Quindici utili suggerimenti per il nuovo Commissario dell’Unrwa

L’agenzia per i profughi palestinesi vìola da tempo, e in molti modi, scopi e ideali delle Nazioni Unite

Di David Bedein

L’insediamento del diplomatico svizzero Philippe Lazzarini come nuovo Commissario generale dell'Unrwa offre l’occasione, ai paesi che sostengono finanziariamente l’agenzia Onu per i profughi palestinesi e che sovrintendono alle sue politiche, per chiedere delle riforme:

Leggi tutto l'articolo ›

Luce verde al governo di coalizione Netanyahu-Gantz

La Corte Suprema ha respinto le petizioni, la Knesset ha proposto a maggioranza il premier uscente e il presidente Rivlin ha conferito l’incarico al leader del Likud scongiurando una quarta tornata elettorale

La Corte Suprema israeliana ha respinto all'unanimità, mercoledì sera, una serie di petizioni volte a impedire l’incarico a Benjamin Netanyahu di formare il nuovo governo, a causa delle incriminazione a suo carico, e a bloccare l'accordo di coalizione firmato lo scorso 20 aprile da Netanyahu e dal leader del partito Blu-Bianco Benny Gantz.

Leggi tutto l'articolo ›

Nel mondo arabo, il lockdown continuerà a lungo dopo il coronavirus

Odio e violenza, alimentati da fanatismo religioso razzismo antisemitismo e xenofobia, sono il vero blocco che impedisce al Medio Oriente di funzionare come una società moderna e tollerante

Di Fred Maroun

Quando è iniziato il lockdown, la chiusura sociale causata dall’epidemia di covid-19, immediatamente sono stato assalito dall’angoscia di ritrovarmi nella guerra civile libanese da cui sono venuto via 36 anni fa.

Leggi tutto l'articolo ›

Rispetto per la Corte

Israele deve preservare le sue istituzioni democratiche e garantire che lo stato di diritto perduri a prescindere da chi è alla guida del paese

Editoriale del Jerusalem Post

Domenica la Corte Suprema d’Israele si è riunita in sessione allargata a undici giudici, guidati dalla presidente Esther Hayut, per esaminare una petizione circa la legalità o meno del fatto che venga incaricato di formare la coalizione di governo il primo ministro ad interim Benjamin Netanyahu, incriminato in tre presunti casi di corruzione, frode e abuso d’ufficio.

Leggi tutto l'articolo ›