Lo scopo dei missili? Perpetuare l’occupazione

Hamas e Hizbullah sanno bene che la spartizione della terra è nellinteresse di Israele

Da un articolo di Gadi Taub

image_1350Tutti gli israeliani avevano buone ragioni per sostenere la recente guerra in Libano, così come le operazioni nella striscia di Gaza. E tutti hanno buone ragioni per rammaricarsi che non sia stata una netta vittoria. Questa è la cosa ovvia: è evidentemente interesse di tutti coloro che desiderano un Medio Oriente di pace impedire che Iran, Siria e fondamentalisti islamisti in generale riescano a imporre la loro egemonia sulla regione.
Ma la parte maggioritaria degli israeliani, che va dal centro alla sinistra, aveva un motivo in più per sostenere in modo particolare questa guerra: giacché era una guerra combattuta su ciò che più sta a cuore alla sinistra e al centro, e cioè la necessità che Israele ponga fine all’occupazione.
La maggior parte degli israeliani oggi è convinta, e giustamente, che senza spartizione del territorio l’esistenza futura d’Israele è a rischio. Hezbollah e Hamas hanno attaccato la capacità di Israele di districarsi dall’occupazione. E, almeno per questa fase, ci sono riusciti.
Molti si sono scandalizzati quando il primo ministro israeliano Ehud Olmert, nel bel mezzo dei combattimenti, ha dichiarato che questa guerra doveva aprire la strada al suo piano di convergenza [concentrare gli insediamenti di Cisgiordania in pochi grandi blocchi a ridosso della Linea Verde]. Forse non era pratico dirlo, ma il concetto era vero. Se Israele avesse ottenuto una netta vittoria, se fosse riuscito a eliminare la minaccia dei missili, avrebbe aperto la strada all’attuazione del piano di ritiro unilaterale chiamato “convergenza”.
Gli israeliani non sono abituati a pensare ai loro nemici in questi termini, ma è un fatto che questa volta gli estremisti islamisti non combattevano contro l’occupazione: combattevano piuttosto per perpetuare l’occupazione.
Ricapitoliamo la sequenza dei fatti: Israele firmò gli Accordi di Oslo nel settembre 1993 perché la maggior parte degli israeliani era giunta alla conclusione che l’occupazione metteva in pericolo il futuro del paese. Arafat fece naufragare la spartizione del territorio. Gli israeliani ne dedussero che non c’era modo di porre fine all’occupazione attraverso un accordo, e si mossero per porvi fine lo stesso ma senza accordo. È così che nacque il concetto di ritiro unilaterale. Ora gli estremisti islamisti hanno trovato il modo di impedire anche questa strada verso la spartizione. Su entrambi i fronti dove Israele si è ritirato unilateralmente [Libano sud e striscia di Gaza], hanno iniziato a tormentarlo coi lanci di missili e razzi, costringendolo a invadere di nuovo proprio le aree da cui si era ritirato.
Sia la sinistra che la destra israeliane, a quanto pare, non hanno compreso le intenzioni palestinesi, e quest’ultimo round di violenze ne é l’amara conferma. La sinistra credeva che i palestinesi avessero optato per la pace e per la spartizione della terra e che fossero pronti a rinunciare al sogno di tutta la Palestina, una Palestina “liberata” da ogni presenza ebraica. Il che si è rivelato non vero.
La destra credeva che i palestinesi non avrebbero mai rinunciato al sogno di “liberare” tutta la Palestina, il che si è rivelato vero. Ma non ha capito la loro tattica. I falchi della destra, infatti, erano convinti che i palestinesi perseguissero una tattica “a fette di salame”: se gli si darà un piccolo stato in Cisgiordania e Gaza, lo useranno per continuare a combattere e ottenere tutto il resto. Questa valutazione si è rivelata errata.
Gli estremisti palestinesi sono invece convinti, come è convinta la sinistra israeliana già da parecchi anni, che l’occupazione metta a rischio l’esistenza stessa di Israele: perché lo isola a livello internazionale, lo lacera all’interno, lo espone al terrorismo, unisce gli arabi contro di esso e, infine, perché porterà al crollo dello stato ebraico in una maggioranza araba fra il mar Mediterraneo e il fiume Giordano. Sulla base di queste (esatte) valutazioni, gli estremisti palestinesi agiscono coerentemente per impedire la spartizione. La spartizione li priverebbe delle più efficaci armi a loro disposizione contro Israele.
Anche Arafat lo aveva capito bene, e per questo nel 2000fece saltare l’accordo offertogli dall’allora primo ministro israeliano Ehud Barak a Camp David e a Taba. Hamas e Hezbollah lo capirono ancora prima di Arafat, e si attivarono per bloccare il processo di pace e impedire la spartizione territoriale fin dai primi anni ’90. Ai loro occhi la Conferenza di Madrid del 1991 fu l’inizio di una china pericolosa, e pertanto misero in campo tutti i mezzi che potevano per impedire qualunque progresso del processo di Oslo (“l’Accordo del Tradimento”, nel linguaggio di Hamas). Hassan Nasrallah, il capo di Hezbollah, non esitò a invocare l’assassinio di Arafat quando questi si avviò sulla strada della spartizione (allora nessuno sapeva che non sarebbe mai arrivato ad attuarla veramente).
A quanto pare, sia Hamas che Hezbollah sono attori politici assai realisti quando si tratta di definire la tattica. I loro obiettivi millenaristici saranno anche illusori, ma i mezzi che usano contro Israele sono perfettamente razionali. Entrambi sapevano che attacchi missilistici dalle aree che Israele aveva sgomberato avrebbero bloccato ulteriori futuri ritiri. Entrambi capivano bene ciò che Ehud Olmert aveva spiegato in modo così eloquente agli israeliani prima delle elezioni: che la sopravvivenza di Israele dipende da confini stabili internazionalmente riconosciuti in un territorio dove gli ebrei siano una chiara maggioranza. Il che significa porre fine all’occupazione.
Sulla base di questa logica Hamas e Hezbollah hanno deliberatamente puntato a ostacolare il ritiro unilaterale, per impedire che finisse l’occupazione e per bloccare la strada di Israele verso confini stabili e internazionalmente riconosciuti. Sotto questo aspetto, la loro recente campagna missilistica è stato un successo. Basta dare un’occhiata al titolo sulla prima pagina di Ha’aretz (18.08.06): “Primo ministro Olmert: la convergenza non è più in agenda”.
Se Israele avesse vinto questa guerra, ora la strada sarebbe aperta verso la fine dell’occupazione. Ma non è andata così.

(Da: Ynetnews, 21.08.06)

Nella foto in alto: Gadi Taub, autore di questo articolo, insegna al Dipartimento Communications & Public Policy dell’Università di Gerusalemme

Vedi anche:

Nostalgia dell’occupazione: perché i palestinesi hanno fatto di tutto per costringere Israele a rientrare a Gaza?

http://www.israele.net/sections.php?id_article=1293&ion_cat=18