Tempo dunità nazionale

Un governo guidato da Sharon, Lapid e Peres rappresenterebbe la solida maggioranza dellopinione pubblica e sarebbe assai difficile delegittimarlo.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Dopo che il piano di separazione del primo ministro israeliano Ariel Sharon è stato respinto in un referendum del suo stesso partito pur godendo, a quanto pare, dell’appoggio dell’opinione comune della maggioranza degli israeliani, l’attenzione politica si è spostata sull’ipotesi di un governo di unità nazionale. Molti, sia tra i dirigenti laburisti che fra i […]

Leggi tutto l'articolo ›

Sospese le operazioni antiterrorismo a Rafah

Dopo sei giorni di operazioni, le Forze di Difesa Israeliane hanno lasciato Rafah (striscia di Gaza meridionale).

Dopo sei giorni di operazioni, le Forze di Difesa Israeliane hanno lasciato Rafah (striscia di Gaza meridionale). L’operazione non è terminata, ha spiegato lunedì il generale Shmuel Zakai, ma il calendario è stato modificato soprattutto sulla base di considerazioni umanitarie. Zakai ha dichiarato che nel corso delle operazioni sono state demolite 56 strutture in vario […]

Leggi tutto l'articolo ›

Dieci anni fa Israele lasciava Gaza. Invano.

Dieci anni fa, in questo stesso periodo dellanno, in applicazione degli Accordi di Oslo del 1993 Israele lasciava Gaza.

Da un editoriale di Yediot Aharonot

Dieci anni fa, in applicazione degli Accordi di Oslo del 1993, in questo stesso periodo dell’anno Israele lasciava Gaza. Purtroppo, è Gaza che non ha mai lasciato Israele. Oggi, dieci anni dopo il ritiro da Gaza, ci ritroviamo ancora là dentro, come e più di prima, a conquistare, combattere, arrestare. E’ tempo che Israele si […]

Leggi tutto l'articolo ›

In quattro fasi il nuovo piano di Sharon

Sharon intende presentare il nuovo piano al governo la prossima settimana.

Secondo fonti della sicurezza israeliana, il piano del primo ministro israeliano Ariel Sharon per il disimpegno da Gaza e parti della Cisgiordania verrà riformulato, suddividendolo in quattro fasi, ognuna delle quali soggetta ad approvazione del governo. Nella prima fase Israele sgombererebbe gli insediamenti nella striscia di Gaza di Netzarim, Kfar Darom e Morag. Si tratta […]

Leggi tutto l'articolo ›

Gli obiettivi delloperazione a Rafah

La campagna propagandistica anti-israeliana si è spinta al punto di accusare Israele daver deliberatamente distrutto un piccolo zoo a Rafah.

Lo scopo principale delle operazioni a Rafah era quello di affrontare alle radici le strutture del terrorismo, e in particolare di quel traffico di armi ed esplosivi dall’Egitto a Gaza che alimenta gli incessanti tentativi di realizzare attentati, anche suicidi, contro civili e militari israeliani. Lo ha spiegato domenica il ministro della difesa israeliano Shaul […]

Leggi tutto l'articolo ›

Attribuiti a Israele anche i danni causati dai terroristi

Le Forze di Difesa israeliane non hanno mai avuto intenzione di colpire i civili.

Un colpo sparato mercoledì a scopo deterrente verso una manifestazione che avanzava verso il quartiere Tel el-Sultan nel campo di Rafah (striscia di Gaza meridionale) e che ha disgraziatamente provocato la morte di otto palestinesi, costituiva l’ultima risorsa per impedire agli uomini armati mescolati in mezzo a quella folla di raggiungere la postazione dei soldati, […]

Leggi tutto l'articolo ›

Condannato Barghouti

Barghouti era un diretto subordinato del presidente dell'Autorità Palestinese Yasser Arafat.

La corte distrettuale di Tel Aviv ha condannato giovedì il capo di Fatah in Cisgiordania Marwan Barghouti, 44 anni, per la morte di cinque persone, quattro israeliani e un monaco greco. Barghouti è stato condannato per quattro attentati terroristici (tre riusciti e uno tentato) su 37 attentati che era accusato d’aver organizzato. Inoltre è stato […]

Leggi tutto l'articolo ›

L’autodeterminazione che non c’è

Il discorso politico arabo considera la nazione araba, e solo la nazione araba, come lunico legittimo depositario del diritto di autodeterminazione in Medio Oriente

Da un articolo di Shlomo Avineri, professore di scienze politiche allUniversità di Gerusalemme

Le brutalità recentemente perpetrate nella regione sudanese di Darfur ad opera di milizie arabe, appoggiate dal governo arabo di Khartoum, contro la popolazione nera della zona sono state definite “pulizia etnica” dal segretario generale dell’Onu Kofi Annan. Ed proprio di questo si tratta. Più di un milione di perone sono state espulse dalle loro case, […]

Leggi tutto l'articolo ›

Israele denuncia la faziosità dellOnu

Il Consiglio di Sicurezza non si è pronunciato quando una madre incinta e le sue quattro bambine sono state assassinate a sangue freddo

Reagendo al voto del Consiglio di Sicurezza dell’Onu – che giovedì ha approvato (con l’astensione degli Stati Uniti) una risoluzione che esprime preoccupazione per la situazione umanitaria a Rafah, condanna l’uccisione di civili e chiede a Israele di cessare la demolizione di case – l’ambasciatore d’Israele all’Onu Dan Gillerman ha dichiarato che degli otto palestinesi […]

Leggi tutto l'articolo ›

Chi è interessato al caos di Rafah

Due mesi fa una folla furiosa aggredì il ministro delledilizia palestinese Abdul Rahman Hamad che era in visita a Rafah.

Due mesi fa una folla furiosa aggredì il ministro dell’edilizia palestinese Abdul Rahman Hamad che era in visita a Rafah alla testa di una commissione dell’Autorità Palestinese incaricata di esaminare i danni causati dalla demolizione di case. Palestinesi armati esplosero colpi in aria non appena videro i membri della delegazione dirigersi verso gli uffici governativi […]

Leggi tutto l'articolo ›