Gioco di finzioni

Il mondo chiede che Hamas finga di accettare Israele, come fece lOlp nel 1988.

Da un articolo di Saul Singer

A quanto pare il mondo intero, compresi Russia ed Egitto, chiede che Hamas riconosca il diritto di Israele ad esistere. In realtà quello che chiede è che Hamas finga di accettare Israele, come fece l’Olp nel 1988. Purtroppo, come si è visto, una finzione di riconoscimento può solo portare a una finzione di pace. Ma […]

Leggi tutto l'articolo ›

Elezioni israeliane, elezioni palestinesi

Una sorta di referendum su disimpegno e coesistenza

Alcuni commenti dalla stampa israeliana

Scrive Ha’aretz: Le imminenti elezioni israeliane saranno una sorta di referendum retroattivo sul disimpegno dalla striscia di Gaza, sullo sgombero degli insediamenti di Gush Katif e su ulteriori ritiri da molti insediamenti di Cisgiordania che potrebbero aver luogo durante la prossima legislatura. È auspicabile che l’opinione pubblica interiorizzi questo concetto e che i candidati non […]

Leggi tutto l'articolo ›

Uno stato di Hamas semplicemente non è uno stato

Il severo giudizio di un libero pensatore palestinese.

Da un articolo di Ray Hanania

La convinzione che Hamas diventerà moderata e rinuncerà alla violenza, abbracciando una pace basata sul compromesso e sul riconoscimento di Israele, è una convinzione ingenua e condurrà a un’escalation delle violenze. Coloro che sostengono che Hamas “si modererà” sostengono in sostanza che Hamas ha condotto per anni una serie di stragi e attentati suicidi contro […]

Leggi tutto l'articolo ›

Esponente Hamas: In effetti, Israele esiste

La brillate scoperta forse indotta dalla necessità di uscire da un vicolo cieco.

“Non c’è dubbio che c’è una presa d’atto realistica da parte nostra del fatto che Israele esiste sul territorio, e che gli accordi non sono stati firmati con un ente immaginario, ma con un ente che esiste”. Lo ha detto lunedì Moussa Abu Marzouk, importante esponete di Hamas nonché luogotenente del capo del Politburo Khaled […]

Leggi tutto l'articolo ›

Autorità Palestinese sotto il controllo di Hamas

Olmert: Al momento, nessuna possibilità di composizione del conflitto.

“Dal punto di vista di Israele si è creata una situazione nuova”. Lo ha detto il primo ministro israeliano ad interim Ehud Olmert nella riunione settimanale di governo di domenica 19 febbraio dedicata in gran parte agli sviluppi in campo palestinese all’indomani dell’insediamento del nuovo parlamento palestinese scaturito dalle elezioni del 25 gennaio scorso, vinte […]

Leggi tutto l'articolo ›

Studenti iraniani reclutati come attentatori suicidi

Mostrate le immagini dalla tv israeliana.

L’emittente tv israeliana Channel 2 News ha mostrato domenica sera le immagini di un auditorium pieno di studenti all’Università di Teheran. Agli studenti venivano mostrate immagini di attentati terroristici internazionali e venivano offerte tre possibilità: essere arruolati come attentatori suicidi contro Israele, come attentatori suicidi per “difendere l’Iran”, o come attentatori suicidi per uccidere Salman […]

Leggi tutto l'articolo ›

Lerrore del processo di pace

Aver creduto di poter fare la pace con una dittatura.

Da un articolo di Natan Sharansky

La vittoria di Hamas alle elezioni palestinesi costituisce la logica conseguenza di un “processo di pace” lungo più di dieci anni che ha completamente ignorato cosa stava accadendo nella società palestinese. Anziché vincolare seriamente il processo di pace all’edificazione di una società libera tra i palestinesi, il mondo democratico, Israele compreso, ha preferito chiudere un […]

Leggi tutto l'articolo ›

Vittoria di Hamas: cosa cambia veramente?

Israeliani di destra e di sinistra devono capire che proprio questa è la volontà dei palestinesi.

Da un articolo di Yitzhak Ben-Yisrael

Molti israeliani (soprattutto di destra, ma non solo) ritengono che la vittoria elettorale di Hamas sarà estremamente negativa per Israele giacché l’organizzazione è votata alla distruzione dello stato sionista ed è stata responsabile di molti attentati suicidi che hanno definito i quattro anni di intifada suicida. Secondo questa opinione, la trionfale ascesa al potere di […]

Leggi tutto l'articolo ›

Falso moralismo a buon mercato

La chiesa anglicana vuole scoraggiare Israele che si ritira e incoraggiare i palestinesi di Hamas?

Nel settembre scorso il Comitato di Consulenza per gli Investimenti Etici della Chiesa d’Inghilterra stabilì di “non raccomandare” di disinvestire dalla Caterpillar Inc., la fabbrica americana dei bulldozer venduti alle Forze di Difesa israeliane. Il comitato spiegava d’aver preso la decisione “in modo particolare in questo momento di fluidità politica dato il disimpegno israeliano da […]

Leggi tutto l'articolo ›