Un progetto condiviso per il futuro d’Israele

Dopo quattro decenni di incertezze, oggi possiamo tornare alla Dichiarazione di Indipendenza.

Da un articolo di Gadi Taub

L’elemento più decisivo nella società israeliana è il suo principio unificante, ciò che fa dire agli israeliani: “noi”. Questo elemento, anziché discendere direttamente dal passato, si proietta piuttosto vero il futuro. Sotto questo aspetto Israele non è diverso da altre società di immigrati che hanno dato vita a stati nazionali nei quali il senso comunitario […]

Leggi tutto l'articolo ›

Perché festeggiamo

In prospettiva tutti i problemi si ridimensionano rispetto a ciò che Israele ha realizzato dal 1948.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Cinquantasette anni dopo l’indipendenza proclamata da David Ben-Gurion, la vita di tutti giorni nello stato d’Israele sembra, stando alle apparenze, fastidiosamente simile a quella di tanti altri. Lo stato degli ebrei è profondamente coinvolto in intrighi diplomatici e in conflitti regionali. I suoi politici sono impegolati nei contrasti con i giudici, con i generali e […]

Leggi tutto l'articolo ›

Israele ricorda i suoi 22.000 caduti

Come da tradizione, alla vigilia della Giornata dellIndipendenza, si ricorda chi ha perduto la vita nella difesa del paese e dei suoi abitanti.

Alla vigilia della Giornata dell’Indipendenza (che quest’anno, secondo il calendario ebraico, ricorre il 12 maggio) per antica tradizione Israele ricorda tutti coloro che sono caduti nelle battaglie per la difesa del paese. A partire da martedì sera, Israele onorerà la memoria dei 20.368 uomini e donne caduti in servizio a partire dal novembre 1947 (data […]

Leggi tutto l'articolo ›

La pericolosa vittoria di Hamas

A Gaza viene percepito come il gruppo che sta per prendersi la striscia senza dare nulla in cambio.

Da un articolo di Danny Rubinstein

Dopo la diffusione dei risultati della seconda tornata di elezioni parziale amministrative palestinesi nella striscia di Gaza, si può dire con certezza che, a meno di improvvisi cambiamenti dell’opinione pubblica palestinese nelle prossime settimane, lo sgombero di Israele da Gaza lascerà nelle mani di Hamas il controllo sulla striscia. La vittoria di Hamas alle elezioni […]

Leggi tutto l'articolo ›

Hamas: la tregua è solo un trucco

E le frontiere del '67 possono valere soltanto come "soluzione provvisoria".

Il convegno organizzato sul ritorno alla calma [Tahdiah] dal giornale egiziano “Al-Ahram”, a seguito dell’accordo palestinese del Cairo, al quale hanno partecipato scrittori ed esperti di affari palestinesi, ha avuto tra i suoi ospiti anche il capo dell’ufficio politico di Hamas, Khaled Mash’al. Nel suo discorso, Mash’al ha affermato che la Tahdiah è un trucco […]

Leggi tutto l'articolo ›

Cubi nuovi per Abu Mazen

Vi sono delle novità, nel panorama di Sderot, che ben simboleggiano la natura del presunto cessate-il-fuoco.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Vi sono delle novità, nel panorama cittadino di Sderot, che ben simboleggiano la natura del presunto cessate-il-fuoco dichiarato dal presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen). Nei giorni scorsi le Forze di Difesa israeliane hanno iniziato a posizionare dei brutti cubi di cemento in tutti i quartieri. Ne sono già stati installati trenta, e non […]

Leggi tutto l'articolo ›

Perché lascio questo governo

Libertà e democrazia sono elementi essenziali per la pace e la sicurezza.

Dalla lettera di dimissioni del ministro Natan Sharansky

Caro primo ministro, scrivo per informarti della mia decisione di rassegnare le dimissioni da ministro degli affari della Diaspora e di Gerusalemme. Come sai, mi sono opposto fin dall’inizio al piano di disimpegno perché sono convinto che ogni concessione nel processo di pace debba essere legata a riforme democratiche all’interno della società palestinese. Non solo […]

Leggi tutto l'articolo ›

Amari frutti

Troppi leader arabi hanno tessuto le lodi degli attentatori suicidi.

Da un articolo di Thomas L. Friedman

Nelle ultime settimane non solo l’Iraq è stato destabilizzato da molteplici attentati suicidi praticamente quotidiani, ma anche Egitto e Arabia Saudita hanno subito attacchi simili da parte di fanatici jihadisti. Com’è possibile che tante persone commettano suicidio a comando, giorno dopo giorno? Cosa sta succedendo? In parte il mondo arabo-musulmano sta raccogliendo i frutti di […]

Leggi tutto l'articolo ›

2004: anno nero per le violenze anti-ebraiche nel mondo

Violenze e vandalismi aumentati del 39% rispetto al 2003.

L’anno 2004 ha visto un netto aumento del numero di incidenti a sfondo antisemita nel mondo (violenze e atti di vandalismo). Lo rivela uno studio condotto dall’Università di Tel Aviv diffuso mercoledì sera alla vigilia della Giornata della memoria della Shoà. Il dato indica un numero di incidenti più alto di quello di ciascuno degli […]

Leggi tutto l'articolo ›

La continuità territoriale del giornalismo distorto

Basta unocchiata a una mappa per vedere che la tesi di una Cisgiordania spaccata in due è infondata

La corrispondente della BBC Orla Guerin è stata recentemente insignita di una speciale menzione da parte del governo britannico per i suoi “eccezionali servizi giornalistici”. La notizia ha destato molto scalpore in Israele, dove la Guerin viene da tempo criticata per la faziosità di molte sue corrispondenze. Ad esempio, nel marzo 2004, riferendo per la […]

Leggi tutto l'articolo ›