Israeliani fieri della propria tecnologia e delle forze armate

Una ricerca rivela che i cittadini arabi sono più soddisfatti dIsraele degli ebrei.

Il 77% degli israeliani si dichiara fiero del proprio paese. È quanto emerge da una ricerca pubblicata mercoledì. Secondo lo studio, gli israeliani sono decisamente orgogliosi dei successi conseguiti da Israele nel campo della tecnologia (97%) e delle Forze di Difesa (86%), mentre solo il 38% si dichiara contento del funzionamento della democrazia israeliana, e […]

Leggi tutto l'articolo ›

Ministro degli esteri Livni: Giorni cruciali per il processo di pace

Ma queste elezioni palestinesi sono unoccasione persa per lo sviluppo della democrazia.

“Oggi sono chiamata a ricoprire uno degli incarichi più importanti del governo. Come ho già detto in passato, sarebbe stato giusto che Shalom restasse ministro degli esteri fino alle elezioni, ma giacché è stato deciso così, eccomi qua”. Con queste parole ha esordito mercoledì il neo ministro degli esteri israeliano Tzipi Livni (Kadima), durante una […]

Leggi tutto l'articolo ›

Calma apparente

Israele si trova ancora di fronte tre gravi minacce strategiche.

Da un articolo di Boaz Ganor

La relativa calma sul fronte palestinese consente a Israele di comportarsi come un paese normale che si approssima alle elezioni ponendo in primo piano nella campagna elettorale alcune questioni di politica interna. Ma non bisogna farsi illusioni né ignorare la realtà. La relativa calma sul versante della sicurezza non è che provvisoria, e non è […]

Leggi tutto l'articolo ›

Olmert: Inaccettabile la minaccia iraniana

Primo ministro israeliano ad interim: Riprendere i negoziati dopo le elezioni palestinesi e israeliane.

“Spero di riprendere i negoziati di pace con i palestinesi dopo le elezioni nell’Autorità Palestinese e in Israele”. Lo ha detto martedì il primo ministro israeliano ad interim Ehud Olmert durante una conferenza stampa che ha fatto seguito a un incontro con il presidente d’Israele Moshe Katsav. Olmert ha colto l’occasione per un rapido giro […]

Leggi tutto l'articolo ›

Meglio un brutto voto che nessun voto

La discussione in Israele sullopportunità di trattare con Hamas appare superflua.

Da un articolo Danny Rubinstein

Alti esponenti dell’Autorità Palestinese affermano che, se le loro elezioni parlamentari si terranno effettivamente– come previsto – fra una decina di giorni, Hamas le vincerà e ciò rappresenterà uno sviluppo decisamente negativo. Ma se le elezioni dovessero essere cancellate, aggiungono, sarebbe ancora peggio. Gli ultimi sondaggi in Cisgiordania e striscia di Gaza pronosticano una netta […]

Leggi tutto l'articolo ›

La sfida di Hebron

I disordini di estremisti israeliani a Hebron hanno fornito ulteriore prova di una realtà già nota.

Da un editoriale di Ha'aretz

I disordini incontrollati di domenica ad opera di estremisti israeliani a Hebron (Cisgiordania) hanno fornito un’ulteriore, inutile dimostrazione di una realtà già ben nota: Hebron è di fatto fuori dal controllo del governo di Israele e dal governo della legge, è una enclave di teppismo che si avvale della difesa dalle Forze di Difesa israeliane, […]

Leggi tutto l'articolo ›

? sempre colpa del Mossad

Le teorie del complotto fanno male a Israele, ma soprattutto allo stesso mondo arabo.

Da un articolo di Gideon Bachar

Negli ultimi anni è diventato sempre più importante, nel mondo arabo, un fenomeno che incide direttamente su Israele e sulla sua posizione in Medio Oriente. Si tratta della convinzione che tutto ciò che di negativo accade nella regione sia frutto di cospirazioni israeliane e occidentali ai danni degli interessi arabi. I primi colpevoli di tutto […]

Leggi tutto l'articolo ›

Da unaltra era storica

Cosa ha reso possibile e necessario il ritiro di Israele dalla striscia di Gaza.

Da un articolo di Edward Luttwak

“(…) Ciò che ha reso il recente ritiro di Israele dalla striscia di Gaza possibile e al contempo necessario è il fatto che alcuni milioni di israeliani, che prendono parte con successo all’economia globale e alla cultura globale, vogliono sganciarsi il più possibile da una società palestinese che, insieme a tutte le altre società arabe, […]

Leggi tutto l'articolo ›

Seminatori di odio

Mass-media arabi celebrano la morte di Sharon pubblicando vignette agghiaccianti.

Da quando le condizioni di salute del primo ministro israeliano Ariel Sharon si sono così drammaticamente deteriorate, i disegnatori satirici della stampa araba, assecondando in modo compiacente un’opinione diffusa nel mondo arabo, hanno continuato a prenderlo di mira senza soste, dipingendolo quotidianamente come un individuo demoniaco, feroce e assetato di sangue, implicato in ogni episodio […]

Leggi tutto l'articolo ›

Ancora calunnie su Sharon?

Nonostante tutto, la stampa non riesce ancora ad essere corretta con il primo ministro israeliano.

Da un articolo di Tom Gross

Rispetto a come riferivano di Ariel Sharon in passato, quando in varie occasioni la calunnia e la demonizzazione dell’uomo avevano travalicato in forme di autentico antisemitismo, da quando il primo ministro israeliano è stato colpito dalla grave emorragia cerebrale di una settimana fa i servizi dei mass-media del mondo sono relativamente benevoli. Sharon il macellaio, […]

Leggi tutto l'articolo ›