Quella fragile coesistenza alla mercé di terroristi e sobillatori

Buona parte del problema sta nella cultura del martirio, alimentata tanto dall'Autorità Palestinese quanto dalle organizzazioni islamiste

Editoriale del Jerusalem Post

Il terrorista che ha compiuto l'attentato di domenica scorsa nel parco industriale di Barkan, in Samaria (Cisgiordania settentrionale), ha ucciso due israeliani – Ziv Hajbi, 35enne padre di tre figli, e Kim Levengrond-Yehezkel, 28enne madre di un bimbo di un anno – e ha ferito un'altra ebrea israeliana, Sara Vaturi, di 54 anni.

Leggi tutto l'articolo ›

“Non presteremo attenzione al cinico sdottoreggiare di chi usa Khan al-Ahmar per denigrare Israele”

La cosa giusta da fare è spostare di pochi km quella trentina di famiglie beduine che vivono nelle baracche illegali sorte in un luogo senza servizi e a rischio per la salute, specie dei bambini

Di Avigdor Liberman

E di nuovo si è avviato il consueto coro internazionale contro Israele, questa volta per via della decisione del governo israeliano di mettere in atto una sentenza giudiziaria relativa al trasferimento di un piccolo gruppo di abusivi da Khan al-Ahmar, un agglomerato costruito illegalmente nei pressi di Gerusalemme.

Leggi tutto l'articolo ›

Ai ferri corti fra loro, Hamas e Autorità Palestinese giocano col fuoco sulla pelle di Gaza, fra minacce e ricatti

Ma i territori palestinesi non sono che uno dei fronti da cui Israele deve guardarsi

Furibondo per il proposito del Qatar di inviare aiuti alla striscia di Gaza, il presidente dell'Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) ha fatto sapere sabato che intende tagliare completamente il flusso di fondi verso l'enclave controllata da Hamas.

Leggi tutto l'articolo ›

Io credo a ciò che dice quella ragazza

Ahed Tamimi sostiene il terrorismo e la cancellazione di Israele. Ci vuole una buona dose di sfrontatezza per affermare che non si deve credere a ciò che dice

Di Stephen M. Flatow

Ahed Tamimi (la giovane palestinese che ha scontato otto mesi di detenzione per la sua esplicita istigazione al terrorismo diffusa su video e per le aggressioni, reiterate per anni, a calci pugni insulti e sputi contro soldati israeliani, sempre calcolatamente inscenate davanti alle telecamere, senza peraltro essere mai riuscita a suscitare la desiderata reazione violenta da filmare e diffondere) afferma di essere a favore della violenza contro gli ebrei e di volere la distruzione di Israele.

Leggi tutto l'articolo ›

Il maggiore giornale tedesco chiede la fine dei commerci con l’Iran, che minaccia Israele di sterminio

Sui missili di Teheran c’è scritto “morte a Israele, morte agli Stati Uniti", slogan che "i mullah prendono maledettamente sul serio"

Un sorprendente editoriale pubblicato lunedì dalla Bild Zeitung, il quotidiano più venduto in Germania, esorta le aziende tedesche a interrompere gli scambi con l’Iran a causa del terrorismo e del dichiarato obiettivo di quel regime di annientare lo stato ebraico.

Leggi tutto l'articolo ›

Abu Mazen usa Hamas contro Israele

I palestinesi continuano a essere usati come carne da cannone nella faida interna fra fazioni e nella insensata guerra contro lo stato ebraico

Di Amos Harel, Amnon Lord, Tsvi Sadan

Scrive Amos Harel: Lo spargimento di sangue di venerdì scorso ai confini fra la striscia di Gaza e Israele (sette palestinesi morti) è stato il peggiore da quasi due mesi. Questa nuova esplosione di violenza ha tutta l’aria d’essere il risultato diretto di una decisione di Hamas.

Leggi tutto l'articolo ›

Netanyahu: “La vera domanda è: cosa sarà lo stato palestinese? Un Costa Rica o un Iran?”

Prima del suo intervento all’Assemblea Generale dell’Onu, il premier israeliano fissa alcuni punti fermi su stato palestinese e Unesco. Poi, nel discorso, svela nuovi segreti atomici iraniani

Durante gli incontri con la stampa alla vigilia del suo discorso all’Assemblea Generale, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha precisato la propria posizione rispetto alle recenti dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Leggi tutto l'articolo ›

Se l’orso russo torna in Medio Oriente a minacciare Israele

La vera minaccia delle batterie antiaeree S-300 non sta nel fatto che sono potenti ma che sono russe. Oggi, come 45 anni fa, i russi in M.O. non sono la soluzione: sono il problema

Di Mor Altshuler, Judah Ari Gross

Timeo Danaos et dona ferentes, "temo i greci anche quando recano doni". Con queste parole, Laocoonte mise in guardia i troiani contro i piani dei greci. Ma i troiani ignorarono l'avvertimento

Leggi tutto l'articolo ›

Falsità, mezze verità e secondi fini del rapporto russo sull’abbattimento dell’aereo in Siria

Mosca è alla ricerca di alibi e capro espiatorio per coprire l'incompetenza e gli errori degli operatori della difesa antiaerea russi e siriani

Di Ron Ben-Yishai

La cosa più sorprendente del rapporto presentato dal Ministero della difesa russo che attribuisce a Israele la responsabilità dell’abbattimento per mano siriana dell'aereo da ricognizione russo a Latakia la scorsa settimana è il fatto che ignora totalmente i risultati dell'indagine condotta da Israele

Leggi tutto l'articolo ›