In salvo a Gerusalemme, la blogger che rischiava l’espulsione in Iran ringrazia Israele d’averle salvato la vita

Il direttore di Times of Israel: “Non c’è stato nessuno che mi abbia detto che non c'era niente da fare. Da giornalista, critico spesso il mio paese ma oggi sono fiero dello Stato di Israele”

Poche ore dopo il suo arrivo all'aeroporto di Ben Gurion, giovedì mattina, la giornalista e dissidente iraniana Neda Amin, che temeva d’essere espulsa dalla Turchia verso il suo paese natale, ha ringraziato Israele in una conferenza stampa per averle offerto rifugio e averle salvato la vita.

Leggi tutto l'articolo ›

“Ho una proposta: Betlemme capitale della Palestina”

"Vediamo se il mondo cristiano sarà disposto ad accettare che il luogo natale di Gesù vanga trasformato nella capitale di coloro che ne hanno cacciato la popolazione cristiana"

Di Barry Shaw

Il mondo si è rivelato assai miope quando ha accettato di dichiarare che il sito del Tempio di Gerusalemme e il Muro Occidentale, ultimo resto dei contrafforti del Monte del Tempio, sono islamici e non fanno parte di Israele.

Leggi tutto l'articolo ›

“Vi farò a pezzi, ripulirò il paese da ogni ebreo, lo giuro sulla mia religione”

Video musicale che esalta la più cruda violenza contro gli israeliani circola virale sui social network palestinesi dai giorni delle violenze al Monte del Tempio

Un video musicale cantato in ebraico che esorta alla violenza ed esalta gli attacchi contro ebrei e israeliani si è diffuso in modo virale sui social network palestinesi a partire dai giorni in cui venivano fomentati violenti disordini attorno al Monte del Tempio di Gerusalemme

Leggi tutto l'articolo ›

C’è chi cita freddure antisemite pur di sostenere che Israele è la causa dell’antisemitismo

In ogni epoca gli agitatori anti-ebrei hanno sempre sostenuto che reagivano ai “misfatti” degli ebrei: Israele non è che l’ultimo pretesto

Di Dave Rich

Identificare l'antisemitismo e studiare come contrastarlo e sconfiggerlo non è impresa facile, ma in più di due decenni di lavoro e studio in questo campo ho messo a punto una semplice regola: non scimmiottare gli antisemiti contro cui ci si  batte.

Leggi tutto l'articolo ›

Il coraggioso (e lungimirante) cedimento di Netanyahu sul Monte del Tempio

Alla fine Israele, e solo Israele, ha mostrato ragionevolezza e flessibilità: ora chiunque può vedere chi c’è veramente dall’altro lato del presunto tavolo negoziale

Di Alexander J. Apfel

È fin troppo facile affermare che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu "si è piegato" o "ha ceduto" sotto la minaccia palestinese di continuare a combattere e morire finché non fossero state completamente rimosse dal Monte del Tempio le misure di sicurezza recentemente installate da Israele.

Leggi tutto l'articolo ›