccisi a Tolosa, il primo ministro dell’Autorità Palestinese Salam Fayyad ha dichiarato: “Questo crimine terroristico è condannato nei termini più duri dal popolo palestinese e dai nostri bambini. Nessun bambino palestinese può accettare crimini contro gente innocente. E’ ora che questi criminali la smettano di usare la causa palestinese per giustificare i loro atti di violenza”. [agenzia di stampa palestinese Ma’an, 21.3.12].
Tuttavia, i dirigenti, i portavoce, i mass-media e i siti ufficiali dell’Autorità Palestinese anche in questi giorni hanno continuato a celebrare Dalal Mughrabi, la terrorista che nel 1978, insieme ad altri terroristi palestinesi si rese responsabile del sequestro di un autobus che si concluse con l’atroce “strage della Strada Costiera”: 37 israeliani uccisi.

Quelli che seguono non sono che quattro esempi fra i più recenti in cui la stragista Dalal Mughrabi viene celebrata come un modello eroico dall’Autorità Palestinese e da Fatah.

1) La pagina ufficiale di Fatah su Facebook mostra una foto di Dalal Mughrabi accompagnata da una poesia in suo onore. Sia la foto che la poesia sono state postate dall’amministratore della pagina.
«Questa è Dalal, mio eterno amore: / ho amato la lotta con passione / dagli occhi della giovane donna / ho amato la Palestina / dal fucile della giovane donna / ho desiderato il martirio / con la giovane donna / Dalal, mia giovane misteriosa / mia rivoluzionaria ispirazione alla jihad / l’ho amata ma conoscevo solo il suo nome / Dalal Mughrabi / La leggenda di Mughrabi è cresciuta / si è diffusa dentro me senza eguali / come gli alberi è diventata una giovane donna / ho appreso in carcere che la terra si è ritirata, / davanti a Dalal, e il mare si è infuriato non potendo sopportare / che Mughrabi, immolandosi, sorgesse da lui / e rimase per giorni in mare, occhio di Allah, / guarda e proteggi il fucile.»
[pagina ufficiale di Fatah su Facebook, consultata il 22 marzo 2012]

2) «Laila Ghannam, governtarice del distretto di Ramallah ed El-Bireh [Cisgiordania], ha parlato del migliorato funzionamento delle forze di sicurezza, della partecipazione delle donne nelle organizzazioni di sicurezza e del loro diritto a svolgere ruoli di primo piano. La governatrice ha rievocato i successi delle donne nella lotta e nelle posizioni dirigenti e ha commemorato la martire (shahida) Dalal Mughrabi dicendo: “La sposa della costa, Dalal Mughrabi, e altre combattenti hanno un posto d’onore nella lotta nazionale”.»
[Al-Hayat Al-Jadida, quotidiano ufficiale dell’Autorità Palestinese, 17 marzo 2012]

3) Zaynab Al-Ghanimi, attivista per i diritti delle donne, intervistata in occasione della Giornata mondiale della Donna: «Nel nostro calendario palestinese abbiamo giornate di eroismo immortalate dalle donne, sia sul piano della lotta nazionale sia sul piano del lavoro. Ad esempio, abbiamo martiri (shahida) come Dalal Mughrabi e altre.»
[Tv dell’Autorità Palestinese (Fatah), 7 marzo 2012]

4) «L’Authority per l’Orientamento Politico e Nazionale [una struttura educativa dell’Autorità Palestinese] ha tenuto una conferenza per la Protezione Civile dedicata alla vita della combattente e martire (shahida) Dalal Mughrabi, in occasione dell’approssimarsi dell’anniversario della sua morte come martire. La conferenza è stata tenuta dal Commissario alla protezione civile dell’Autorità Palestinese, Samir Abu Al-Sheikh, il quale ha affermato che Dalal è un modello di donna palestinese combattente, giacché Dalal è la storia di una patria che sanguina, la storia di una persona che compiuto il proprio dovere verso la propria terra e la propria patria”
[Al-Quds, quotidiano palestinese, 7 marzo 2012]

Per un’ampia documentazione (in inglese) sull’opera di costante glorificazione di Dalal Mughrabi come eroico modello da imitare ad opera di Autorità Palestinese e Fatah, si veda: http://palwatch.org/main.aspx?fi=679
ed anche: http://www.daylife.com/topic/Dalal_Mughrabi

(Da: PMW Bulletin, 22.3.12)

 

Si vedano anche (in israele.net):

Quella piccola (sciagurata) svista di Hillary Clinton: perché condanna (solo) Hamas per la santificazione del terrorismo fatta (anche) da Abu Mazen?

La coscienza palestinese: perché i negoziati non si fermano, quando viene celebrata una stragista di donne e bambini?