Sezione: Letteratura

Hayim Beer

Biografia in breve

Haim Be’er Haim Be’er è uno scrittore israeliano ancora poco conosciuto in Italia. Nato a Gerusalemme nel 1945 da una famiglia proveniente dall’Europa Orientale, ha già pubblicato diverse opere: Notzot (1979), Sha’ashue’ yom yom (1970), Et ha-zamir (1987), Gam ahavatam gam sinatam (1993) sugli scrittori Bialik, Brenner e Agnon, e il suo libro più significativo, […]

Leggi tutto l'articolo ›

Hayim Beer

Saggio sulla lingua ebraica

Hayim Be’er Sulla lingua ebraica. Nella preghiera della ‘amida appare un’espressione da un lato oscura e da un lato affascinante – “i superstiti tra i loro scribi” – che coloro che pregano pronunziano frettolosamente chiedendo a Dio che ne abbia misericordia insieme agli altri “anziani del tuo popolo, casa di Israel”. Spesso ho la sensazione […]

Leggi tutto l'articolo ›

Aharon Appelfeld

Introduzione al libro "Storia di una vita"

In anteprima per il sito www.israele.net un brano del libro di Aharon Appelfeld, Storia di una vita, traduzione dall’ebraico di Ofra Bannet e Raffaella Scardi, Giuntina, Firenze, ottobre 2001, pp. 187, L. 24.000 (Euro 12,39). Per gentile concessione della casa editrice Giuntina Introduzione Queste pagine sono frammenti di memoria e riflessioni. La nostra memoria è […]

Leggi tutto l'articolo ›

Aharon Appelfeld

Intervista ad Aharon Appelfeld

Raccontare una vita. Incontro con Aharon Appelfeld. Aharon Appelfeld è stato in Italia per presentare un suo libro apparso in traduzione italiana, Storia di una vita, nella bella traduzione di Ofra e Raffaella Scardi, Giuntina editore. Si tratta di un libro molto interessante e diverso dai libri di memorie che appaiono così spesso in questa […]

Leggi tutto l'articolo ›

Aharon Appelfeld

Respirando il silenzio, Su Aharon Appelfeld, Tutto ciò che ho amato, trad. di Ofra Bennet e Raffaella Scardi, Giuntina, Firenze 2002

Respirando il silenzio. Su Aharon Appelfeld, Tutto ciò che ho amato, trad. di Ofra Bannet e Raffaella Scardi, Giuntina, Firenze 2002. «Amo la fiction, purché sia sostenuta da un’ossatura autobiografica. I documenti servono come punto di partenza, ma il resto deve restare completamente in mano alla dea della letteratura» Così ha affermato Imre Kertész, lo […]

Leggi tutto l'articolo ›

Aharon Appelfeld

Tra il rifugio e la casa

In occasione della pubblicazione del libro di Aharon Appelfeld, Storia di una vita, per i tipi di Giuntina, abbiamo deciso di tradurre in italiano un suo brano su Shay Agnon (1888-1970), lo scrittore che più ha segnato la latteratura israeliana del XX secolo. Su Agnon, che ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel […]

Leggi tutto l'articolo ›

Chaim Guri

Nota biografica

Chaim Guri Chaim Guri è considerato uno dei maggiori poeti israeliani viventi. Nato nel 1923 a Tel Aviv, nel 1947 è inviato in missione in Cecoslovacchia e in Ungheria dalla Haganà (l’organizzazione militare di autodifesa, nucleo del futuro esercito dello Stato d’Israele). Nel 1949 pubblica il suo primo libro di poesie, Pirche’ esh (Fiori di […]

Leggi tutto l'articolo ›