La delegittimazione che collega Onu, Putin e Human Rights Watch

Alcuni pensano che paesi come Israele e Ucraina dovrebbero accettare di discutere a partire dal concetto di mettere in discussione la loro stessa legittimità di esistere

Di David M. Litman

Sin dalla sua nascita, Israele è stato oggetto di una raffica costante di campagne di delegittimazione. Dai dittatori arabi agli antisemiti mascherati da “attivisti per i diritti umani”, il diritto di esistere dello stato ebraico è stato costantemente messo in discussione.

Leggi tutto l'articolo ›

Apartheid, nazismo, Ucraina e l’uso malato delle parole

L’abuso di insulti gratuiti svuota le parole di significato. Inutile adesso stupirsi se Putin cerca di giustificare l’aggressione all’Ucraina parlando di “genocidio” e “de-nazificazione”

Di Marco Paganoni

Chi faceva notare che equiparare Israele all’apartheid sudafricano è ridicolo e non offende solo Israele ma anche le vittime del vero apartheid, si sentiva rispondere che oggi per il “diritto internazionale” la parola apartheid vuol dire altro e ha poco o nulla a che fare col segregazionismo razzista.

Leggi tutto l'articolo ›

La distorsione della storia da parte dei palestinesi è uno strumento cruciale della loro guerra contro gli ebrei

Al centro del concetto nazista di “spazio vitale” c'era il principio di “liberare” i territori da tutti i non ariani, a partire dagli ebrei. Ora, c’è un altro popolo che mira a epurare il territorio dagli ebrei e riscrive la storia per giustificare questa violenza

Di Alex Nachumson

Retorica e appropriazione della storia sono state spesso utilizzate dai regimi totalitari per infiammare il popolo e incitarlo a battersi per la vittoria.

Leggi tutto l'articolo ›

Israele: la Commissione Onu è prevenuta, il suo verdetto è già stabilito in partenza

Lettera aperta di cittadini israeliani: tra un gruppo che spara deliberatamente sui civili facendosi scudo dei propri cittadini e una forza difensiva che agisce per fermare questi terroristi, la posizione del diritto internazionale è chiarissima

Israele ha ufficialmente dichiarato che non collaborerà con la Commissione creata dal Consiglio Onu per i diritti umani per indagare su presunti abusi contro i palestinesi durante gli undici giorni di conflitto scatenati lo scorso maggio da Hamas.

Leggi tutto l'articolo ›

Bennett: l’imminente accordo sarà debole, l’Iran incasserà miliardi e dopo 30 mesi potrà costruire centrifughe senza limiti

Il primo ministro ribadisce che, se necessario, Israele penserà da solo a difendere la sicurezza dei suoi cittadini

Israele si sta preparando per il giorno in cui verrà varato il nuovo accordo sul nucleare iraniano che, a quanto pare, sarà "più breve e più debole" dell'accordo precedente e, alla sua scadenza, consentirà a Teheran di costruire grandi quantità di centrifughe avanzate.

Leggi tutto l'articolo ›

Ricordando la verità di Rabin

Parlando nel 1976 al Congresso americano, l’allora primo ministro israeliano delineò in modo chiaro e netto i termini del conflitto e della sua soluzione

Di Mitchell Bard

Yitzhak Rabin è stato uno dei più grandi leader d'Israele. La sinistra lo ha idolatrato come un pacifista. La destra, dopo Oslo, lo ha demonizzato come un traditore. Nessuna delle due sembra prestare molta attenzione alle parole dello stesso Rabin

Leggi tutto l'articolo ›

Un giornale kuwaitiano esorta a normalizzare i rapporti con Israele

Lamentando “l’ingratitudine” dei palestinesi, Arab Times scrive: “Se ricominciano a lanciare missili, che ci pensino loro a ricostruire ciò che distruggono con i loro stessi atti”

Di Tzvi Joffre

Un editoriale pubblicato a fine gennaio sul quotidiano kuwaitiano Arab Times esorta gli stati del Golfo a normalizzare i rapporti con Israele, chiedendosi perché continuare a sostenere i palestinesi nonostante il fatto che i palestinesi abbiano ripetutamente insultato gli stati del Golfo.

Leggi tutto l'articolo ›