Bush ai palestinesi: Sostenete il piano Sharon

Se il piano verrà attuato, vi sarà una reale possibilità di realizzare le aspirazioni nazionali palestinesi.

In una lettera di tre pagine inviata martedì ad Ahmed Qureia (Abu Ala) il presidente degli Stati Uniti George W. Bush chiede al primo ministro palestinese di appoggiare il piano del primo ministro israeliano Ariel Sharon per il ritiro dalla striscia di Gaza. “Se il piano verrà attuato – scrive Bush – vi sarà una […]

Leggi tutto l'articolo ›

Lintransigenza ha un prezzo

Se avessero colto loccasione, i palestinesi avrebbero oggi uno stato: certo, non lo stato che avevano sognato, ma sicuramente qualcosa di molto meglio di ciò che oggi si trovano ad affrontare.

Da un editoriale del Jerusalem Post La dichiarazione fatta la scorsa settimana al quotidiano egiziano Al-Ahram dal presidente degli Stati Uniti George W. Bush secondo la quale non ci si può più attendere la nascita di uno stato palestinese entro la fine dell’anno prossimo ha suscitato l’ira dei rappresentanti palestinesi. Dando ulteriore prova del difficile […]

Leggi tutto l'articolo ›

Bush: irrealistico uno stato palestinese entro il 2005

Ad Abu Ala: Questo è il momento di mostrare capacità di leadership contro il terrorismo.

Il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha dichiarato sabato scorso che adesso, rispetto a due anni fa, la nascita di uno stato palestinese entro il 2005 “non è realistica” a causa dell’aumento della violenza e della sostituzione del primo ministro palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen). “Non ho difficoltà ad ammettere – ha detto […]

Leggi tutto l'articolo ›

Escalation Hezbollah. Israele avverte Siria e Libano

E interesse di Israele mantenere tranquillo il confine nord, altrimenti non saranno tranquille nè Beirut nè la Siria.

E’ interesse di Israele mantenere tranquillo il proprio confine settentrionale con il Libano, ma se non resterà tranquillo il confine, allora non saranno tranquille la regione meridionale del Libano, Beirut e nemmeno la Siria. Lo ha dichiarato domenica il vice ministro della difesa israeliano Ze’ev Boim, commentando a Israel Radio la recente ondata di attacchi […]

Leggi tutto l'articolo ›

Consigliere per la sicurezza: Ma i palestinesi lo vogliono uno stato?

Israele dovrà studiare un nuovo piano se il piano attuale per il disimpegno risulterà non praticabile.

Israele dovrà studiare un nuovo piano, se il piano attuale per il disimpegno risulterà non praticabile. Lo ha detto venerdì il consigliere per la sicurezza nazionale Giora Eiland nel corso di colloqui con funzionari dell’amministrazione americana. Secondo Eiland, che è stato uno degli estensori del piano di disimpegno del primo ministro israeliano Ariel Sharon, “Israele […]

Leggi tutto l'articolo ›

Lunica opzione ragionevole

Il piano di disimpegno non è stato sconfitto dall'assassinio di Tali Hatuel e delle sue quattro bambine.

Gerald M. Steinberg, Università Bar-Ilan

Il piano di disimpegno unilaterale del primo ministro israeliano Ariel Sharon non è stato sconfitto dal brutale assassinio di Tali Hatuel, incinta all’ottavo mese, e delle sue quattro bambine. Anche senza questa orrenda strage, il piano era destinato ad essere sconfitto dagli iscritti del Likud. I sondaggi e le grandi manifestazioni di sostegno a Gush […]

Leggi tutto l'articolo ›

Olmert: il piano di disimpegno non ha alternative

Il vice primo ministro israeliano Ehud Olmert ha dichiarato che il piano di disimpegno di Sharon è inarrestabile.

Il vice primo ministro israeliano Ehud Olmert ha dichiarato lunedì a Israel Radio che, nonostante il voto contrario nella consultazione del Likud, il piano di disimpegno di Sharon è “inarrestabile”. Dopo aver riconosciuto che il risultato finale del voto interno del Likud (59,5% contro, 39,7% a favore, con una bassa percentuale di voto: solo il […]

Leggi tutto l'articolo ›

Sei opzioni per Sharon

Dopo il voto negativo del Likud sul suo piano, al primo ministro israeliano si prospettano sei opzioni possibili.

Gideon Alon

Dopo il voto negativo nella consultazione interna del Likud sul suo piano di disimpegno unilaterale dalla striscia di Gaza e da parti della Cisgiordania settentrionale, al primo ministro israeliano Ariel Sharon si prospettano sei opzioni possibili. 1. Sharon annuncia che, essendo il piano una questione di massimo interesse nazionale che riguarda tutti i cittadini del […]

Leggi tutto l'articolo ›

Sharon: Disimpegno per combattere il terrorismo

I palestinesi faranno di tutto per impedire ladozione del piano di disimpegno.

“Israele non si piegherà e continuerà a combattere contro il terrorismo fino alla sua distruzione esattamente come lo stiamo combattendo ora”. Lo ha detto il primo ministro israeliano Ariel Sharon dopo l’attacco terrorista palestinese che domenica ha causato l’uccisione a sangue freddo di una madre incinta all’ottavo mese e delle sue quattro figlie (di 11, […]

Leggi tutto l'articolo ›

Abu Mazen: I palestinesi non sono credibili se non mantengono gli impegni

Già un mese fa l'ex primo ministro palestinese aveva incolpato Arafat del fallimento delle riforme.

La dirigenza palestinese deve avviare le riforme da tempo necessarie se vuole contrastare il senso di impotenza di fronte a ciò che appare come la presa di Israele sui territori. Lo ha affermato venerdì l’ex primo ministro palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen). Lo scorso 14 aprile l’amministrazione americana ha dato il proprio appoggio al piano […]

Leggi tutto l'articolo ›