30 maggio 2019

A sei mesi dall’operazione Scudo Settentrionale, le Forze di Difesa israeliane hanno annunciato mercoledì che nei prossimi giorni procederanno alla neutralizzazione del più sofisticalo e pericoloso tunnel terroristico di Hezbollah scoperto al confine con il Libano. Scavato nell’arco di diversi anni fino all’incredibile profondità di 80 metri, il tunnel lungo 1 km partiva dal villaggio libanese di Ramiya e penetrava per 77 metri in territorio israeliano vicino alle comunità di Zarit e Shetula, ed era dotato di illuminazione, ventilazione, interfono, scale in cemento e rotaie per il trasporto di attrezzature. Il gruppo sciita filo-Iran intendeva usarlo per infiltrare decine di terroristi con cui attaccare i villaggi israeliani della zona. Verrà sigillato con una colata di cemento. Le Forze di Difesa israeliane affermano di essere a conoscenza di altri tunnel che si trovano solo sul versante libanese della frontiera.

(clicca per ingrandire)

(clicca per ingrandire)

(clicca per ingrandire)