Leterno dilemma della difesa Israele

Solo, di fronte ai continui tentativi terroristici.

Da un editoriale di Ha'aretz

Cinque palestinesi sono rimasto uccisi a Tulkarem mercoeldì scorso, un giorno dopo il completamento dello sgombero degli insediamenti nella striscia di Gaza e nella Cisgiordania settentrionale: è scoppiato uno scontro a fuoco quando una unità speciale delle Forze di Difesa israeliane è giunta per arrestare alcuni membri dell’organizzazione Jihad Islamica implicati nella realizzazione di attentati […]

Leggi tutto l'articolo ›

Arci-terrorista Hamas: Tutto Israele diventerà un inferno

Video di Muhammad Deif: Continueremo la lotta fino alla distruzione di Israele.

Muhammad Deif, capo dell’ala militare Izzaddin Kassam di Hamas, con un messaggio video ha annunciato ai palestinesi che il suo gruppo continuerà la “lotta armata” fino alla distruzione di Israele. Deif, sin dal 1992 in vetta alla lista israeliana dei ricercati per terrorismo per il ruolo svolto in una lunga serie di attentati che hanno […]

Leggi tutto l'articolo ›

Attentato suicida palestinese a Be’er Sheva

Solo lintervento di due guardie ha evitato una strage di grandi proporzioni.

Un attentatore suicida palestinese, probabilmente giunto dalla zona di Hebron (Cisgiordania), si è fatto esplodere all’ingresso della stazione centrale degli autobus di Be’er Sheva (Israele meridionale) alle 8.30 ora locale di domenica mattina. Solo il coraggioso e tempestivo intervento di due guardie ha costretto il terrorista ha farsi esplodere prematuramente, evitando un disastro ancora peggiore. […]

Leggi tutto l'articolo ›

Ciò che sa bene la nuova maggioranza degli israeliani

E che la comunità internazionale ha il dovere di capire e sostenere.

Da un articolo di Ari Shavit

Giusto per ricordare: la nuova era in Medio Oriente è iniziata alle 6.45 del mattino del 29 settembre 2000, quando un poliziotto palestinese, Na’il Suleiman, uscì dalla jeep con cui prendeva parte a un pattugliamento congiunto insieme a soldati israeliani nella zona di Qalqilyah, si avvicinò alla jeep israeliana e saprò a bruciapelo al suo […]

Leggi tutto l'articolo ›

Dopo queste tormentate giornate dagosto

Alla fine resta qualcosa che solo poco fa poteva sembrare unimprobabile speranza.

Alcuni commenti dalla stampa israeliana

Scrive Haaretz: Come è accaduto la scorsa settimana nella striscia di Gaza, anche nello sgombero degli ultimi due in sedimenti di Homesh e di Sa-Nur, in Cisgiordania, i timori della vigilia per eventuali gesti disperati o di estrema violenza si sono rivelati infondati. Nonostante la concentrazione nei due insediamenti di estremisti anti-ritiro non residenti venuti […]

Leggi tutto l'articolo ›

“Ora ci vuole un governo palestinese responsabile”

Per questo - dice Bush - è importante restare concentrati su Gaza.

Ora che i civili israeliani sono usciti da Gaza, il prossimo passo deve essere quello di istituire un governo palestinese responsabile e funzionante nella striscia di Gaza, e consolidare le forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese. Lo ha detto martedì il presidente degli Stati Uniti George W. Bush commentando l’attuazione del piano di disimpegno israeliano. Bush […]

Leggi tutto l'articolo ›

Oh Hanadi, martire di Allah, fa esplodere il nemico!

LAutorità Palestinese e i suoi media continuano a celebrare il terrorismo stragista.

Il Ministero della cultura dell’Autorità Palestinese ha pubblicato lunedì il suo “Libro del Mese”, una raccolta di poesie in onore della terrorista suicida Hanadi Jaradat responsabile dell’assassinio di 21 israeliani innocenti. Il libro è stato distribuito come supplemento speciale del quotidiano Al-Ayyam. Intitolata “Cosa disse Hanadi?”, la raccolta comprende una poesia che celebra l’attentato terrorista […]

Leggi tutto l'articolo ›

Dal Libano a Gaza

Anche dopo il ritiro dal Libano, Israele si aspettava maggiore comprensione internazionale. Invano.

Da un articolo di Evelyn Gordon

Come diceva giustamente un editoriale del Jerusalem Post, il primo ministro israeliano Ariel Sharon spera che il disimpegno procuri a Israele vantaggi diplomatici. “Ora tocca ai palestinesi l’onere della prova – ha detto Sharon la sera del 15 agosto rivolgendosi alla nazione – Devono combattere le organizzazioni terroristiche, smantellare le strutture del terrorismo e dimostrare […]

Leggi tutto l'articolo ›

Disimpegno: primi bilanci con un occhio al futuro

Lopinione a confronto di due ministri israeliani.

Come verrà giudicato a posteriori, fra un anno o due, il disimpegno israeliano dalla striscia di Gaza? Quali saranno i criteri per valutarne il risultato? Fondamentalmente due: uno, se il terrorismo continuerà e su che scala; due, se Gaza diventerà un modello positivo per la futura indipendenza palestinese e cosa accadrà in Cisgiordania. Il ministro […]

Leggi tutto l'articolo ›

Sharon: Criminali i disordini a Kfar Darom

Conosco quella comunità fin da quando venne fondata, nel 1946, e resistette allattacco egiziano.

I disordini sul tetto della sinagoga di Kfar Darom sono stati atti di natura “criminale”, ha detto il primo ministro israeliano Ariel Sharon in un’intervista ad Ha’aretz, aggiungendo che “devono essere prese tutte le misure necessarie per indagare, incriminare e punire chiunque ne sia responsabile, e verificare anche chi ha mandato e chi ha istigato […]

Leggi tutto l'articolo ›