Cosa ci aspettiamo da Abu Mazen

Quattro sono i temi su cui il mondo libero dovrebbe concentrare l'attenzione.

Di Natan Sharansky

Che l’elezione di Abu Mazen si traduca in una svolta nella ricerca della pace dipende in modo cruciale dalla disponibilità del mondo libero, guidato dagli Stati Uniti, di stabilire un collegamento fra la sua politica nei confronti del nuovo governo palestinese e il grado di libertà che l’Autorità Palestinese concederà ai propri cittadini. Sebbene molte […]

Leggi tutto l'articolo ›

Elezioni palestinesi: un esempio per il mondo arabo?

Forse le elezioni del 9 gennaio sono state la scossa di cui avevano bisogno i regimi totalitari arabi.

Le elezioni del 9 gennaio per la presidenza dell’Autorità Palestinese sono state la scossa di cui avevano bisogno i regimi totalitari del resto del mondo arabo. Lo afferma Nagi al-Ghatrifi, vice presidente del partito egiziano Al-Ghad. “Anche tra gli arabi c’è chi sostiene che nel mondo arabo non è ancora il momento di introdurre riforme […]

Leggi tutto l'articolo ›

Le forze armate israeliane non si aspettano grandi cambiamenti

Il terrorismo continuerà, orchestrato soprattutto dallesterno, creando difficoltà al governo Abu Mazen.

Le Forze di Difesa israeliane si aspettano un processo “lungo e difficile” prima che si stabilizzi definitivamente la nuova dirigenza nell’Autorità Palestinese. Il terrorismo palestinese continuerà, orchestrato soprattutto dall’esterno, e ciò metterà in difficoltà il nuovo governo del presidente palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) mentre sarà impegnato a “riorganizzarsi”. Secondo la valutazione della Difesa israeliana, […]

Leggi tutto l'articolo ›

Approvata dal parlamento la nuova coalizione di governo

58 voti contro 56, grazie anche allappoggio esterno di parlamentari arabi e della sinistra sionista.

Approvato dalla Knesset lunedì sera (58 voti contro 56) il nuovo governo tricolore israeliano (Likud-Laburisti-Ebraismo Unito della Torah), grazie anche all’appoggio esterno dello Yahad (sinistra sionista) e all’astensione di due parlamentari arabi (Talab al-Sana e Abdulmalik Dehamshe). Sei in totale gli astenuti (fra cui Yossi Sarid dello Yahad, e Meir Porush di Ebraismo Unito). Tredici […]

Leggi tutto l'articolo ›

Come aiutare Abu Mazen

Se la comunità internazionale desidera davvero la fine del terrorismo e il successo della democrazia palestinese, allora deve cambiare atteggiamento

Da un editoriale del Jerusalem Post

Israele e il resto del Medio Oriente, per non dire degli stessi palestinesi, hanno un chiaro interesse per il successo della democrazia nella società palestinese. Solo pochi mesi fa l’opinione corrente era che le uniche alternative al regime di Yasser Arafat fossero l’estremismo e l’anarchia. Le ordinate operazioni di voto di domenica e la relativa […]

Leggi tutto l'articolo ›

Presidente Katsav: Abu Mazen può voltare pagina in Medio Oriente

Purché le condanne del terrorismo non siano fatte solo a parole

Mahmoud Abbas (Abu Mazen) potrebbe scrivere un nuovo capitolo nella storia del Medio Oriente. Lo ha detto domenica il presidente d’Israele Moshe Katsav parlando ai membri dell’associazione parlamentare di amicizia Giappone-Israele, in visita a Gerusalemme. Katsav ha detto d’essere convinto che Abu Mazen è sincero quando afferma che il terrorismo è stato una tragedia per […]

Leggi tutto l'articolo ›

Coordinamento fra israeliani e palestinesi per le elezioni del 9 gennaio

La grande quantità di osservatori internazionali suscita anche qualche sorriso.

Settimane di intensi preparativi in coordinamento tra funzionari israeliani e dell’Autorità Palestinese culmineranno nel prossimo fine settimana nell’Operazione “Curtain Raiser”, volta a garantire che domenica prossima migliaia di palestinesi possano scegliere in sicurezza il loro nuovo leader. Per la prima volta dopo anni, funzionari della sicurezza israeliani e palestinesi siederanno fianco a fianco nella situation […]

Leggi tutto l'articolo ›

Più vicino allatomica un paese mediorientale grazie a traffici clandestini

Siria, Egitto o Arabia Saudita avrebbero acquisito capacità nucleare attraverso il traffico illegale darmi del pakistano Qadeer Khan.

A pochi giorni da quando l’ex capo dei servizi segreti israeliani Ephraim Halevy ha espresso il timore che Siria, Egitto e Arabia Saudita abbiano acquisito qualche tipo di capacità nucleare attraverso la rete di traffico illegale d’armi di Abdul Qadeer Khan, l’architetto della bomba atomica pakistana, fonti dei servizi dell’intelligence militare israeliana hanno dichiarato al […]

Leggi tutto l'articolo ›

Attentato terrorista provoca ritardi nel pellegrinaggio alla Mecca

Terrorista palestinese attacca il valico di Erez e blocca il transito di 800 fedeli musulmani.

Un terrorista palestinese ha attaccato il valico di Erez con armi ed esplosivi ed è stato ucciso dalla risposta dei soldati. L’attentato è avvenuto mentre 800 fedeli musulmani si apprestavano ad attraversare il passaggio per compiere il pellegrinaggio alla Mecca. Verso mezzanotte il terrorista insieme ad altri complici è arrivato al terminal dal lato palestinese […]

Leggi tutto l'articolo ›

Ditta israeliana offre gratis sistema dallarme terremoto ai paesi colpiti dallo tsunami

Il sistema utilizza sensori e chip per individuare le prime onde sismiche e distinguerle dalle altre.

Una ditta israeliana ha dichiarato lunedì che intende distribuire gratis nei paesi del sudest asiatico colpiti dal devastante tsunami del 26 dicembre un apparecchio di propria invenzione che potrebbe salvare molte vite in caso di terremoto/maremoto grazie alla sua capacità di fornire un affidabile preavviso con un margine di anticipo sufficiente in parecchi casi per […]

Leggi tutto l'articolo ›