Gli ostacoli ereditati da Oslo

Il movimento nazionale palestinese è un soggetto politico o solo un movimento di rivolta?

Da un articolo di Shlomo Ben-Ami

Uno stato palestinese entro confini provvisori è un concetto problematico che si è insinuato nella Road Map attraverso l’eredità di Oslo. Ed è motivo di rifiuto totale dell’idea da parte dei palestinesi. Nei giorni del primo governo Sharon, Shimon Peres effettivamente sfidò la sorte propugnando l’idea di uno “stato provvisorio”. Ma il suo interlocutore, Ahmed […]

Leggi tutto l'articolo ›

Ratzinger e gli ebrei

Il nuovo papa rappresenta un cattolicesimo conservatore, ma ciò non influenza i rapporti con gli ebrei.

Annoverato fra i più stretti collaboratori di Giovanni Paolo II, a quanto risulta il neo eletto papa Joseph Ratzinger (Benedetto XVI), membro della Commissione vaticana per i rapporti religiosi con gli ebrei, condivide la simpatia verso gli ebrei che caratterizzava il suo predecessore. In passato il papa tedesco ha partecipato al dialogo ebraico-cristiano, ha condannato […]

Leggi tutto l'articolo ›

La difficoltà di Abu Mazen

Abu Mazen è stretto fra lincudine di Fatah e il martello di Hamas.

Da un editoriale di Haaretz

Il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) è ben lontano dall’aver onorato la sua parte dell’accordo offertogli dall’amministrazione americana: stabilire il controllo sugli apparati di sicurezza palestinesi, combattere il terrorismo, fare pulizia nell’amministrazione dell’Autorità Palestinese per ottenere il ritorno di Israele sulla via della Road Map. La difficoltà principale con cui Abu Mazen deve […]

Leggi tutto l'articolo ›

Reperti archeologici fra le macerie dei lavori sul Monte del Tempio

Abbandonati in una discarica dal Waqf (lente del patrimonio islamico).

Sul terreno di un parco nazionale di Gerusalemme nei pressi del Monte del Tempio, un piccolo gruppo di archeologi e di volontari, frugando in mezzo ai detriti provenienti dal Monte del Tempio e abbandonati in una discarica dal Waqf (l’ente che gestisce il patrimonio islamico), hanno recentemente scoperto una serie di manufatti che risalgono al […]

Leggi tutto l'articolo ›

Un leader debole

A tre mesi dallinsediamento di Abu Mazen i risultati sono deludenti.

Da un articolo di Barry Rubin

A tre mesi dall’insediamento di Mahmoud Abbas (Abu Mazen) alla dirigenza dell’Autorità Palestinese, i risultati sono deludenti. Certo, ha un compito difficile. E ha deciso di seguire la strategia più accomodante. Ma ciò che conta, ora, sono i risultati. Con dei risultati, Abu Mazen potrebbe utilizzare il suo mandato popolare, l’appoggio internazionale e la flessibilità […]

Leggi tutto l'articolo ›

Intolleranza accademica

Perché i palestinesi premono proprio ora per il boicottaggio delle università israeliane?

Da un editoriale del Jerusalem Post

L’editoriale del Jerusalem Post di mercoledì commenta la minaccia da parte di accademici britannici di lanciare un boicottaggio contro le università israeliane a partire dal 20 aprile. Un boicottaggio di questa natura – scrive il Jerusalem Post – è l’antitesi della libertà di pensiero. Per di più non si tratta di uno spiacevole equivoco isolato. […]

Leggi tutto l'articolo ›

Bush, Sharon e i futuri confini dIsraele

Secondo Bush e Sharon il confine passerà a est dei maggiori centri abitati israeliani in Cisgiordania.

Alcuni commenti dalla stampa israeliana

Scrive Ha’aretz: Lunedì in Texas George W. Bush e Ariel Sharon hanno tracciato i confini più ampi che qualunque primo ministro israeliano poterebbe mai sperare di ottenere: al massimo – e anche questo non è automatico né senza condizioni – i confini correranno lungo la linea orientale attorno ai maggiori centri abitati (blocchi di insediamenti) […]

Leggi tutto l'articolo ›

Gli stati arabi finanzino la pace

Miracolati da enormi guadagni petroliferi, gli stati arabi hanno sempre ignorato i loro fratelli palestinesi a vantaggio del terrorismo.

Da un articolo di Ros-Lehtinen

Miracolati da una messe di guadagni petroliferi che va oltre ogni concepibile necessità, gli stati arabi hanno costantemente ignorato i sogni di sovranità dei loro fratelli arabi palestinesi a vantaggio del terrorismo contro innocenti israeliani. Per decenni gli stati arabi hanno potuto tenere il piede in due scarpe: finanziavano il terrorismo contro Israele e contemporaneamente […]

Leggi tutto l'articolo ›

Ragazzo usato dai terroristi per trasportare bombe

Hassan Hashish, 15 anni, è stato arrestato in tempo a un posto di blocco.

Un ragazzo palestinese di 15 anni con addosso cinque ordigni rudimentali è stato scoperto e arrestato in tempo, martedì, da soldati israeliani in servizio al posto di blocco di Hawara, a sud della città cisgiordana di Hebron. Il ragazzo, di nome Hassan Hashash, era stato evidentemente mandato da qualcuno ed era atterrito, ha raccontato un […]

Leggi tutto l'articolo ›

Arrestato dagli egiziani trafficante palestinese di missili da spalla

Sono armi che possono alterare lequilibrio delle forze nella guerra al terrorismo

Un contrabbandiere palestinese recentemente arrestato dagli egiziani ha rivelato d’aver introdotto clandestinamente dal Sinai nella striscia di Gaza missili terra-aria da spalla di produzione russa. Gli egiziani stavano effettivamente dando la caccia a questi missili tipo Strela introdotti clandestinamente da un gruppo palestinese noto come i Falchi di Fatah. I missili anti-aerei da spalla tipo […]

Leggi tutto l'articolo ›