“Manifestazioni pacifiche? Ma figuriamoci!”

"Conosco le Forze di Difesa israeliane e mi ero già fatto un’idea, ma volevo vedere di persona, guardare negli occhi i soldati al confine e sentire da loro cosa pensano di questa situazione"

Di Reuven Ben-Shalom

“Mettiti questi – mi ha ingiunto un ufficiale senza tanti complimenti, porgendomi un elmetto e un giubbotto in kevlar – e tieni la testa bassa”. Le favole di Hamas sulle "proteste pacifiche" vanno in pezzi non appena ci si scontra con la realtà.

Leggi tutto l'articolo ›

Quando è necessario fare la voce grossa

A differenza dei paesi europei (che temono solo di perdere i loro affari e credono che atteggiamenti accomodanti possano placare l'aggressore) in Medio Oriente nessuno si fa illusioni sull'Iran e sulle sue intenzioni

Di Eyal Zisser

Per tutti coloro che dubitavano della logica dietro la decisione del presidente americano Donald Trump di ritirarsi dall'accordo nucleare con l'Iran, le notizie sul tentativo di Teheran di lanciare razzi contro il territorio israeliano hanno ancora una volta messo in luce la vera natura e le ambizioni di Teheran.

Leggi tutto l'articolo ›

Com’è che l’Iran la fa sempre franca?

L'Iran ha l'abitudine di immischiarsi negli altri paesi e avvilupparli nella sua politica, per poi sostenere che qualsiasi tentativo di sganciarlo da lì causerà "instabilità"

Di Seth J. Frantzman

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, il ministro degli esteri britannico, il presidente francese, l'ex segretario di stato americano John Kerry, tutti sembrano prendere le difese dell’accordo sul nucleare iraniano.

Leggi tutto l'articolo ›

Immagini esclusive dall’interno di Gaza rivelano il vero volto della “marcia del ritorno”

In un video di 11 minuti, le sconcertanti immagini dell’indottrinamento, del fanatismo, della violenza

"Benvenuti alla sfilata per il ritorno, l'ultimo grande spettacolo messo in piedi da Hamas. Ogni giorno tra 10mila e 30mila arabi musulmani partecipano a questa nuova operazione che nasconde i suoi veri connotati letteralmente dietro una cortina fumogena".

Leggi tutto l'articolo ›

Il problema non è (solo) l’ossessione anti-ebraica di Abu Mazen

Impossibile la pace, finché narrativa e identità palestinese si fondano su negazione del popolo ebraico, dottrina del “peccato originale" d’Israele e teorie del complotto antisemite

Di Ben Cohen, Yossi Kuperwasser

Per quanto benvenute siano le svariate condanne del recente discorso antisemita del presidente dell'Autorità Palestinese Abu Mazen al Consiglio Nazionale palestinese (dalla nuova direttrice dell'Unesco, al New York Times, all’European External Action Service), c'è un punto più sostanziale che generalmente queste condanne non colgono.

Leggi tutto l'articolo ›

C’è voluto Abu Mazen per dimostrare che la pace non è possibile finché i palestinesi non capiscono i diritti degli ebrei in quella terra

Quando persino il New York Times scrive che Abu Mazen ha perso ogni credibilità come interlocutore di pace, vuol dire che qualcosa comincia a cambiare

Di Raphael Ahren

Quando mercoledì scorso il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha esortato la comunità internazionale a "condannare le gravi espressioni antisemite di Abu Mazen", il mondo ha risposto con rara solerzia.

Leggi tutto l'articolo ›

La stampa araba si interroga (finalmente) sulle vere ragioni del successo di Israele

Abbandonando vecchi alibi, vari opinionisti indicano istruzione, innovazione, democrazia, stato di diritto e “il duro lavoro” degli israeliani

Negli ultimi tempi diversi giornali in lingua araba hanno pubblicato articoli che invitano a riflettere fuori dagli schemi sulla riconosciuta superiorità d'Israele rispetto ai paesi arabi e su quali misure dovrebbero essere prese per accorciare la distanza.

Leggi tutto l'articolo ›

Le reazioni derisorie al discorso di Netanyahu dimostrano che il mondo rifiuta di aprire gli occhi

L’Iran non vìola l’accordo perché va tutto a suo vantaggio, ma Israele ha dimostrato la doppiezza e le vere intenzioni dell’Iran che i negoziatori non vogliono vedere

Di David Horovitz

Le reazioni in gran parte derisorie, negli ambienti internazionali e in particolare tra le nazioni che hanno negoziato la capitolazione nucleare del 2015 con l'Iran, alla valanga di prove illustrata dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu lunedì sera circa il programma per armi nucleari iraniano, non fanno che sottolineare la loro incompetenza, il loro fallimento, la loro ipocrisia

Leggi tutto l'articolo ›