Hamas: “E’ un conflitto di fede, un conflitto esistenziale e non sui confini”

Rajaa Al-Halabi: “Noi palestinesi dobbiamo compiere la volontà di Allah e farla finita con gli ebrei”

Durante una manifestazione a Gaza trasmessa il 9 luglio 2020 dalla TV Al-Aqsa di Hamas, Rajaa Al-Halabi, presidente del Movimento delle donne di Hamas, ha proclamato che Allah punirà gli ebrei, da lei definiti “traditori assassini di profeti”, e che i palestinesi non accetteranno mai di dividere la terra.

Rajaa Al-Halabi ha spiegato che il conflitto dei palestinesi contro gli israeliti e il nemico sionista è un conflitto di fede e non sui confini, e che per quel nemico non vi è alcun posto in Palestina.

Ha poi aggiunto che il destino dei palestinesi è compiere la volontà di Allah facendola finita con gli israeliti, e che Allah ha portato gli ebrei in Palestina affinché essa possa diventare il loro cimitero.


Rajaa Al-Halabi, presidente del Movimento delle donne di Hamas: “In verità, questi sono gli israeliti. Questi sono gli ebrei. Sono quelli che hanno ucciso i profeti, quelli che hanno agito con tradimento e hanno profanato [i santuari]. In verità, mie care sorelle, il nostro conflitto con il nemico sionista è una questione di fede, non di confini. Non occorre dire che non ci accontenteremo di ciò che abbiamo qui. Non accetteremo di dividere la terra e prenderne solo una parte. Questa terra sarà nostra nella sua interezza, ad Allah piacendo, perché il nostro conflitto con il nemico sionista è un conflitto esistenziale, non un conflitto sui confini. Questo nemico, venuto da tutti gli angoli del mondo, non ha posto qui, ma questo è ciò che Allah ha voluto per loro. Questo è il nostro destino, mie amate sorelle: essere la mano di Allah sulla Terra, la mano che la farà finita con gli israeliti, questo nemico sionista, ad Allah piacendo. Allah li ha portati qui a frotte affinché la Palestina diventi il loro cimitero, ad Allah piacendo”.
(Da: TV Al-Aqsa di Hamas, 9.7.20)

(Da: MEMRI Middle East Media Research Institute, 9.7.20)