Poco entusiasmo per il piano saudita

Inutile aspettarsi svolte mentre si decidono nuovi assetti di governo in Israele, Usa e Autorità Palestinese

Da un articolo di Herb Keinon

image_2289Alti funzionari a Gerusalemme hanno snobbato domenica l’improvvisa ondata di interesse, sia in Israele sia all’estero, per l’Iniziativa di pace araba (nota come Piano saudita), dicendo che l’ondata è semplicemente il riflesso, da una parte, di un processo diplomatico in stallo, e dall’altra del periodo di transizione a livello governativo che vivono Israele, Stati Uniti e Autorità Palestinese.
“Ogni volta che il processo diplomatico va in impasse – ha detto domenica un alto funzionario – c’è qualcuno che tira fuori il Piano saudita. E i sauditi hanno tutto l’interesse a riportarlo alla ribalta per darsi un contegno ‘costruttivo’ col quale accogliere il nuovo presidente americano”.
L’Iniziativa di pace araba, basata sul Piano saudita del febbraio 2002, prevede il completo ritiro israeliano da tutti i territori conquistati nella guerra dei sei giorni del 1967, compresa la parte est e la parte vecchia di Gerusalemme, in cambio di un impegno da parte del mondo arabo a normalizzare i rapporti con Israele. Il piano prevede anche il “diritto” dei profughi palestinesi e dei loro discendenti di insediarsi in Israele.
Il piano sembra tornato di gran moda, in questi giorni. Il presidente d’Israele Shimon Peres avrebbe parlato con il leader spirituale del partito Shas, Ovadia Yosef, della necessità di procedere verso un accordo regionale, e non solo verso accordi bilaterali con siriani e palestinesi. Il re di Giordania Abdullah II ha dichiarato al quotidiano spagnolo El Pais che il piano offre un’autentica opportunità di composizione pacifica. In Gran Bretagna, il Guardian ha pubblicato un servizio intitolato “E’ ora di riesumare il piano di pace arabo”. In Israele, il ministro della difesa Ehud Barak si è unito al coro affermando, domenica, alla radio Galei Tzahal di averne discusso di recente col ministro degli esteri Tzipi Livni nel quadro dei loro colloqui per la formazione della nuova coalizione di governo.
Barak, come Peres, sostiene che, dal momento che si registrano ben pochi progressi sui binari negoziali bilaterali con Siria e Autorità Palestinese, potrebbe essere proficuo perseguire una composizione più ampia a livello regionale. “Vi sono sicuramente i margini per proporre un complessivo piano di pace israeliano – ha detto – che controbilanci il piano saudita e serva da base per una discussione su una globale pace regionale”.
Il problema con tutti questi discorsi, dice un’altra fonte diplomatica qualificata, è che ignorano ciò che è accaduto poco più di un anno fa. Il Piano saudita venne “rilanciato” a Riyad nel marzo 2007 e, poco dopo, la Lega Araba incaricava Egitto e Giordania, per via dei legami diplomatici che questi due paesi hanno con Israele, di portare il piano a Gerusalemme. Tra grandi fanfare, i ministri degli esteri egiziano e giordano, Ahmed Abul Gheit e Abdelelah al-Khatib, vennero a Gerusalemme. Ma, dopo una conferenza stampa con la Livni in cui il loro arrivo nella veste di delegazione ufficiale della Lega Araba venne salutato come un evento storico, di quell’autorevole gruppo di lavoro non si seppe più nulla.
“Il fatto è che presentarono il piano come un aut-aut: prendere o lasciare”, ricorda un funzionario. E quando Israele chiese dei chiarimenti che si sarebbero dovuti discutere con la Lega Araba, l’intera questione scomparve dalla scena.
Oggi, continua il funzionario, “i negoziati con i palestinesi sono in stallo e sono in corso trattative per la nuova coalizione di governo, e allora saltano fuori qua e là varie idee. Oltretutto è periodo di grandi festività, in Israele: non succede granché, per cui mezze idee che vengono sollevate nel contesto delle trattative di governo ricevono molta più attenzione di quanta non ne avrebbero normalmente”.
Comunque, sottolinea la fonte israeliana, “in questo momento non c’è un governo con cui parlare di questo tema: né qui, né nell’Autorità Palestinese e nemmeno negli Stati Uniti”. Il funzionario mette in guardia dall’aspettarsi nuove iniziative diplomatiche lanciate o rilanciate in questo periodo, che siano della Lega Araba o di altri: perché non è ancora chiaro come sarà il nuovo governo israeliano, né quando entrerà in funzione; nessuno sa chi avrà il controllo dell’Autorità Palestinese a partire dal 10 gennaio, giorno in cui Hamas ha dichiarato che non riconoscerà più Mahmoud Abbas (Abu Mazen) come presidente; e infine non è chiaro che aspetto avrà la nuova amministrazione americana.

(Da: Jerusalem Post, 20.10.08)

Nella foto in alto: il ministro degli esteri Giordano Abdelelah al-Khatib (a sin), quello israeliano Tzipi Livni (al centro) e quello egiziano Ahmed Aboul Gheit a Gerusalemme il 25 luglio 2007

Vedi anche:

Hamas e il piano saudita

http://www.israele.net/sezione,,1204.htm