Passerà la legge di bilancio?

Allo stato attuale Sharon ha lappoggio di 58 parlamentari su 120.

Verrà probabilmente anticipato al 29 o 30 marzo il voto della Knesset sulla legge di bilancio 2005. Secondo l’ordinamento israeliano, se la legge di bilancio non viene approvata entro il 31 marzo, governo e parlamento decadono automaticamente. In questo caso verrebbero indette elezioni anticipate per il 27 giugno 2005. Passerà la legge di bilancio? Probabilmente […]

Leggi tutto l'articolo ›

Un summit arabo fermo al 2002

Ancora una volta la Lega Araba perde l'occasione di giocare nun ruolo nella creazione di un nuovo Medio Oriente.

Da un editoriale di Haaretz

Il vertice della Lega Araba riunito martedì ad Algeri intende ribadire il piano di pace approvato a Beirut nel 2002, avendo respinto già prima di iniziare la nuova proposta giordana di normalizzare fin da subito i rapporti con Israele. “Questo non sarà il summit della normalizzazione”, ha dichiarato il ministro degli esteri algerino Abdelaziz Belkhadem. […]

Leggi tutto l'articolo ›

A Nazareth, il primo centro arabo per linsegnamento sulla Shoà

Lavvocato Khaled Mahameed ha deciso di aiutare a diffondere tra gli arabi linformazione sulla Shoà per creare maggiore comprensione e contribuire alla pace e alluguaglianza.

Un abitante arabo israeliano di Umm el-Fahm ha speso personalmente 20.000 shekel per costituire il primo centro di insegnamento sulla Shoà nel settore arabo israeliano. L’avvocato Khaled Mahameed ha deciso di aiutare a diffondere tra gli arabi l’informazione sulla Shoà per creare maggiore comprensione che spera finirà col portare alla pace e all’uguaglianza. Il centro, […]

Leggi tutto l'articolo ›

Hamas alle elezioni palestinesi, per affossare Oslo

Il conflitto con Israele si fonda sul concetto che tutta la Palestina storica appartiene ai mussulmani.

Hamas ha deciso che parteciperà alle elezioni del prossimo luglio per il rinnovo del Consiglio Legislativo (parlamento) palestinese allo scopo di “demolire” gli Accordi di Oslo e combattere la corruzione all’interno dell’Autorità Palestinese. Lo ha affermato nel fine settimana il leader di Hamas a Gaza Mahmoud Zahar. Anche la Jihad Islamica palestinese ha annunciato sabato […]

Leggi tutto l'articolo ›

Giustizia palestinese contro il processo di pace

La sorte dei palestinesi condannati a morte per 'collaborazionismo' sarà il test delle intenzioni dellAutorità Palestinese.

Da un editoriale del Jerusalem Post

La sorte dei palestinesi condannati a morte perché accusati d’aver “collaborato” con Israele è una vera e propria cartina di tornasole delle più generali intenzioni dell’Autorità Palestinese. L’Autorità Palestinese si è ripetutamente impegnata a sradicare il terrorismo, ma farà esattamente l’opposto se procederà con le preannunciate esecuzioni capitali di palestinesi accusati d’essersi adoperati per impedire […]

Leggi tutto l'articolo ›

Attualità della memoria della Shoà

Ogni manifestazione di vitalità ebraica dopo la Shoà è una vittoria su Hitler, ma uno stato degli ebrei è assolutamente necessario.

Alcuni commenti dalla stampa israeliana

Scrive Ha’aretz: L’importanza (del Museo della Shoà di Yad Vashem) sta nel fatto che, a differenza del resto del mondo che sottolinea l’aspetto universale della Shoà e pertanto in qualche misura tende a lasciare in ombra il suo nesso unico con l’odio anti-ebraico che ha attraversato secoli di storia, gli ebrei cercano un modo appropriato […]

Leggi tutto l'articolo ›

Forse Abu Mazen intende ridimensionare la pretesa del ritorno

Crescono le aspettative in vista del summit palestinese di martedì al Cairo.

Crescono le aspettative in vista del summit palestinese di martedì al Cairo, che vede la partecipazione di capi e rappresentanti di tredici diverse fazioni palestinesi riunite per cercare di raggiungere una sospensione ufficiale degli attacchi contro Israele. I colloqui, sponsorizzati dal governo egiziano, rappresentano la prima occasione di questo tipo da quando Mahmoud Abbas (Abu […]

Leggi tutto l'articolo ›

La memoria della Shoà, in Israele

Sarebbe grave se si perdesse di vista il nesso che esiste fra memoria della Shoà e sicurezza d'Israele.

Da un editoriale del Jerusalem Post

A partire da martedì, centinaia di alte personalità da 35 paesi diversi (fra cui nove presidenti, sette primi ministri, un rappresentante del Vaticano, quattro ministri degli esteri e il segretario generale dell’Onu Kofi Annan) si riuniranno nella capitale d’Israele per l’inaugurazione del nuovo Museo della Storia della Shoà, allo Yad Vashem. L’impulso per la realizzazione […]

Leggi tutto l'articolo ›

Autorità Palestinese: Le condanne a morte saranno eseguite

Ministro palestinese per la giustizia: "Respingiamo ogni ingerenza esterna".

Saranno eseguite come previsto le condanne a morte di una quindicina di palestinesi, alcuni dei quali condannati per aver “collaborato con Israele” nella lotta al terrorismo e nella prevenzione di attentati. Lo ha confermato venerdì al quotidiano al-Ayam il ministro palestinese per la giustizia Farid al Jallad. Interpellato circa notizie di stampa secondo cui Israele […]

Leggi tutto l'articolo ›

Ulteriori provvedimenti per alleviare le restrizioni di sicurezza

Saliti a 9.800 i commercianti palestinesi che possono entrare quotidianamente in Israele.

Alla luce della cooperazione in corso con l’Autorità Palestinese, le Forze di Difesa israeliane continuano ad allentare varie misure di sicurezza che gravano sulla popolazione palestinese in Cisgiordania e striscia di Gaza. Lo comunica il portavoce delle forze armate israeliane, che specifica nel dettaglio alcuni degli ultimi provvedimenti adottati. In Cisgiordania, sono state aggiunti altri […]

Leggi tutto l'articolo ›