Le promesse che i politici israeliani devono rompere se vogliono scongiurare una terza tornata elettorale

Il problema delle trattative in corso per una coalizione di governo può essere riassunto in queste parole: tutti si attengono alle promesse fatte

Di Lahav Harkov

A poco più di due settimane dal giorno il cui il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, in caso di insuccesso, dovrà restituire al presidente Reuven Rivlin l’incarico di formare un governo, i negoziati per una coalizione restano in un vicolo cieco.

Leggi tutto l'articolo ›

L’amara lezione del tradimento nel nord della Siria

Dopo che Trump ha abbandonato i curdi, Israele sa che non può davvero fare affidamento su nessuno per la propria difesa

Di Herb Keinon, Jonathan Spyer

Scrive Herb Keinon: Non ci si faccia ingannare dalla mancanza di una risposta israeliana ufficiale al drammatico ribaltamento politico rappresentato dalla decisione del presidente Usa Donald Trump di rimuovere le truppe statunitensi dalla Siria settentrionale

Leggi tutto l'articolo ›

Quando si inganna la comunità internazionale ignorando l’elefante nella stanza

Nel suo rapporto sulla crisi dell’Autorità Palestinese, la Banca Mondiale assolve senza pudore le autorità di Ramallah dalle loro scelte irresponsabili e contro la pace

Di Maurice Hirsch

Nel comunicato stampa che accompagna un nuovo rapporto della Banca Mondiale sullo stato dell'economia dell'Autorità Palestinese, il Direttore della Banca Mondiale per Cisgiordania e Gaza, Kanthan Shanka, afferma che l’Autorità Palestinese versa in gravi difficoltà finanziarie a causa della "stretta sulla liquidità".

Leggi tutto l'articolo ›

Putin non è (e non sarà) il difensore di Israele in Medio Oriente

La Russia approfitta della mancanza di una politica americana nella regione. Gerusalemme deve stare al gioco, ma ricordando sempre che Mosca ha i suoi piani per il Medio Oriente, e che vanno oltre la Siria

Di Ksenia Svetlova

Quando la Russia diede avvio al suo coinvolgimento in Siria, quattro anni fa, l'Occidente predisse che Vladimir Putin si sarebbe impantanato nella guerra civile siriana, mentre in Israele si sperava che Mosca avrebbe ridotto l'influenza di Teheran nel vicino settentrionale.

Leggi tutto l'articolo ›

Come gli arabi israeliani hanno screditato il movimento BDS

Hanno sostenuto la scelta di Ayman Odeh di impegnarsi nella politica di Israele: l’opposto della campagna BDS che è contro ogni normalizzazione con lo stato ebraico

Di Mark Horowitz

Sono passati diversi giorni da quando il politico israeliano Ayman Odeh ha fatto lo storico annuncio che lui, in quanto leader del blocco arabo nella Knesset, avrebbe indicato Benny Gantz per l’incarico di primo ministro.

Leggi tutto l'articolo ›

Breve sintesi delle accuse da cui Netanyahu è chiamato a difendersi

Tre le inchieste giudiziarie da cui può dipendere la sopravvivenza politica del più longevo leader della storia d’Israele

A partire da questo mercoledì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è chiamato a respingere le accuse di corruzione a suo carico in una serie di udienze preliminari nelle quali cercherà di convincere il procuratore generale d’Israele a non procedere con incriminazioni formali.

Leggi tutto l'articolo ›

Calendario di un travagliato processo democratico

Breve guida alle tappe dei prossimi 3 mesi nella difficile formazione del futuro governo israeliano

Il presidente d’Israele Reuven Rivlin ha conferito mercoledì sera al primo ministro uscente Benjamin Netanyahu l'incarico di formare un nuovo governo, dopo che non hanno dato risultati le trattative tra il partito Likud e la lista Blu&Bianco di Benny Gantz per la formazione di un governo unitario.

Leggi tutto l'articolo ›