Sezione: News

Più di 750.000 contatti da 151 paesi in soli 3 giorni al nuovo sito-database di Yad Vashem (Gerusalemme) con foto e nomi delle vittime della Shoà: 37% da Israele, 34% dal Nord America, 25% dallEuropa, 4% dal resto del mondo. Per il link, vedi nel Portale di www.israele.net, alla voce Shoà.

Tiri di mortaio palestinesi su abitazioni israeliane mercoledì sera nel nord della striscia di Gaza.

Arrestato a Tulkarem membro di Fatah ricercato per terrorismo: è accusato di preparare attentati.

Tiri di mortaio palestinesi mercoledì su Gush Katif (striscia di Gaza): colpiti un campo di basket e una scuola. No vittime.

La compagnia aerea israeliana El Al inzierà il mese prossimo a montare sistemi anti-missile Flight Guard (di produzione israeliana) sui propri aerei di linea, al costo di circa 1 milione di $ per velivolo.

Ministro esteri Shalom: Israele permetterà la supervisione delle elezioni palestinesi da parte di osservatori internazionali: Israele è determinato a fare tutto il possibile per garantire che le elezioni palestinesi siano eque e corrette; già smantellati 90 posti di blocco in Cisgordania; ulteriori ritiri dalle città palestinesi dipenderanno dalle condizioni di sicurezza.

Secondo la Israel’s Antiquities Authority, il muro orientale del Monte del Tempio non rischia più di crollare dopo i lavori di restauro condotti da ingegneri giordani. Ma non tutti gli esperti israeliani sono convinti.

Ministro esteri Shalom: “Se la Siria dimostra un autentico desiderio di pace, Israele è pronto ad avviare negoziati senza pre-condizioni”.

Capo di Fatah Farouk Kaddoumi martedì ad una celebrazione a Beirut in memoria di Arafat: I palestinesi non potranno realizzare lo loro aspirazioni se non continuando a combattere Israele con tutti i mezzi e in tutti i modi.

Cordiale incontro Sharon-Peres martedì sera. Entrambi hanno espresso desiderio di sedere insieme al governo per affrontare la soluzione del conflitto mediorientale. Ma Sharon ha aggiunto: Allo stato attuale non ho la maggioranza per far passare alla Knesset un governo di unità nazionale. Continuerò a premere sui parlamentari del Likud.