Terroristi Hamas entrano a Gaza dal valico di Rafah

Molti ricercati per terrorismo sono entrati nella striscia da quando Israele ha completato il ritiro.

Rafik al-Hasanat, importante membro di Hamas, da più di dieci anni ricercato da Israele per attività terroristiche, è entrato mercoledì sera nella striscia di Gaza attraverso il valico di Rafah, al confine con l’Egitto, rimasto aperto alcune ore per permettere il rientro di alcune centinaia di palestinesi rimasti al di là della frontiera. Hasanat non […]

Leggi tutto l'articolo ›

Palestinesi denunciano la disastrosa gestione degli ex insediamenti a Gaza

Si moltiplicano le notizie di furti di terra e distruzioni di serre e infrastrutture.

Mentre si moltiplicano le notizie relative a clan famigliari locali e bande armate che si sarebbero impadronite illegalmente di molte delle terre sgomberate da Israele lo scorso agosto, un alto funzionario dell’Autorità Palestinese ha ammesso mercoledì che l’Autorità Palestinese ha fallito l’obiettivo di assumere il controllo degli ex insediamenti israeliani nella striscia di Gaza. “L’Autorità […]

Leggi tutto l'articolo ›

Un mondo imperfetto

Questo mondo imperfetto ha bisogno, talvolta, di leader imperfetti come Sharon.

Da un articolo di Aluf Benn

In un mondo perfetto forse Netzarim non sarebbe mai esistito. Né, forse, gli altri insediamenti e con essi l’enorme prezzo politico ed economico sostenuto da Israele. In un mondo perfetto, Israele la scorsa estate avrebbe festeggiato i cinque anni dall’accordo finale fra Ehud Barak e Yasser Arafat a Camp David. Non vi sarebbero attentati terroristici, […]

Leggi tutto l'articolo ›

Dire basta a Hezbollah

Inaccettabile che la popolazione israeliana venga tenuta in ostaggio da un gruppo jihadista.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Israele deve mettere in chiaro con Stati Uniti, Francia e Nazioni Unite che, se il Libano non sarà costretto a disarmare le milizie jihadiste Hezbollah o ad allontanarle dal confine con Israele, e se la Siria non sarà costretta ad abbandonare il suo appoggio al terrorismo, allora Israele sarà costretto ad agire direttamente contro gli […]

Leggi tutto l'articolo ›

Consigliere di Sharon: Ci atterremo alla Road Map

Perché sostituisce la formula terra in cambio di pace con: indipendenza in cambio di sicurezza.

La Road Map è a suo modo rivoluzionaria perché sostituisce il concetto “terra in cambio di pace”, obsoleto e fallimentare, con un’altra formula: “indipendenza in cambio di sicurezza”. Lo ha detto martedì Eyal Arad, uno dei consiglieri politici più vicini al primo ministro israeliano Ariel Sharon. Parlando alla stampa estera a Gerusalemme sul tema “Dove […]

Leggi tutto l'articolo ›

Lo scossone politico in Israele

Vi saranno tre principali formazioni politiche, assai meglio definite: a sinistra, a destra e al centro

Alcuni commenti dalla stampa israeliana

Scrive Ha’aretz: L’addio di Sharon al Likud, che sia stato per ragioni personali o ideologiche, costituisce un evento costruttivo nella storia della politica israeliana. È stato il ritiro dalla striscia di Gaza che ha innescato l’attuale scossone politico, il cui effetto cumulativo è impossibile esagerare. Dopo lo sgombero degli insediamenti da Gush Katif e dalla […]

Leggi tutto l'articolo ›

Almeno 14 parlamentari nella nuova formazione di Sharon

Si chiama Responsabilità Nazionale il nuovo partito fondato dal primo ministro ex Likud.

In Israele è nato un nuovo partito: il primo ministro israeliano Ariel Sharon è riuscito a reclutare tredici parlamentari del Likud nella sua nuova formazione, Ahrayut Leumit (Responsabilità Nazionale), rendendola in questo modo titolare del diritto di godere di finanziamenti pubblici elettorali nella sua qualità di “gruppo parlamentare separato”. Lunedì la nuova formazione ha tenuto […]

Leggi tutto l'articolo ›

Violento attacco Hezbollah sul nord di Israele

Katyusha, mortai e infiltrazione di commandos: almeno 12 israeliani feriti, abitazioni danneggiate.

Mentre tutti gli occhi sono puntati sulle novità politiche in Israele, sembra che il leader dei jihadisti libanesi Hezbollah, Hassan Nasrallah, voglia fare di tutto per tornare al centro della scena. Almeno dodici israeliani, fra soldati e civili, sono rimasti feriti, due in modo trave, lunedì pomeriggio quando decine di razzi Katyusha e tiri di […]

Leggi tutto l'articolo ›

Accordo sui valichi di frontiera di Gaza

Un grande valore pratico e simbolico, a rischio di irrilevanza se manca la volontà di bloccare il terrorismo.

Alcuni commenti dalla stampa israeliana

Scrive Ha’aretz: “Il segretario di stato Usa Condoleezza Rice ha ottenuto martedì dal primo ministro israeliano Ariel Sharon e dal presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) un accordo che riveste un valore sia pratico che simbolico. L’accordo permetterà ai palestinesi di muoversi con grande, anche se non assoluta, libertà sia tra striscia di Gaza […]

Leggi tutto l'articolo ›

Il silenzio sull’assoluzione del ‘Capitano R

Poco scalpore , a differenza di quando era stato ingiustamente accusato.

Da un editoriale del Jerusalem Post

L’inequivocabile assoluzione, la scorsa settimana, del “Capitano R” è stata appena menzionata dai mass-media, anche in Israele, senza suscitare grande scalpore. È stata doverosamente riportata, ma anche molto rapidamente archiviata. Un vero peccato, vista la vera e propria crisi di isteria che si era scatenata, un anno fa, quando a carico del capitano R erano […]

Leggi tutto l'articolo ›