Tribunale Usa condanna Olp e AP per duplice assassinio

I coniugi Ungar vennero assassinati presso Beit Shemesh il 9 giugno 1996 mentre rincasavano in auto da una festa di matrimonio.

Con una sentenza che potrebbe segnare una svolta nella lotta contro gli sponsor del terrorismo, un tribunale degli Stati Uniti ha ritenuto l’Autorità Palestinese e l’Olp co-responsabili per la morte di due cittadini americani assassinati da terroristi in Israele otto anni fa, e ha condannato i due enti presieduti da Yasser Arafat al pagamento di […]

Leggi tutto l'articolo ›

Una faziosità esasperante

Il parere della Corte dell’Aja sulla barriera anti-terrorismo: commenti dalla stampa israeliana

Il parere della Corte Internazionale dell’Aja sulla barriera anti-terrorismo: alcuni commenti dalla stampa israeliana Scrive Ha’aretz: Il totale rigetto delle ragioni di Israele è esasperante. E’ ben difficile accettare la completa omissione del terrorismo palestinese da parte della Corte dell’Aja e il vago riferimento ad una “violenza” contro gli israeliani, i cui esecutori e mandanti […]

Leggi tutto l'articolo ›

Corte dell’Aja contro la barriera anti-terrorismo

Per la Corte Internazionale, 90% di attentati in meno non è un valido 'obiettivo di sicurezza.

Per la Corte Internazionale, 90% di attentati in meno non è un valido ”obiettivo di sicurezza”. La Corte Internazionale dell’Aja si pronuncia venerdì pomeriggio contro la barriera anti-terrorismo israeliana. E’ quanto emerge da un documento ottenuto in anteprima esclusiva da Ha’aretz. Secondo il documento, la Corte – chiamata dall’Assemblea Generale dell’Onu a esprimere un parere […]

Leggi tutto l'articolo ›

Grazie alla barriera, calati del 90% gli attentati

Resta invece alto il numero di tentativi di attentato, sventati in varie fasi della loro preparazione.

Il confronto fra il numero di attentati realizzati all’interno di Israele dopo la costruzione della barriera difensiva partendo da basi terroristiche poste nella Cisgiordania settentrionale e il numero di attentati realizzati dagli stessi gruppi terroristici prima della costrizione della barriera rivela un calo di circa il 90% della capacità di quei gruppi terroristici di realizzare […]

Leggi tutto l'articolo ›

I buoni frutti dell’ambiguità nucleare

Chi ha da temere dal programma nucleare israeliano? Solo chi vorrebbe tentare di distruggere Israele. Dunque il nucleare israeliano è un fattore di stabilità.

Di Shlomo Aharonson, scienze politiche Università di Gerusalemme

Chi ha da temere dal programma nucleare israeliano? Solo chi vorrebbe tentare di distruggere Israele. Dunque il nucleare israeliano è un fattore di stabilità. Alla vigilia della sua visita in Israele, il direttore generale dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (IAEA) Mohamed ElBaradei ha rilasciato alcune dichiarazioni problematiche. Parlando da Mosca, ha tracciato un parallelo tra […]

Leggi tutto l'articolo ›

Proteste pretestuose di alcuni giornalisti stranieri

Elicotteri israeliani avevano colpito Radio al-Aqsa, dei terroristi Hamas, al terzo piano di un edificio di Gaza.

“Giornalisti senza Frontiere” (un’organizzazione con sede a Parigi che l’ufficio stampa del governo israeliano definisce “politicamente prevenuta tanto che altera deliberatamente la verità dei fatti”) ha diffuso una nota di condanna per i tre razzi lanciati da elicotteri israeliani il 29 giugno scorso contro la sede di Radio al-Aqsa, gestita dai terroristi Hamas, al terzo […]

Leggi tutto l'articolo ›

Il nucleare dIsraele sul web

La dottrina della ambiguità nucleare ha lo scopo di esercitare forza deterrente sui nemici senza offrire loro il pretesto per sviluppare armi nucleari.

Da domenica è in linea il nuovo sito web della Commissione per l’Energia Atomica Israeliana. La versione in inglese del sito, ancora parziale, offre una breve storia della Commissione e un paio di immagini delle due centrali nucleari israeliane di Sorek e Dimona (foto), finora avvolte da gran segreto. “Non metteremo tutto sul sito – […]

Leggi tutto l'articolo ›

Il nucleare dIsraele

Sul piano morale, Israele è lultimo paese al mondo cui si dovrebbe chiedere di denuclearizzarsi.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Sul piano morale, in quanto paese edificato da sopravvissuti a un Olocausto e normalmente minacciato di annientamento dai suoi vicini, Israele è l’ultimo paese al mondo cui si dovrebbe chiedere di denuclearizzarsi. E quand’anche una tale richiesta fosse giustificabile, comunque non ha senso attendersi che ad essa Israele obbedisca. Si può star certi che l’opinione […]

Leggi tutto l'articolo ›

Sharon soddisfatto per la decisione della Corte israeliana

“E' un’importante risposta legale alle calunnie prodotte contro Israele di fronte alla Corte dell’Aia”.

Il primo ministro israeliano Ariel Sharon non intende appoggiare proposte di legge volte ad aggirare la decisione della Corte Suprema relativa alla barriera di sicurezza. Sharon ha anzi detto di essere soddisfatto del pronunciamento della Corte, che riconosce in linea di principio la necessità di costruire la barriera anti-terrorismo. La scorsa settimana la Corte Suprema […]

Leggi tutto l'articolo ›

Barak: Prima la barriera, poi lo stato palestinese

Secondo Ben-Ami il confine delineato da Clinton nel 2000 è il massimo che Israele può accettare.

L’ex primo ministro israeliano Ehud Barak (laburista) preme perché il governo di Gerusalemme non firmi alcun accordo sulla nascita di uno stato palestinese prima che sia completata la barriera anti-terrorismo. E’ importante per la sicurezza di Israele che la barriera venga completata al più presto possibile, ha detto Barak, criticando il primo ministro Ariel Sharon […]

Leggi tutto l'articolo ›