Sezione: Storia

Profughi di Serie A e profughi di Serie B

Su YouTube, il terzo video esplicativo del vice ministro degli esteri israeliano

Con Danny Ayalon

Il vice ministro degli esteri israeliano Danny Ayalon ha diffuso su YouTube un filmato di 5 minuti e mezzo intitolato “La verità sulla questione dei profughi”, terzo di una serie in cui, con l’aiuto di una grafica accattivante, intende spiegare in parole semplici alcuni dei più complessi nodi del conflitto israelo-arabo-palestinese. Questo il testo del […]

Leggi tutto l'articolo ›

Il vero ostacolo alla pace? 80 anni di rifiuto arabo-palestinese

È su YouTube il secondo video esplicativo del vice ministro degli esteri israeliano

Con Danny Ayalon

Il vice ministro degli esteri israeliano Danny Ayalon ha diffuso martedì su YouTube un filmato di sei minuti intitolato “La verità sul processo di pace”, nel quale spiega in parole semplici, con l’aiuto di una grafica accattivante, che “il motivo per cui il processo di pace non ha successo non è la presenza israeliana in […]

Leggi tutto l'articolo ›

Ricostruire e ricostruirsi

Una raccolta di studi e fotografie storiche sulla ricostruzione del popolo ebraico e la sua rinascita nell’antico/nuovo Stato d’Israele subito dopo la Shoà, con particolare attenzione alle tappe in Italia

“Ricordo sempre le rose della villa Mayer di Abbiate come il ritorno alla vita dopo Auschwitz”. Con queste parole un’ebrea scampata allo sterminio nazista – che oggi vive vicino Tel Aviv, in Israele – esprime l’esperienza dei sopravissuti transitati per Abbiate Guazzone (Varese), uno dei centri di accoglienza allestiti in Italia lungo le tappe del […]

Leggi tutto l'articolo ›

La “Naqba” degli ebrei del Marocco

Furono di più gli ebrei costretti a fuggire dai paesi musulmani che gli arabi palestinesi fuggiti dall’appena nato Israele: una storia che è stata troppo poco ricordata e raccontata

Di Lela Gilbert

Immaginate una bambina di sei anni spaventata che cerca di trovare l’equilibrio nella stiva soffocante e affollata di una nave che dondola violentemente. Non è sola nel mare turbolento: i suoi genitori e fratelli sono vicini. Ma la paura è nell’aria, insieme alla vista e all’odore terribile di vomito. La bambina capisce poco delle circostanze […]

Leggi tutto l'articolo ›

L’altra volta che Washington fece la voce grossa

La posizione dell’amministrazione Obama ricorda all’ex consigliere di Rabin la crisi Israele-USA del 1975

di Gil Hoffman

La leadership americana sbaglia a “mettere Israele con le spalle al muro” come fece durante un confronto tra i due paesi nel 1975. Lo dice Yehuda Avner, che all’epoca di quella crisi era consigliere dell’allora primo ministro israeliano Yitzhak Rabin. L’ambasciatore d’Israele presso gli Stati Uniti, Michael Oren, pare abbia detto ai consoli generali israeliani […]

Leggi tutto l'articolo ›

Non smetteremo di danzare

Il libro di Giulio Meotti che narra le storie (mai raccontate) degli ebrei di Israele uccisi solo perché ebrei dal terrorismo mediorientale

«Giulio Meotti ci ha dato una commovente opera di cordoglio in memoria delle innumerevoli vittime della nuova ondata di antisemitismo. Lasciateci sperare che questo libro risvegli gli europei sui loro doveri verso gli ebrei, la cui veglia lungo i secoli è stata un esempio per tutti noi.» Roger Scruton. Con un atto di accusa verso […]

Leggi tutto l'articolo ›

Gli anni perduti di Gerusalemme est

Se la gente considerasse di più il periodo della dominazione giordana e la dinamica dei cambiamenti arabi a Gerusalemme, potrebbe comprendere meglio la vera storia della città

di Seth Frantzman

Le recenti proteste nel quartiere di Sheikh Jarrah contro l’espulsione di due famiglie palestinesi da una casa hanno di nuovo concentrato l’attenzione internazionale su Gerusalemme est. La condanna internazionale di Israele è arrivata da varie parti. Robert Serry, un coordinatore speciale dell’Onu, ha dichiarato c “deplorare le inaccettabili azioni odierne di Israele”. La presidenza dell’Unione […]

Leggi tutto l'articolo ›

La prima vittima del moderno terrorismo in terra d’Israele

Nel 1851 il rabbino Tzoref pagò con la vita l’aver avviato la ricostruzione, a Gerusalemme, della sinagoga di Hurva, destinata un secolo dopo ad essere distrutta dalla Legione Araba

Da un articolo di Nadav Shragai

Probabilmente il nome di rabbi Avraham Shlomo Zalman Tzoref, ucciso a Gerusalemme nel 1851, non è noto alla maggior parte degli israeliani. Eppure Tzoref fu la prima vittima del terrorismo ufficialmente riconosciuta dallo Stato d’Israele, e il suo nome viene letto ogni anno, insieme a quelli delle altre tremila vittime del terrorismo, nella Giornata delle […]

Leggi tutto l'articolo ›

Quando l’Egitto dominava Gaza

Repressione, abbandono, corruzione e strumentalizzazione dei profughi palestinesi per alimentare l’odio verso Israele

di Eliezer Whartman

Quando visitai per la prima volta la striscia di Gaza, dopo la guerra dei sei giorni, trovai un territorio che testimoniava in tutto e per tutto l’aggressione, la durezza e l’inumanità egiziane. Per diciannove lunghi anni [dal 1948 al 1967], la zona era stata gestita direttamente dall’esercito egiziano. Sotto una “costituzione” redatta dagli egiziani, tutti […]

Leggi tutto l'articolo ›