Un discorso storico

Il significato del discorso di Sharon allOnu non sta tanto nel fatto che abbia detto qualcosa di nuovo.

Da un editoriale di Ha'aretz

Il significato del discorso che il primo ministro israeliano Ariel Sharon ha tenuto davanti all’Assemblea Generale delle Nazioni Uniti non sta tanto nel fatto che abbia detto qualcosa di nuovo, bensì nel fatto che Sharon non si è tirato indietro dalle posizioni moderate espresse nel recente passato, anche se tardive. Davanti a tutto il mondo […]

Leggi tutto l'articolo ›

Alta Corte: La barriera è legittima, ma deve tener conto delle esigenze dei palestinesi

Accolto un ricorso per il cambiamento del tracciato della barriera attorno ad Alfei Menashe.

La Corte Suprema israeliana, nella sua funzione di Alta Corte di Giustizia, ha accolto giovedì una petizione contro il percorso di 13 km della barriera difensiva attorno la cittadina israeliana di Alfei Menashe (5.500 abitanti, circa 4 km ad est della Linea Verde: ex linea armistiziale fra Israele e Giordania dal 1949 al 1967). La […]

Leggi tutto l'articolo ›

Sharon allOnu: diritti di libertà e sovranità per Israele e per i palestinesi

Ma ora tocca ai palestinesi dimostrare il loro desiderio di pace.

“Oggi io, che sono stato condotto dalle circostanze della vita a diventare combattente e condottiero militare in tutte le guerre d’Israele, tendo la mano ai nostri vicini palestinesi in un appello per la riconciliazione e il compromesso, affinché possiamo porre fine al sanguinoso conflitto e, insieme, avviarci sulla strada che conduce alla pace tra le […]

Leggi tutto l'articolo ›

Acrobazie propagandistiche

A proposito della pretesa palestinese di continuare a definire Gaza territorio occupato.

Da un articolo di Dore Gold

Anche dopo il completo ritiro israeliano di tutti i militari e civili dai 21 insediamenti nella striscia di Gaza, esponenti e portavoce ufficiali palestinesi cercano di sostenere che il disimpegno cambia poco e che, per quanto li riguarda, “Gaza rimane territorio occupato”. Tre sono gli argomenti usati dai palestinesi per sostenere questa tesi. Primo, come […]

Leggi tutto l'articolo ›

Quanti ultimi test per i palestinesi?

Rabin spiegava Oslo come un test per i palestinesi, un rischio calcolato per gli israeliani.

Da un articolo di Caroline Glick

[…] Quando, dodici anni fa, il primo ministro Yitzhak Rabin abbracciò Yasser Arafat e l’Olp e intraprese il processo di pace di Oslo, seppe convincere della validità della sua politica i falchi della sicurezza spiegando che da allora i palestinesi, e non Israele, sarebbero stati messi sotto il microscopio. Diceva Rabin che, se i palestinesi […]

Leggi tutto l'articolo ›

I cancelli di Gaza

La mancata cerimonia del passaggio di consegne come metafora dei rapporti fra Israele e Autorità Palestinese.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Alle tre del pomeriggio di domenica 11 settembre, ultimo giorno di Israele nella striscia di Gaza, il comandante delle Forze di Difesa israeliane a Gaza generale Aviv Kochavi aveva intenzione di consegnare agli ufficiali dell’Autorità Palestinese le mappe dettagliate delle strutture idriche, elettriche e fognarie. Ma la cerimonia congiunta del passaggio delle consegne si è […]

Leggi tutto l'articolo ›

Lultimo soldato israeliano lascia la striscia di Gaza

Capo di stato maggiore: Non ammetteremo inettitudini, non tollereremo attentati terroristici.

Dopo 38 anni è terminato il governo israeliano sulla striscia di Gaza: una breve cerimonia militare tenuta nella base della Divisione Gaza a Neve Dekalim ha marcato domenica sera la fine del controllo israeliano sul territorio conquistato durante la guerra dei sei giorni del 1967 agli egiziani, che l’avevano a loro volta occupato nel 1948 […]

Leggi tutto l'articolo ›

Portali a casa, Abu Mazen

La questione dei profughi è il vero test per capire se l'AP vuole il bene della sua gente.

Da un articolo di Evelyn Gordon

I politici israeliani hanno ripetutamente dichiarato che il vero test sulla volontà dell’Autorità Palestinese di fare la pace è vedere se combatterà le organizzazioni terroristiche a Gaza dopo il ritiro di Israele. Si tratta sicuramente di una questione cruciale, ma non si deve ignorare un altro test altrettanto decisivo per capire le intenzioni dell’Autorità Palestinese: […]

Leggi tutto l'articolo ›

Prendi i soldi e spara

Dopo aver ricevuto 50 milioni di dollari dagli Usa, lAutorità Palestinese invoca attentati anti-americani.

Un rapporto pubblicato dal Palestinian Media Watch rivela che, dopo la firma di un accordo con gli Stati Uniti che garantisce all’Autorità Palestinese 50 milioni di dollari di aiuti americani per case e infrastrutture (nella striscia di Gaza post-ritiro israeliano), funzionari della stessa Autorità Palestinese hanno invocato attentati contro i soldati americani, definendo gli Stati […]

Leggi tutto l'articolo ›

Moussa Arafat: un relitto del malgoverno di suo zio

Dopo la morte di Yasser Arafat, molti suoi accoliti sono stati dimessi o sono fuggiti nei paesi arabi vicini.

Con l’uscita dell’odiato Moussa Arafat dalla scena palestinese, la famiglia Arafat perde un altro dei suoi uomini più influenti. Fathi, fratello minore di Yasser Arafat, era già morto di cancro in un ospedale del Cairo poche settimane dopo il decesso, a Parigi, dell’allora presidente dell’Autorità Palestinese Yasser. L’unico componente della famiglia Arafat che continua ad […]

Leggi tutto l'articolo ›