Sezione: News

Due razzi Qassam lanciati mercoledì mattina dalla striscia di Gaza e atterrati in campi aperti nel Negev occidentale. Nè feriti nè danni.

Pm palestinese Abu Ala ha ritirato martedì le dimissioni in cambio di limitati poteri sulla polizia palestinese; Arafat manterrà il controllo sul grosso delle forze armate e intelligence palestinesi.

Si è dimesso mercoledì Bar On da presidente della commissione per la legge sul matrimonio civile, sostenendo che il ministro Lapid ha silurato la bozza di legge pubblicizzandola troppo presto. Lapid: Falsa crisi, su pressione degli ultra-ortodossi.

Segretario di Stato Usa Powell sulla recente crisi interna palestinese: “Non ci si può fidare delle promesse di Arafat, attendiamo fatti e non parole”.

Giovane palestinese ammette d’aver inventato accuse di maltrattamenti da parte di soldati israeliani al posto di blocco Beit Fouriq. In realtà cercava di entrare in Israele da Nablus nascosto in un’auto con targa israeliana. Scoperto, aveva cercato di scappare scontrandosi coi militari e per questo era finito in manette.

Israele spenderà 11,1 milioni di $ per modificare porzioni già completate della barriera, in ottemperanza alle direttive della Corte Suprema israeliana, aprendo nuove strade e sottopassaggi e fornendo altri scuolabus per bambini palestinesi separati dalle scuole.

Scrittore palestinese (residente a Londra) Ibrahim Hamami sul sito web Falastin sollecita Arafat a “fare i bagagli” e andarsene con i suoi “corrotti accoliti”, imputandogli politiche “disastrose” che hanno condotto i palestinesi da una catastrofe all’altra: “Decine di migliaia di palestinesi sono morti in Libano, in Giordania e ora in Palestina a causa delle tua sistematica corruzione da quando hai preso il potere nel 1968”.

Inchiesta delle Forze di Difesa israeliane sul caso di un soldato che a un posto di blocco a nord di Nablus avrebbe picchiato e ferito uno studente palestinese disarmato. Il militare è stato fermato dagli altri soldati presenti.

Secondo fonti palestinesi, il pm palestinese Ahmed Qureia (Abu Ala) avrebbe ritirato le proprie dimissioni senza condizioni.

La Giordania esclude categoricamente radiazioni sul proprio territorio da centrali nucleari israeliane. Smentendo lennesima accusa della spia Vanunu, il portavoce del governo di Amman, Asma Khader ha affermato che il Regno è esente da qualsiasi contaminazione e ha ricordato che vengono regolarmente effettuati controlli dai tecnici della Commissione per l’energia nucleare.