Lo Stato d’Israele è l’espressione democratica dell’autodeterminazione del popolo ebraico

Fronteggiando vivaci contestazioni, Netanyahu ha difeso in parlamento il disegno di legge su "Israele, stato ebraico"

Con un discorso più volte interrotto da vivaci contestazioni, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha difeso mercoledì alla Knesset il controverso disegno di legge su Israele come stato nazione del popolo ebraico, accusando i suoi avversari di volere uno stato d’Israele bi-nazionale (senza più nulla di ebraico e sionista) accanto a uno stato palestinese ripulito da ogni presenza ebraica.

Leggi tutto l'articolo ›

Il “negazionismo del Tempio” che spiana la via all’ISIS

L'attuale ondata di terrorismo palestinese è il culmine di decenni di “revisionismo storico” antiebraico alimentato da Arafat e Abu Mazen

Di Ruthie Blum

Due arabi, con in testa il proposito di fare una strage, hanno fatto irruzione martedì mattina in una sinagoga di Gerusalemme armati di pistole e mannaie. Sono riusciti a uccidere quattro fedeli ebrei e a ferirne diversi altri prima di essere abbattuti dalla polizia.

Leggi tutto l'articolo ›

Quelle condanne automatiche delle costruzioni ebraiche a Gerusalemme

Basta guardare una mappa per capire come mai gli israeliani non vogliono che la città venga di nuovo chiusa in una morsa come prima del ‘67

Di Zalman Shoval

Ogni volta che Israele annuncia un progetto per la costruzione di unità abitative in uno dei quartieri di Gerusalemme al di là della Linea Verde (la ex linea armistiziale che nel periodo 1948-’67 divideva la città fra la parte israeliana e quella sotto occupazione giordana) veniamo inondati, in modo quasi automatico, dalle grida angosciate dei rappresentanti europei ed americani.

Leggi tutto l'articolo ›