Sezione: News

Agenti della polizia di frontiera israeliana hanno sventato un attentato all’arma bianca, sabato, al posto di controllo di Qalandiya, a nord di Gerusalemme, quando hanno individuato in tempo tempo due palestinesi sospetti che, arrestati, sono risultati in possesso di pugnali. Durante l’arresto, sono rimasti leggermente feriti sia i due sospetti che due agenti.

Due razzi palestinesi lanciati venerdì dalla striscia di Gaza verso Israele si sono abbattuti su zone non edificate. Le Forze di Difesa israeliane  hanno reagito colpendo due strutture militari di Hamas, il gruppo terrorista al potere a Gaza.

In un ulteriore segnale di disgelo, i Ministeri della sanità di Israele ed Emirati Arabi Uniti annunceranno forme di cooperazione nella lotto contro la pandemia da coronavirus. Lo ha anticipato giovedì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu dicendo che “tale cooperazione riguarderà la ricerca, lo sviluppo e la tecnologia in aree che miglioreranno la sicurezza sanitaria in tutta la regione”.

DiA Imaging Analysis, azienda israeliana leader nell’intelligenza artificiale, ha annunciato giovedì d’aver ottenuto l’autorizzazione dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti e il marchio europeo CE per due dispositivi ad ultrasuoni basati sull’intelligenza artificiale destinati ad aiutare nella battaglia contro covid-19. I due nuovi prodotti sono LVivo RV, la prima analisi automatizzata del ventricolo destro del cuore basata sull’intelligenza artificiale, e LVivo Bladder, un programma basato sull’intelligenza artificiale per fornire una misurazione automatizzata del volume del ventricolo mediante gli ultrasuoni. L’annuncio è significativo per quanto riguarda la lotta al coronavirus poiché recenti studi hanno dimostrato un legame tra mortalità da covid-19 e insufficienza cardiaca del ventricolo destro.

Pochi giorni fa l’Ambasciata iraniana in Italia ha diffuso sui social network una immagine denigratoria già sbugiardata come falsa, aggiungendo la didascalia menzognera: “Bambino palestinese: lasciami respirare, ma invano, il soldato israeliano fascista e disumano non ha lasciato spazio alla sua vita”. Si tratta in realtà di una vecchia foto di un poliziotto cileno, spudoratamente usata per calunniare le forze di sicurezza israeliane.

(clicca per ingrandire)

“Celebrando” il 14esimo anniversario del sequestro il 25 giugno 2006 (in territorio israeliano) del soldato Gilad Schalit (poi trattenuto in ostaggio fino al 2011), Abu Obeida, portavoce delle Brigate Izzadin al-Qassam, ala militare di Hamas, ha affermato giovedì che il piano israeliano di estendere la sovranità a parti della Cisgiordania sarebbe considerato dai palestinesi una “dichiarazione di guerra”. Il portavoce terrorista ha colto l’occasione per ribadire che “obiettivo della resistenza palestinese è rimuovere l’occupazione da tutte le terre della Palestina storica [=Israele]”. Il ministro della difesa israeliano Benny Gantz ha risposto dicendo: “Suggerisco ai capi di Hamas di ricordare che saranno i primi a pagare per la loro aggressione, se questa dovesse accadere. Le Forze di Difesa israeliane sono l’esercito più forte della regione e il prezzo per qualsiasi tentativo di colpire civili israeliani sarà alto e doloroso”.

Israele ha prolungato il divieto di ingresso nel paese di cittadini stranieri fino al 1 agosto a causa di un recente peggioramento del numero di contagi da coronavirus. Il divieto riguarda anche lo scalo di voli in transito verso altra destinazione e l’ingresso di tutti i cittadini non israeliani ad eccezione dei viaggiatori muniti di un permesso dell’Autorità per la popolazione e l’immigrazione.

L’Iran spende fino a 700 milioni di dollari all’anno per finanziare gruppi terroristici, tra i quali Hezbollah e Hamas. Lo afferma un rapporto del Dipartimento di stato Usa pubblicato mercoledì secondo il quale “il regime iraniano e i suoi gregari continuano ad architettare e perpetrare attacchi terroristici su scala globale”. Secondo il rapporto, la Repubblica Islamica è il principale sponsor statale del terrorismo ed è implicata in attività terroristiche attraverso il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie e il Ministero dell’intelligence e della sicurezza, con interventi in Nord e Sud America, Europa, Medio Oriente, Asia e Africa. Inoltre, afferma il rapporto, il regime di Teheran consente di operare in Iran a una rete di supporto di al-Qaeda che invia denaro e combattenti nelle zone di conflitto in Afghanistan e Siria, e permette a membri di Al Qaeda di risiedere nel paese.

 

La Repubblica del Kosovo (paese a maggioranza musulmana) ha ufficialmente designato come gruppo terrorista l’intero Hezbollah sia nella sua componente militare che nella sua componente politica. Un anno fa il Kosovo aveva designato come terrorista solo l’ala militare del gruppo sciita libanese filo-iraniano, ma questa settimana, su proposta del Ministero degli esteri, il parlamento ha messo al bando anche l’ala politica.

Un editoriale pubblicato domenica sul quotidiano ufficiale dell’Autorità Palestinese Al-Hayat Al-Jadida evoca gli attacchi terroristici del passato e minaccia analoghi attentati in futuro se Israele dovesse procedere con l’estensione della sovranità a parti della Cisgiordania. Secondo un rapporto di Palestinian Media Watch, l’articolo celebra il terrorismo perpetrato dal movimento Fatah, che fa capo ad Abu Mazen, e afferma che “il fatto” che Fatah ha una quantità di martiri in Paradiso è la prova che il movimento è focalizzato sulla giusta “via nazionale”. Con questo linguaggio, spiega Palestinian Media Watch, Fatah rivendica il suo ruolo di avanguardia negli attentati contro israeliani.