Umm el-Fahm in cambio della Valle del Giordano?

Perché mai un accordo tra re Abdullah e Ben-Gurion dovrebbe essere più sacro di qualunque altra cosa?

L’idea di un grande scambio di terre (come ad esempio cedere ai palestinesi Umm el-Fahm, Taiba e Baka al-Gharbiyeh in cambio di insediamenti e dello strategico crinale dei monti di Cisgiordania) è stata a lungo liquidata dagli ambienti politici perbene come un’esclusiva dell’estrema destra, nient’altro che un altro nome per la vecchia idea, razzista e […]

Leggi tutto l'articolo ›

E se Israele non fosse il problema?

Quando dicono che loccidente è nei guai con i musulmani a causa di Israele, ricordate che le cose non sono così semplici.

di Amir Taheri

Nella sua recente escursione a Ramallah, il ministro degli esteri britannico Jack Straw ha indicato il conflitto israelo-palestinese come la più importante questione che divide Occidente e mondo islamico, riproponendo la nota convinzione generale secondo la quale, risolvendo la questione israelo-palestinese, i rapporti tra Islam e Occidente dal loro stato attuale, tanto prossimo a uno […]

Leggi tutto l'articolo ›

Unità nazionale o elezioni anticipate

Sharon: 'In ogni caso il piano di disimpegno verrà attuato, punto e basta.

”Le opzioni sono chiaramente due: governo di unità nazionale [con laburisti e partiti religiosi] o elezioni anticipate”. Lo ha detto giovedì il primo ministro israeliano Ariel Sharon all’indomani del voto contrario della Knesset alla legge di bilancio presentata dal suo governo. Dopo la votazione, Sharon ha destituito i ministri del partito laico di centro Shinui, […]

Leggi tutto l'articolo ›

Affrontare l’Iran, in coordinamento con gli Usa

? difficile credere che un paese così ricco di petrolio abbia bisogno di arricchire uranio a scopi civili.

Da un editoriale di Ha’aretz

La crisi internazionale sul programma nucleare iraniano ha trovato una soluzione diplomatica provvisoria. L’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica ha adottato un accordo raggiunto fra Iran e i tre europei (Germania, Gran Bretagna e Francia) con il quale Tehran si impegna a un “volontario passo per creare fiducia”: la cessazione dei suoi sforzi per produrre uranio […]

Leggi tutto l'articolo ›

Israele denuncia ruolo di Hezbollah (e Iran) nel terrorismo palestinese

Quasi l80% del terrorismo in nord Cisgiordania è guidato e finanziato da Hezbollah o dall'Iran.

Nel suo intervento al vertice euro-mediterraneo in corso a L’Aja (nel quadro del processo di cooperazione di Barcellona), il ministro degli esteri israeliano Silvan Shalom pone l’accento, martedì, sul crescente ruolo svolto dai terroristi sciiti libanesi Hezbollah, filo-iraniani appoggiati dalla Siria, nell’organizzare e finanziare il terrorismo palestinese anti-israeliano. Secondo fonti diplomatiche, Israele intende attirare l’attenzione […]

Leggi tutto l'articolo ›

Il paese che Israele vuole essere

Se la guerra è un inferno, la guerra contro il terrorismo è un inferno ancora peggiore.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Se la guerra è un inferno, la guerra contro il terrorismo è un inferno ancora peggiore. È facile sminuire le cose a tavolino, ma nella realtà è persino difficile persino immaginare il peso che grava su giovani soldati chiamati a combattere contro nemici che deliberatamente si mimetizzano da civili e che arrivano al punto di […]

Leggi tutto l'articolo ›

Larma dei deboli?

Chi giustifica il terrorismo si basa fondamentalmente su due argomenti.

di Evelyn Gordon

Chi giustifica il terrorismo si basa fondamentalmente su due argomenti: che il terrorismo è un mezzo efficace per conseguire un obiettivo, e che è l’unico mezzo a cui può ricorrere la parte più debole. Si può dimostrare che entrambe queste asserzioni sono infondate. Lungi dall’essere efficace, la stragrande maggioranza dei movimenti terroristici è risultata un […]

Leggi tutto l'articolo ›

Nuove minacce, nuove risposte

Mantenere loccupazione sui territori non offre risposta a nessuna di queste minacce.

di Amnon Rubinstein

La rielezione del presidente George W. Bush, uno dei più vicini a Israele, e la scomparsa di Yasser Arafat, una delle figure più negative nella storia del Medio Oriente, richiede che Israele cerchi di cogliere le opportunità poste dalla nuova situazione. Una nuova dirigenza palestinese potrebbe anche tentare di porre fine al terrorismo, come prevede […]

Leggi tutto l'articolo ›

Quel che non va in Barghouti

? paradossale che coloro che dicono che Israele non deve interferire nella scelta del leader dei palestinesi, sono pronti a incornare Barghouti come il loro legittimo rappresentante.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Se c’è qualcuno più responsabile di Yasser Arafat per l’inutile guerra terroristica costata la vita a migliaia di israeliani e palestinesi, questi è proprio Marwan Barghouti, che oltretutto rivendica con orgoglio di esserne stato uno degli artefici. Come ebbe a spiegare lo stesso Barghouti in un’intervista al quotidiano arabo edito a Londra Al-Hayat esattamente un […]

Leggi tutto l'articolo ›

Prima risoluzione Onu contro attentati suicidi

Per decenni lOnu ha approvato risoluzioni anti-israeliane senza alcun riferimento al terrorismo.

Per la prima volta l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato mercoledì sera una risoluzione che condanna gli attentati suicidi contro civili israeliani. La risoluzione esprime infatti, tra l’altro, “profonda preoccupazione per gli attentati esplosivi suicidi, che provocano perdite di vite israeliane”. Hanno votato a favore 142 stati, cinque hanno votato contro, sei si sono […]

Leggi tutto l'articolo ›