Israele denuncia ruolo di Hezbollah (e Iran) nel terrorismo palestinese

Quasi l80% del terrorismo in nord Cisgiordania è guidato e finanziato da Hezbollah o dall'Iran.

Nel suo intervento al vertice euro-mediterraneo in corso a L’Aja (nel quadro del processo di cooperazione di Barcellona), il ministro degli esteri israeliano Silvan Shalom pone l’accento, martedì, sul crescente ruolo svolto dai terroristi sciiti libanesi Hezbollah, filo-iraniani appoggiati dalla Siria, nell’organizzare e finanziare il terrorismo palestinese anti-israeliano. Secondo fonti diplomatiche, Israele intende attirare l’attenzione […]

Leggi tutto l'articolo ›

Il paese che Israele vuole essere

Se la guerra è un inferno, la guerra contro il terrorismo è un inferno ancora peggiore.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Se la guerra è un inferno, la guerra contro il terrorismo è un inferno ancora peggiore. È facile sminuire le cose a tavolino, ma nella realtà è persino difficile persino immaginare il peso che grava su giovani soldati chiamati a combattere contro nemici che deliberatamente si mimetizzano da civili e che arrivano al punto di […]

Leggi tutto l'articolo ›

Larma dei deboli?

Chi giustifica il terrorismo si basa fondamentalmente su due argomenti.

di Evelyn Gordon

Chi giustifica il terrorismo si basa fondamentalmente su due argomenti: che il terrorismo è un mezzo efficace per conseguire un obiettivo, e che è l’unico mezzo a cui può ricorrere la parte più debole. Si può dimostrare che entrambe queste asserzioni sono infondate. Lungi dall’essere efficace, la stragrande maggioranza dei movimenti terroristici è risultata un […]

Leggi tutto l'articolo ›

Nuove minacce, nuove risposte

Mantenere loccupazione sui territori non offre risposta a nessuna di queste minacce.

di Amnon Rubinstein

La rielezione del presidente George W. Bush, uno dei più vicini a Israele, e la scomparsa di Yasser Arafat, una delle figure più negative nella storia del Medio Oriente, richiede che Israele cerchi di cogliere le opportunità poste dalla nuova situazione. Una nuova dirigenza palestinese potrebbe anche tentare di porre fine al terrorismo, come prevede […]

Leggi tutto l'articolo ›

Quel che non va in Barghouti

? paradossale che coloro che dicono che Israele non deve interferire nella scelta del leader dei palestinesi, sono pronti a incornare Barghouti come il loro legittimo rappresentante.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Se c’è qualcuno più responsabile di Yasser Arafat per l’inutile guerra terroristica costata la vita a migliaia di israeliani e palestinesi, questi è proprio Marwan Barghouti, che oltretutto rivendica con orgoglio di esserne stato uno degli artefici. Come ebbe a spiegare lo stesso Barghouti in un’intervista al quotidiano arabo edito a Londra Al-Hayat esattamente un […]

Leggi tutto l'articolo ›

Prima risoluzione Onu contro attentati suicidi

Per decenni lOnu ha approvato risoluzioni anti-israeliane senza alcun riferimento al terrorismo.

Per la prima volta l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato mercoledì sera una risoluzione che condanna gli attentati suicidi contro civili israeliani. La risoluzione esprime infatti, tra l’altro, “profonda preoccupazione per gli attentati esplosivi suicidi, che provocano perdite di vite israeliane”. Hanno votato a favore 142 stati, cinque hanno votato contro, sei si sono […]

Leggi tutto l'articolo ›

Abu Mazen: nessun cedimento sul diritto al ritorno

I nostri cuori non riposeranno fino a quando il diritto al ritorno del nostro popolo non sarà raggiunto

I tre massimi successori di Yasser Arafat si sono solennemente impegnati a seguire le orme del defunto leader rifiutando ogni compromesso sul cosiddetto “diritto al ritorno” di tutti i profughi palestinesi (e loro discendenti) all’interno di Israele anche dopo la creazione di uno stato palestinese indipendente nella totalità dei territori di Cisgiordania e striscia di […]

Leggi tutto l'articolo ›

La pace, in due parole

A un certo punto, negli ultimi 30 anni, israeliani e palestinesi sono tornati sulle posizioni del 1947.

di Saul Singer

[…] Il processo di pace è andato a rotoli principalmente a causa della errata convinzione che, se è vero – come è vero – che la soluzione sta nella spartizione, allora l’ostacolo è Israele. Israele stesso ha talmente interiorizzato questa convinzione internazionale che non si accorge nemmeno di adeguarvisi supinamente. Stiamo già parlando di scarcerare […]

Leggi tutto l'articolo ›

Questa volta lOnu condanna anche lantisemitismo

Ma paesi arabi e islamici si sono opposti con forza.

Per la prima volta l’Asaemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che condanna l’antisemitismo nel quadro di un testo più ampio contro l’intolleranza religiosa. L’inserimento di un esplicito riferimento anche all’antisemitismo all’interno di una risoluzione che viene riconfermata ogni anno viene considerato dagli osservatori israeliani come una svolta storica. La risoluzione è passata […]

Leggi tutto l'articolo ›