25 ottobre 2021

Secondo notizie di stampa, il Consiglio israeliano per la pianificazione edilizia in Cisgiordania intende approvare entro la fine del mese 4.400 nuove unità abitative per ebrei e arabi nelle Aree C (che sono sotto giurisdizione israeliana, in base agli accordi firmarti dalle due parti negli anni ‘90): si tratterebbe di progetti per circa 3.100 abitazioni nelle comunità ebraiche e circa 1.300 nei villaggi palestinesi. Il Consiglio di solito si riunisce quattro volte l’anno per discutere progetti edilizi nelle Aree C, ma quest’anno si è riunito solo una volta, a gennaio, promuovendo 780 unità abitative cioè molte meno che negli anni precedenti. L’Area C costituisce ca. il 60% della Cisgiordania ma vi abita ca. il 10% della popolazione palestinese. Israele non costruisce nelle Aree A e B che sono sotto giurisdizione dell’Autorità Palestinese. Per il momento, il ministro dell’edilizia Ze’ev Elkin ha annunciato domenica bandi per la costruzione di 1.355 unità abitative in Cisgiordania “dopo un lungo periodo di stagnazione”.