Sezione: Attualità

L’accordo Israele-Libano è una sconfitta per Hezbollah e Iran

Non è una cessione di “territorio” e sono fuorvianti i paragoni con le valige di soldi del Qatar che Israele lasciava entrare a Gaza per “comprare” la calma al confine

Di Yaakov Katz, Nadav Pollak

Un successo o una resa? Un patto economico o un patto per la sicurezza? Qual è il modo giusto di vedere l'accordo sul confine marittimo raggiunto martedì tra Israele e Libano? Un suggerimento? Né solo economico né solo di sicurezza, poiché ciò che questo accordo effettivamente fa è riunire in un unico insieme interessi diplomatici, di sicurezza ed economici.

Leggi tutto l'articolo ›

Spari intimidatori, minacce squadriste e chiusura d’autorità di un hotel a Betlemme a causa di due simboli ebraici di cartone

Allarmante anticipazione della sorte riservata a religione e libertà degli ebrei nello stato arabo palestinese

Attentatori non identificati hanno aperto il fuoco lunedì contro il Bethlehem Hotel, nell'omonima città della Cisgiordania (sotto giurisdizione dell’Autorità Palestinese) dopo che è circolato sui social network un video che mostrava sul palco della sala conferenze dell’albergo una Menorà (candelabro ebraico) e una Stella di David ritagliate nel cartone.

Leggi tutto l'articolo ›

Svarioni, pregiudizi e balle colossali

La verità è un dettaglio fastidioso per chi è costantemente impegnato a montare l'immagine del feroce alieno sionista, attingendo a piene mani ai cliché antisemiti

Di Marco Paganoni

Non ci si annoia mai. Il pregiudizio anti-sionista e anti-israeliano, ovvero la propaganda di odio contro l’indipendenza ebraica in Terra d’Israele, riserva sempre sorprese tra il patetico e l’inquietante.

Leggi tutto l'articolo ›

Un palestinese gay che viveva in una casa-rifugio in Israele è stato decapitato nella Hebron araba

Ma non aspettatevi la pioggia di pressioni, insinuazioni, sospetti e condanne riservate solo a Israele da chi si proclama “amico” dei palestinesi

Di Moshe-Mordechai van Zuiden

Un palestinese gay che viveva in una casa-rifugio in Israele è stato rapito e decapitato nelle Hebron araba (sotto Autorità Palestinese). Gli assassini hanno anche postato su internet un video della macabra esecuzione.

Leggi tutto l'articolo ›

La vera grande impresa del sionismo è ancora incompiuta

Il segreto della sopravvivenza di Israele è che combatte da sempre con le spalle al muro, come disse il generale Giap. Ma il sionismo mira a qualcosa di più e di meglio

Di Benjamin Kerstein

La gente spesso è portata a riflettere sullo strano fenomeno della sopravvivenza di Israele. Per oltre 70 anni, pochi milioni di ebrei hanno tenuto testa a un nemico (l’insieme dei paesi arabi e islamici ndr) che è più grande di diversi ordini di grandezza e che esercita un immenso potere militare ed economico.

Leggi tutto l'articolo ›

Barbra Streisand: “Quando l’antisionismo sfocia nell’antisemitismo?”

La questione posta su Twitter dalla celebre attrice americana non è così intricata come sembra, stando alle tante sintetiche risposte che ha ricevuto

"Quando l'antisionismo sfocia in ampio antisemitismo?". La domanda è stata posta con un post su Twitter sabato scorso dalla cantante e attrice ebrea americana Barbra Streisand che reagiva alla decisione di diversi gruppi studenteschi dell'Università della California di bandire dal campus i conferenzieri sionisti.

Leggi tutto l'articolo ›

AstroSamantha: Shalom a Israele dallo spazio

L'astronauta Samantha Cristoforetti, prima donna europea comandante della Stazione Spaziale Internazionale, ha postato splendide foto notturne di Haifa e Tel Aviv proprio in concomitanza con il periodo delle grandi festività ebraiche

Sabato, l'astronauta italiana Samantha Cristoforetti, comandante della Stazione Spaziale Internazionale, ha inviato un caloroso "shalom" dallo spazio a Israele con un tweet accompagnato da spettacolari fotografie notturne delle aree metropolitane di Tel Aviv e Haifa

Leggi tutto l'articolo ›

I palestinesi sono un popolo, ma si comportano come se non lo fossero

Si immagini per un momento se i palestinesi agissero come un popolo che aspira all'autodeterminazione, un popolo che desidera costruire un proprio stato e non distruggere quello di qualcun altro

Di Fred Maroun

Intervenendo all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il primo ministro israeliano Yair Lapid ha detto una cosa che sanno tutti, ovvero che i palestinesi potrebbero avere uno stato se solo la smettessero con le violenze.

Leggi tutto l'articolo ›