La Siria rafforza i servizi segreti in Libano

Lo ha detto il ministro degli esteri israeliano Shalom al segretario generale dell'Onu Kofi Annan.

Anche se la Siria sta ripiegando le sue truppe nella valle della Bekaa (Libano orientale), nello stesso tempo sta rafforzando la presenza dei suoi servizi segreti e di intelligence all’interno del paese. Lo ha detto il ministro degli esteri israeliano Silvan Shalom parlando lunedì a New York con il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi […]

Leggi tutto l'articolo ›

Re Abdullah: lavoriamo per un’offerta di pace a Israele

Liniziativa dovrebbe essere una versione aggiornata della cosiddetta iniziativa saudita" del 2002.

La Giordania sta lavorando dietro le quinte, con altri paesi arabi, per arrivare a offrire a Israele un patto con il quale tutti i paesi arabi farebbero la pace con lo stato d’Israele in cambio dell’impegno da parte israeliana per uno stato palestinese “geograficamente vitale”. Il patto potrebbe essere sottoscritto nella prossima riunione della Lega […]

Leggi tutto l'articolo ›

Sharansky contro le condanne a morte nellAutorità Palestinese

L'Autorità Palestinese vuole giustiziare persone accusate daver aiutato nella lotta al terrorismo.

Con un’interpellanza urgente al primo ministro Ariel Sharon, il ministro israeliano Natan Sharansky ha dichiarato che il governo deve esigere dall’Autorità Palestinese che sospenda immediatamente le esecuzioni capitali di coloro che sono stati condanni con l’accusa di aver collaborato con Israele. “Israele deve chiedere immediatamente all’Autorità Palestinese di fermare le previste esecuzioni con pena capitale […]

Leggi tutto l'articolo ›

Con pieno mandato

Tutte le decisioni sul ritiro da Gaza sono state adottate con regolari strumenti democratici.

Da un editoriale di Ha'aretz

È del tutto infondata l’accusa al primo ministro Ariel Sharon di trascurare il processo democratico nel modo in cui porta avanti l’obiettivo del disimpegno (dalla striscia di Gaza). Il Comitato centrale del Likud, riunito in sessione plenaria, non ha adottato nessuna decisione contro l’attuazione del disimpegno, né ha spogliato il primo ministro della sua autorità […]

Leggi tutto l'articolo ›

Santi sabotatori

I media dellAutorità Palestinese continuano a incensare i terroristi col titolo di shahid.

Di Itamar Marcus, Barbara Crook

Una delle più sorprendenti, ed efficaci, strategie dell’Autorità Palestinese sotto Yasser Arafat era quella di inviare un messaggio in inglese ai media internazionali e nello stesso tempo un altro messaggio, spesso in contraddizione col primo, ai palestinesi in arabo. All’indomani dell’attentato del 25 febbraio sul lungomare di Tel Aviv (5 morti), il primo attentato suicida […]

Leggi tutto l'articolo ›

Israele: La Conferenza di Londra non esenti lAP dal combattere il terrorismo

Omettendo un chiaro appello per il disarmo dei terroristi, si rischia di mandare il messaggio sbagliato.

L’ufficio del primo ministro israeliano si dice deluso dalla dichiarazione conclusiva della conferenza di Londra che ha trascurato il terrorismo evitando di chiedere esplicitamente all’Autorità Palestinese di smantellare le strutture terroristiche. Fonti dell’ufficio hanno ribadito martedì che, se non si affronta il nodo del terrorismo, non vi potrà essere alcun progresso sul piano diplomatico. “Finché […]

Leggi tutto l'articolo ›

Primavera in Medio Oriente?

E solo martedì ed è già una settimana favolosa per la democrazia in Medio Oriente.

Alcuni commenti dalla stampa israeliana

Scrive Yediot Aharonot: Il successo di un movimento d’opinione arabo disarmato che riesce ad esprimere la sua protesta non violenta e a conseguire i suoi scopi è di per sé un grande cambiamento. Si tratta di un evento che potrebbe avere ampie ripercussioni in tutta la regione. Chi avrebbe mai pensato che la strada per […]

Leggi tutto l'articolo ›

Primavera al Cairo?

Il presidente Mubarak non ha mai perso alle elezioni, anzi non ha mai preso meno del 90% dei voti.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Il presidente egiziano Hosni Mubarak non ha mai perso alle elezioni. In effetti, anzi, non ha mai preso meno del 90% dei voti. E’ anche vero, però, che ha sempre corso senza nessun candidato rivale. Motivo per cui ha stupito tutti con il suo annuncio a sorpresa, sabato scorso in televisione. Parlando all’università della regione […]

Leggi tutto l'articolo ›

Attentato a Tel Aviv e processo di pace

Che ci vengano almeno risparmiate le espressioni di condanna...

Alcuni commenti dalla stampa israeliana

Scrive Yediot Aharonot: L’attentato terrorista (di venerdì sera a Tel Aviv) era puntato contro l’Autorità Palestinese quanto contro Israele. Il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) e il primo ministro israeliano Ariel Sharon hanno ora una causa in comune contro le organizzazioni estremiste del terrorismo che vogliono far naufragare il processo di pace appena […]

Leggi tutto l'articolo ›

Sharon: Attentato su ordini dalla Siria

Non vi saranno progressi diplomatici finché i palestinesi non agiranno per eliminare le organizzazioni terroristiche.

“L’attentato terrorista (di venerdì sera a Tel Aviv) è stato perpetrato da membri della Jihad Islamica palestinese su ordini venuti dalla Siria – ha dichiarato domenica mattina il primo ministro israeliano Ariel Sharon durante la riunione di governo – Anche se lo sappiamo per certo, ciò non basta ad assolvere l’Autorità Palestinese dalle sue responsabilità […]

Leggi tutto l'articolo ›