Tel Aviv sarà come Sderot

Pessimista il capo di stato maggiore uscente sui futuri rapporti fra Israele e palestinesi

Il capo di stato maggiore uscente israeliano Moshe Yaalon si dichiara pessimista circa le future relazioni fra Israele e palestinesi. Un giorno dopo aver detto che, nel quadro di un serio accordo di pace con i siriani, Israele potrebbe garantire la propria sicurezza anche senza le alture del Golan, Yaalon ha affermato, in un’intervista mercoledì […]

Leggi tutto l'articolo ›

Duplice attentato sventato a Gerusalemme

Arrestati appena in tempo terroristi della Jihad Islamica palestinese.

Le forze di sicurezza israeliane hanno sventato un doppio attentato suicida della Jihad Islamica palestinese che doveva avvenire giovedì a Gerusalemme. Il progetto terroristico è stato sventato grazie a una serie di tempestivi arresti. La vicenda è stata resa di pubblico dominio mercoledì sera. I servizi di sicurezza Shin Bet, operando congiuntamente con le Forze […]

Leggi tutto l'articolo ›

Yaalon: Se cè la pace, Israele può rinunciare al Golan

Capo di stato maggiore a giornale arabo: Fu Arafat che fece scoppiare la guerra nel settembre 2000

Israele può restituire le alture del Golan alla Siria pur conservando la capacità di difendere il proprio confine settentrionale. Lo ha dichiarato martedì il capo di stato maggiore uscente Moshe Yaalon in un’intervista al quotidiano arabo edito a Londra al-Sharq al-Awsat. Nell’intervista in esclusiva, Yaalon ha detto che Israele potrebbe difendersi anche se il confine […]

Leggi tutto l'articolo ›

Spionaggio industriale via computer: quali conseguenze?

La polizia è stata efficiente e decisa, ma ora bisogna stabilire norme categoriche

da un editoriale di Haaretz

Il mondo degli affari israeliano non è mai stato immune da iniquità, etiche e penali. Tuttavia gli occasionali reati scoperti erano casuali, vi erano coinvolti questo o quell’uomo d’affari, questa o quella società. Ciò che invece è venuto alla luce dopo intense indagini di polizia è un esteso fenomeno di illegalità, che a quanto pare […]

Leggi tutto l'articolo ›

Investire in Israele

A Milano, una giornata dedicata a esperienze e nuove opportunità di investimento in Israele.

Si riuniscono a Milano giovedì 16 giugno imprenditori, aziende, investitori istituzionali e privati da Italia e Israele per illustrare e valutare le nuove opportunità di investimento realizzabili in Israele. In un momento storico che vede il rilancio delle tanto attese speranze di cooperazione e di pace nella regione mediorientale e una positiva ripresa dell’economia israeliana […]

Leggi tutto l'articolo ›

Finita per sempre la battaglia di Yona

Da nove anni era l'israeliano più gravemente ferito da un attentato terrorista palestinese.

Yona Malina, 38 anni, l’israeliano che era stato più gravemente ferito da un attentato terrorista palestinese commesso dopo l’inizio del processo di pace, è deceduto lunedì nel centro medico Shiba di Tel Hashomer, dopo un rapido peggioramento delle sue condizioni di salute nelle ultime due settimane. Malina, sopravvissuto a stento a un attentato suicida a […]

Leggi tutto l'articolo ›

Incontro euro-mediterraneo con Israele e stati arabi

Raramente negli ultimi 10 anni EuroMed si era riunito sotto migliori auspici di pace.

I ministri degli esteri dell’Unione Europea e i loro omologhi d’Israele e stati arabi vicini si incontrano in Lussemburgo a partire da lunedì per una due-giorni di discussioni sulla cooperazione politica ed economica fra Europa e Medio Oriente. Raramente nel corso degli ultimi dieci anni la riunione biennale euro-mediterranea si era aperta sotto migliori auspici […]

Leggi tutto l'articolo ›

Forse costretti a rioccupare

I paradossi di un ritiro sotto la minaccia del fuoco terrorista.

Israele potrebbe trovarsi costretto a rioccupare ampi segmenti della striscia di Gaza, inviando anche truppe all’interno di centri abitati palestinesi, in vista del ritiro di quest’estate. Lo ha affermato domenica il capo del Consiglio di sicurezza nazionale israeliano Giora Eiland. Se le forze di sicurezza palestinesi, ha spiegato Giora Eiland, non avranno la volontà o […]

Leggi tutto l'articolo ›

Leader Hamas: Nessuna intenzione di abbassare le armi

Khaled Mashaal ad Al-Jazeera: La tregua faceva parte di una campagna di tattiche.

Il leader politico di Hamas all’estero, Khaled Mashaal, ha dichiarato mercoledì che Hamas non intende abbassare le armi né rinunciare alla “lotta armata” contro Israele finché vi saranno “terre di Palestina occupate”. La decisione di Hamas di aderire a un periodo di cessate il fuoco verso Israele, ha spiegato Khaled Mashaal alla tv Al-Jazeera, faceva […]

Leggi tutto l'articolo ›

Un ritiro, non a caso, unilaterale

Il ritiro da Gaza non dipende dal comportamento dei palestinesi

di Abraham H. Foxman

Il ministro degli esteri israeliano Silvan Shalom ha recentemente affermato di non vedere come Israele possa procedere con il ritiro unilaterale nel caso in cui Hamas dovesse vincere le elezioni a Gaza. Poco dopo, quello stesso giorno, interpellato dai giornalisti su cosa pensasse di questa affermazione, il primo ministro israeliano Ariel Sharon ha replicato che […]

Leggi tutto l'articolo ›