Sezione: Attualità

Bennett alle Nazioni Unite: “Odiare Israele non rende woke”

Il pm israeliano: alcuni considerano "inevitabile" l’atomica iraniana, ma Israele non se lo può permettere; Israele "pioniere" del vaccino e il suo governo un modello di "dibattito senza odio"

Israele è un faro di luce e libertà e sostenerlo è una scelta morale. Lo ha detto lunedì il primo ministro israeliano Naftali Bennett nel suo primo discorso all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Leggi tutto l'articolo ›

Abu Mazen sbugiardato dall’indottrinamento impartito dall’Olp nei campi estivi per ragazzini palestinesi

Ecco come si alleva un'intera generazione di revanscisti irredentisti (illusi, ma utili)

Nel suo intervento venerdì scorso all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il presidente dell'Autorità Palestinese Abu Mazen ha minacciato di ritirare il riconoscimento di Israele “entro i confini del 1967” se Israele non si ritirerà entro un anno da Cisgiordania e Gerusalemme est.

Leggi tutto l'articolo ›

Quell’infame tentativo di disarmare Cupola di ferro

Alcuni politici sono così ossessionati dal loro odio per lo stato ebraico che vorrebbero i civili israeliani indifesi sotto i razzi dei terroristi (tanto non importa se anche i palestinesi ne pagherebbero le drammatiche conseguenze)

Di David Horovitz

Se non fosse stato per lo straordinario sistema di difesa anti-missilistica “Cupola di ferro”, il gruppo terroristico Hamas che controlla la striscia di Gaza avrebbe potuto ridurre in macerie intere aree abitate in Israele e rendere invivibile gran parte del paese.

Leggi tutto l'articolo ›

Capire il “come” dell’antisemitismo per individuarlo mentre è in atto, non con il tragico senno di poi

L’uso degli ebrei come capro espiatorio fa sempre leva sulla maggiore “autorità morale” di ogni periodo: la religione nell’antichità, una perversione della scienza in epoca moderna. Oggi su diritti umani e cancel culture anti-razzista e anti-coloniale

Di Samuel Hyde

Siamo tutti d'accordo che l'antisemitismo è un male. E’ difficile che la gente si faccia sedurre da questo genere di odio perché sappiamo tutti dove porta. L'anti-sionismo, invece, non è percepito come appartenente alla stessa categoria. Viene spacciato come un'asserzione di verità e giustizia in faccia al potere.

Leggi tutto l'articolo ›

L’antisemitismo implicito nelle relazioni internazionali (tacitamente legittimato anche da molte democrazie)

Perché l'unico stato al mondo a maggioranza ebraica è anche l'unico ostracizzato da certi governi e da troppi forum internazionali?

Di Seth J. Frantzman

La scorsa settimana si è avuta notizia che i talebani sono pronti a voltare pagina nei rapporti con il mondo: sono disposti a collaborare con tutti, anche con gli Stati Uniti che hanno combattuto contro di loro una guerra di vent’anni in Afghanistan

Leggi tutto l'articolo ›

La soluzione a due stati è praticabile? No, risponde chi odia Israele

Quelli che non credono più alla soluzione a due stati sono coloro che probabilmente non l’hanno mai voluta (perché non tollerano che esista uno stato ebraico)

Di Salo Aizenberg

Alla fine di agosto la rivista Foreign Affairs ha pubblicato un sondaggio tra 64 “esperti”, interpellati circa la loro opinione sulla possibilità che una soluzione a due stati per Israele e Palestina sia ancora praticabile.

Leggi tutto l'articolo ›

Appello di 300 parlamentari euro-americani perché le democrazie pongano fine alla discriminazione Onu contro Israele

Nel 2020, su 23 risoluzioni per violazione dei diritti umani 17 erano contro Israele, l’unico paese al mondo condannato dal Consiglio economico-sociale per presunte violazioni dei diritti delle donne

Più di 300 parlamentari di paesi europei e nord-americani hanno sottoscritto un documento in cui si esortano le democrazie a porre fine al pregiudizio delle Nazioni Unite contro Israele.

Leggi tutto l'articolo ›

La martellante diffamazione che non conosce vergogna (ma genera odio e violenza)

Ogni anno la propaganda palestinese ripete la calunnia che furono ebrei e Israele a incendiare la moschea al-Aqsa nel 1969

Di Nan Jacques Zilberdik

Ogni anno, l'Autorità Palestinese commemora l'incendio del pulpito della moschea di al-Aqsa avvenuto nel 1969. E ogni anno l'Autorità Palestinese ripete la menzogna secondo cui il fuoco sarebbe stato appiccato dagli ebrei.

Leggi tutto l'articolo ›