Sezione: News

40 operatori dei media israeliani e palestinesi si incontrano ad Amman per lanciare “una campagna volta a promuovere l’immagine della pace”. Prevista la partecipazione di celebri pubblicitari, registi e giornalisti israeliani.

Il ministro dellindustria israeliano Olmert ha deciso la chiusura del centro industriale di Erez al confine fra Israele e striscia di Gaza per problemi di sicurezza. Dallinizio dellintifada, il centro simbolo della cooperazione israelo-palestinese dopo Oslo (che dà lavoro a circa 4.000 palestinesi) ha subito almeno 5 attentati letali e numerosi tentativi di attentato.

Secondo fonti palestinesi, Arafat avrebbe accettato le condizioni poste dallEgitto (vedi: “L’Egitto ad Arafat” su israele.net, 1.06.04), ma gli egiziani diffidano ancora delle sue vere intenzioni e chiedono ulteriori garanzie.

Nasdaq nominerà un direttore dedicato al mercato israeliano: Israele è secondo solo agli Usa per società quotate su Nasdaq.

Nel nord della striscia di Gaza terrorista di Hamas fa fuoco con razzi anti-carro: ucciso dalla reazione dei soldati israeliani.

Stabilite le date di smantellamento degli insediamenti della striscia di Gaza. Alcuni coloni lasceranno volontariamente le loro abitazioni in cambio di compenso a partire da agosto. Lo sgombero sarà completato nel settembre 2005.

Palestinese delle Brigate Martiri di Al-Aqsa ucciso durante la notte dalle forze di sicurezza israeliane mentre tentavano di arrestarlo a Jenin. Arrestati in Cisgiordania 28 sospetti terroristi.

Missili lanciati martedì notte da un elicottero israeliano contro un magazzino di armi appartenente a Hamas nella città di Gaza. Feriti due palestinesi.

Gli Usa spingono Israele a smantellare gli avamposti illegali della Cisgiordania. ”Non potete tirar fuori scuse tutto il tempo” ha dichiarato un funzionario dell’amministrazione Bush.

Vice pm Ehud Olmert: almeno 6 quartieri arabi di Gerusalemme est andranno trasferiti in futuro sotto pieno controllo palestinese. ”Gerusalemme mi è cara, ma non si deve perdere il senso delle proporzioni sulle aree periferiche delle quali non abbiamo bisogno”.