La società israeliana ha tenuto di fronte allintifada

? quanto emerge da un recente rapporto sulla resilienza del paese, aggredito dal terrorismo.

“Se l’intifada puntava a minare le fondamenta della società israeliana spingendola in uno stato di squilibrio e destabilizzazione, ha fallito il suo scopo”. Lo afferma Meir Elran, autore di un rapporto recentemente pubblicato dal Jaffe Center for Strategic Studies dell’Università di Tel Aviv. Secondo la ricerca, intitolata “Resilienza nazionale israeliana: l’influenza della seconda intifada sulla […]

Leggi tutto l'articolo ›

Gli inutili sigilli sul nucleare iraniano

Il mondo non può fondare la propria sicurezza sulla speranza che i mullah stiano solo un bluffando.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Con una di quelle barzellette prodotte ogni tanto dalla diplomazia mondiale, l’Iran ha annunciato domenica d’aver convocato gli ispettori Onu perché rimuovano i sigilli che la loro agenzia aveva posto più di due anni fa su alcuni impianti nucleari iraniani. Quei sigilli erano stati messi dopo che l’Iran si era volontariamente impegnato a sospendere le […]

Leggi tutto l'articolo ›

Barriera più ritiro unilaterale

La lungimirante strategia lasciata incompiuta da Sharon.

Da un articolo di Charles Krauthammer

L’ictus che ha colpito il primo ministro israeliano Ariel Sharon potrebbe rivelarsi uno dei peggiori disastri che abbiano colpito il paese nei suoi quasi sessant’anni di storia. Le condizioni di Sharon restano incerte, ma la gravità della malattia rende del tutto improbabile un suo ritorno al potere. Ciò potrebbe essere disastroso giacché Sharon rappresentava, anzi […]

Leggi tutto l'articolo ›

Il Kadima dopo Sharon

Il nuovo partito di Sharon è non solo fattibile, ma anche essenziale per la scena politica israeliana.

Da un articolo di Elliot Jager

Ariel Sharon giace in un letto di rianimazione. La prognosi è riservata, ma è chiaro che non potrà tornare nell’ufficio di primo ministro. La sua carriera politica è finita. Tuttavia il partito da lui fondato alla fine di novembre rimane non solo politicamente fattibile, ma anche essenziale per la scena politica israeliana. Il Kadima ha […]

Leggi tutto l'articolo ›

Quale futuro per il Kadima

Il pubblico, stando ai sondaggi, è disposto a dare una chance al partito anche senza Sharon.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Mentre i medici danno al paese un barlume di speranza sulle possibilità di Ariel Sharon di sopravvivere alla grave emorragia cerebrale che lo ha colpito, sebbene non siano ancora in grado di calcolare i danni permanenti che potrebbero derivarne, le manovre politiche attorno all’innegabile uscita dalla scena politica dell’uomo che era di gran lunga la […]

Leggi tutto l'articolo ›

Olmert alla prova

Sviluppi politici profondi e circostanze immediate giocano a favore di Olmert e di Kadima.

Da un articolo di Amotz Asa-El

(…) La simpatia per l’uomo la cui immagine in un certo senso è passata da quella di Tarzan a quella di Babbo Natale appare davvero universale ed spinge ora alcuni commentatori a sostenere che Sharon è insostituibile. Se da un lato, infatti – sostengono questi esperti – i successori di Sharon non hanno nulla a […]

Leggi tutto l'articolo ›

Declino in vista per i partiti arabo-israeliani

E' quanto emerge da un sondaggio di prossima pubblicazione.

Stando a un sondaggio di prossima pubblicazione realizzato dal prof. Avi Pagani del Geocartography Institute, i tradizionali partiti arabo-israeliani in corsa alle prossime elezioni per la 17esima Knesset dovrebbero iniziare a preoccuparsi. I dati indicano infatti un netto calo della popolarità di Hadash, Balad e della Lista Araba Unita, le tre formazioni arabe attualmente presenti […]

Leggi tutto l'articolo ›

La forza della democrazia israeliana

La stabilità delle istituzioni non è il solo dato incoraggiante.

Da un articolo di Anshel Pfeffer

Se c’è un raggio di speranza negli eventi di queste ultime ore attorno all’ospedale Hadassah di Gerusalemme, esso nasce dalla testimonianza di forza e vitalità della democrazia israeliana. I sorprendenti successi del Kadima, il nuovo partito di Ariel Saron, perlomeno nei sondaggi, avevano suscitato il compressibile timore che il sistema politico israeliano stesse diventato eccessivamente […]

Leggi tutto l'articolo ›

Lerede di Ben-Gurion

Fiducia, contegno, coraggio.

Da un articolo di Nahum Barnea

Israele è un paese forte, con un sistema politico sano e stabile, nonostante tutte le sue insufficienze e i suoi difetti. La salute del primo ministro e quella del paese nel suo insieme sono due cose totalmente distinte. Come si è già visto in passato, Israele è in grado di gestire un trasferimento costituzionale dei […]

Leggi tutto l'articolo ›