Studioso islamico palestinese: “Per un’era di pace e prosperità il mondo deve essere ripulito dagli ebrei”

Un esempio di cosa viene affermato senza ritegno da autorevoli esponenti ufficiali palestinesi

Il mondo deve essere “ripulito” dagli ebrei affinché i musulmani possano avere una vera pace. È quanto ha affermato in una recente intervista lo studioso islamico palestinese Mraweh Nassar. Nell’intervento, andato in onda lo scorso 10 febbraio sull’emittente turca Canale 9 (e tradotto in inglese dal Middle East Media Research Institute MEMRI), Mraweh Nassar, che è Segretario Generale del Comitato Gerusalemme dell’Unione Internazionale Studiosi Musulmani, ha affermato che gli ebrei sono “i nemici più pericolosi”.

Clicca l’immagine per vedere il video sottotitolato in inglese da Memri

 

“Tutti gli altri nemici della causa (palestinese) sono ora lacchè degli ebrei – ha dichiarato Mraweh Nassar – Allah ha chiarito la questione [nel Corano]: troverai che i più forti in inimicizia verso i credenti sono gli ebrei; continueranno a combattervi fino a quando non vi allontaneranno dalla vostra religione, se ne saranno capaci”.

Lo studioso palestinese ha affermato che molti versetti del Corano parlano della corruzione degli ebrei. E ha chiarito: “Se noi, come musulmani, vogliamo davvero vivere in pace e sicurezza, dobbiamo sbarazzarci di questo nemico”. A suo dire, i musulmani vivranno un’età dell’oro “dopo che gli ebrei saranno stati uccisi, nel tempo di Gesù” e “non ci saranno più ebrei sulla Terra”. Dopodiché “la Terra genererà le sue benedizioni, il cielo farà piovere in abbondanza, le persone vivranno in pace”.

Secondo l’interpretazione di Mraweh Nassar, dopo lo sterminio degli ebrei “chi metterà la mano nella bocca di un serpente non ne avrà alcun male, i lupi pascoleranno con le pecore, vi sarà una straordinaria atmosfera di abbondanza e prosperità e nessuno avrà bisogno della carità perché il mondo sarà stato ripulito dagli ebrei”.

(Da: jns.org, 21.2.21 – Memri Tv, 10.2.21)