Sezione: Attualità

Come sarebbe, in pratica, uno stato palestinese?

Non occorre lavorare di fantasia. Ci sono già stati ben quattro semi-stati palestinesi che forniscono ampi elementi di giudizio

Di Elan Journo

L'amministrazione Trump intende annunciare un "accordo del secolo" per risolvere il conflitto israelo-palestinese. Da cenni e indiscrezioni sembra di capire che la proposta non si spingerebbe al punto di sostenere l'obiettivo di uno stato palestinese pienamente indipendente e sovrano, una mancanza considerata da molti assolutamente deleteria.

Leggi tutto l'articolo ›

Ottimo il workshop in Bahrain, ma i precedenti non fanno ben sperare

In tutta la storia del conflitto arabo-israeliano, odio e violenza del nazionalismo anti-ebraico hanno sempre sconfitto prosperità e sviluppo

Di Ben-Dror Yemini

Il seminario economico di martedì e mercoledì in Bahrain rappresenta uno sforzo encomiabile, ma le sue chance di successo, se mai esistono, potranno derivare solo da una piena comprensione della storia del conflitto israelo-arabo-palestinese.

Leggi tutto l'articolo ›

In Bahrain, l’occasione persa (ancora una volta ) dai palestinesi

Ci sarà un motivo se la dirigenza palestinese rifiuta sistematicamente ogni offerta di soluzione politica e ogni proposta per uno sviluppo economico

Editoriale del Jerusalem Post

Il presidente dell'Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) ha convocato domenica a Ramallah i membri dell'Associazione stampa estera per un ennesimo momento della sua campagna contro il workshop economico "pace per la prosperità" indetto dagli Stati Uniti nel Bahrain.

Leggi tutto l'articolo ›

A Gerusalemme, un vertice sulla sicurezza senza precedenti

Il punto più importante in agenda è la rimozione dalla Siria delle forze iraniane. Meno urgente, ma non meno spinosa, la questione della persistente presenza russa e del suo ruolo nella regione

Israele ospita questa settimana a Gerusalemme un vertice sulla sicurezza senza precedenti, che vedrà riuniti John Bolton, capo consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, e i suoi colleghi israeliano e russo, Meir Ben-Shabbat e Nikolai Patrushev, per discutere di una serie di problemi regionali

Leggi tutto l'articolo ›

Sviluppo e benessere economico non fanno il gioco degli interessi politici dell’Autorità Palestinese

Il comportamento dei dirigenti palestinesi nel corso degli anni ci dice che stabilità e sviluppo non figurano nella loro lista di priorità

Di Eyal Zisser

Alla vigilia del seminario economico sponsorizzato dagli Stati Uniti in Bahrain, l'amministrazione americana ha rivelato durante il fine settimana una parte del suo piano di pace per il Medio Oriente, culminante in una proposta di investimenti e infrastrutture, direttamente o indirettamente a vantaggio dei palestinesi

Leggi tutto l'articolo ›

Ancora una volta l’Autorità Palestinese dimostra che non vuole davvero uno stato indipendente

Anche se lo stato palestinese non è dietro l’angolo, uno sviluppo economico oggi aumenterebbe la concreta fattibilità di uno stato domani. Allora perché la dirigenza palestinese si rifiuta di andare in Bahrain a discutere di questo sviluppo?

Di Evelyn Gordon

Il rifiuto dei palestinesi di partecipare al workshop economico sponsorizzato dagli Stati Uniti in Bahrain il 25-26 giugno è stato considerato da molti come una ragionevole reazione all’improbabilità che il piano di pace del presidente Usa Donald Trump (la cui sezione economica verrà illustrata al workshop) possa soddisfare le loro rivendicazioni.

Leggi tutto l'articolo ›

Editorialisti arabi criticano i palestinesi per il rifiuto a priori delle iniziative di pace americane

“E’ facile, per consumati diplomatici, irridere l’inesperienza di Kushner: ma loro cosa hanno ottenuto in 70 anni di tentativi per risolvere il conflitto?”

Di Memri, Khalaf Al Habtoor

L'iniziativa per la pace in Medio Oriente dell'amministrazione Trump, nota come "l'accordo del secolo" che deve ancora essere ufficialmente annunciato, così come il seminario economico "pace per la prosperità" che si terrà in Bahrain il 25-26 giugno e che mira a mobilitare "sostegno per i potenziali investimenti economici e le iniziative che potrebbero essere rese possibili da un accordo di pace", continuano ad essere ampiamente dibattuti nella stampa araba.

Leggi tutto l'articolo ›

Il miracolo economico israeliano

La storia di Israele è un esempio piuttosto spettacolare di come la scienza economica neoliberista, se ben applicata, possa dare risultati di successo

Da un articolo di Tyler Cowen

Molti turisti visitano Israele per le sue bellezze storiche e religiose, mentre altri lo vivono attraverso la lente del conflitto politico. Nel suo editoriale per Bloomberg, il professore di economia della George Mason University, Tyler Cowen, propone invece un’altra prospettiva

Leggi tutto l'articolo ›

Israele avvia la costruzione del quarto e maggiore acquedotto per Gaza

Ma la disponibilità ad aumentare la fornitura di acqua dolce è pesantemente limitata dalla pessima gestione delle infrastrutture all’interno della striscia da parte di Hamas

Mekorot, la compagnia idrica nazionale israeliana, ha avviato i lavori per la costruzione di un acquedotto potenziato verso Gaza, destinato ad incrementare il flusso di acqua potabile verso l’enclave controllata da Hamas.

Leggi tutto l'articolo ›

Intanto il sud brucia. Di nuovo

Nel silenzio di quasi tutti i mass-media, ogni sera Adele del kibbutz Nirim aggiorna la mappa degli incendi terroristici causati da palestinesi di Gaza

Di Adele Raemer

Mi chiamo Adele. Vivo in un kibbutz a circa un miglio dal confine con la striscia di Gaza. Lavoro a tempo pieno, eppure il mio sionismo mi tiene molto impegnata al di là delle ore di attività come insegnante e formatrice di insegnanti, di madre e nonna, di membro attivo del kibbutz.

Leggi tutto l'articolo ›