Sezione: Storia

Quando venne ucciso il primo sindaco ebreo di Tiberiade

Era il 1938 e le violenze arabe stavano irrimediabilmente distruggendo la convivenza fra le comunità della città

Da un articolo di Eli Ashkenazi

Ottobre 2008: i cieli sopra Tiberiade hanno cominciato ad ingrigirsi nel pomeriggio, segnalando l’arrivo della pioggia. All’ingresso settentrionale della città la gente che si affretta verso la fermata dell’autobus si imbatte, di fronte alla filiale locale della Bank Leumi, in un gruppetto di persone che ascolta il racconto del drammatico assassinio avvenuto in quel luogo […]

Leggi tutto l'articolo ›

Obama come Eisenhower?

Agli occhi di Eisenhower e Dulles, l’esistenza di Israele era qualcosa che andava tollerato. Eisenhower stesso dichiarò che forse non sarebbe stato a favore della costituzione dello stato d’Israele, se fosse stato presidente nel 1948

di Yoav J. Tenembaum

I paragoni storici vanno fatti con cautela. Non esistono mai due avvenimenti identici. Nelle analogie storiche le trappole sono altrettanto numerose dei vantaggi. Tuttavia paragonare avvenimenti storici fra loro può servire per chiarire e rendere più acuta la nostra comprensione del fenomeno di cui si sta discutendo. In questo spirito è possibile tracciare un parallelo […]

Leggi tutto l'articolo ›

Senza la Shoà, oggi vi sarebbero da 26 a 32 milioni di ebrei nel mondo

È la stima del prof. Della Pergola, dell’Università di Gerusalemme

Se non ci fosse stata la Shoà, il numero degli ebrei nel mondo sarebbe oggi probabilmente di almeno 26 milioni, e forse addirittura 32 milioni. Lo dice il prof. Sergio Della Pergola, dell’Università di Gerusalemme. Della Pergola, studioso noto in tutto il mondo per la demografia ebraica, è titolare della cattedra Shlomo Argov per le […]

Leggi tutto l'articolo ›

Arafat ordinò personalmente l’assassinio di diplomatici americani in Sudan

La conferma giunge oggi da nuovi documenti della Cia. Ma Kissinger ordinò comunque di proseguire i contatti con l’Olp

Henry Kissinger diede ordine alla CIA di continuare i contatti diplomatici con i rappresentanti dell’Olp di Yasser Arafat, prima della guerra del Kippur del 1973, anche dopo che Arafat aveva personalmente ordinato il sequestro e l’assassinio a sangue freddo dell’ambasciatore americano e del suo vice a Kartum, in Sudan. I contatti diplomatici, descritti come attinenti […]

Leggi tutto l'articolo ›

Quel Kennedy era amico d’Israele

Esattamente vent’anni prima d’essere assassinato, Bob Kennedy aveva visitato la Palestina Mandataria

Da un articolo di Lenny Ben-David

Robert F. Kennedy venne ucciso quarant’anni fa, il 5 giugno 1968, mentre usciva da una festa per la sua vittoria nelle primarie in California. Bob Kennedy aveva generato grandi speranze ed entusiasmo tra i giovani d’America, specialmente quelli che erano contrari alla guerra in Vietnam, non molto diversamente dalla campagna odierna di un giovane senatore […]

Leggi tutto l'articolo ›

Il partigiano che non poté salvare il Monte Scopus

Studente dell’Università di Gerusalemme, Dov Levin tenne un diario durante i mesi dell’assedio e della guerra per l’indipendenza

“La situazione non permette di posporre la bevuta di vino. L’università ha chiuso, gli autobus non circolano, nemmeno a Talpiot. I bombardamenti sono terribili, di sera sono accompagnati da un coro di spari. L’anno è cominciato così”. Con queste parole, il 1 gennaio 1948 si apre il diario di Dov Levin, all’epoca studente all’Università Ebraica […]

Leggi tutto l'articolo ›

Manifesto sionista su carta intestata del Judenrat

Una commovente testimonianza riemersa dal ghetto Lodz

“Una nazione ebraica è qualcosa di cui il mondo ha bisogno, e questa è la ragione per cui verrà creata. Se fosse solo un uomo a pensarla così, si potrebbe definirla un’idea folle. Invece l’idea di uno stato ebraico è certamente accettabile e fattibile. Diventerà realtà senza particolari difficoltà. Nello stato ebraico, la giovane generazione […]

Leggi tutto l'articolo ›

Un incontro sulla Collina del Cattivo Consiglio, settant’anni fa

Quando Ben Gurion si batteva per dare una patria agli ebrei in fuga dalla Germania nazista. E il disincantato occidentale di turno lo prendeva per un visionario

Da un articolo di Yehuda Avner

A Gerusalemme sud-orientale c’è un’altura chiamata la Collina del Cattivo Consiglio, e sulla sua cima piatta c’è un sito chiamato Campo di Sangue perché sarebbe stato acquistato con i 30 denari che Giuda avrebbe ricevuto per tradire Gesù. Qui, in questo luogo, dove il panorama di Gerusalemme è al suo massimo splendore, si trova il […]

Leggi tutto l'articolo ›

Nel maggio 1967 MIG sovietici sorvolarono Dimona

Dalla Russia giungono conferme sul ruolo cruciale di Mosca nel provocare la crisi dei sei giorni e sui piani sovietici contro Israele

Da un articolo di David Horovitz

Con la firma del capo dell’ufficio portavoce delle Forze Aeree russe, colonnello Aleksandr V. Drobyshevsky, giunge per la prima volta una conferma scritta del fatto che nel maggio 1967, appena prima dello scoppio della guerra dei sei giorni, piloti sovietici a bordo dell’allora modernissimo MiG-25 Foxbat avrebbero compiuto dei sorvoli a scopo provocatorio sopra l’impianto […]

Leggi tutto l'articolo ›