7 luglio 2016

“È ora che il mondo lo riconosca: la via della pace passa attraverso i negoziati. Ma noi siamo pronti a intavolare negoziati diretti bilaterali e senza precondizioni mentre loro, i palestinesi, rifiutano il negoziato. Quello che impedisce la pace non sono un po’ di case costruite nei quartieri est di Gerusalemme o nella municipalità di Ma’ale Adumim. Quello che impedisce la pace è la continua istigazione contro l’esistenza di Israele entro qualunque confine, ed è tempo che le nazioni del mondo riconoscono questa semplice verità”. Lo ha detto il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu rispondendo alle domande dei giornalisti durante una conferenza stampa, mercoledì a Kigali (Ruanda).