Impossibile trattare con un governo Fatah-Hamas, se Hamas non disarma e non aderisce ai requisiti del Quartetto

La posizione ribadita da Israele trova riscontro in quella dell’amministrazione americana. Immediato il no di Hamas

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha convocato martedì il gabinetto di sicurezza per discutere le conseguenze dell’accordo di riconciliazione sottoscritto al Cairo la scorsa settimana dalle fazioni palestinesi Fatah e Hamas.

Leggi tutto l'articolo ›

L’ISIS che sopravvivrà alla sconfitta dell’ISIS

Lo Stato Islamico scomparirà come organizzazione, ma il mondo continuerà a subire le conseguenze dell'ideologia inculcata nel cuore e nella mente di troppi musulmani

Di Mordechai Kedar

Al momento in cui scriviamo tutti i segnali indicano che le forze dell'Esercito Libero Siriano, costituite principalmente da milizie curde e siriane, stanno liberando la città di Raqqa, capitale dello "Stato Islamico in Iraq e Siria".

Leggi tutto l'articolo ›

Quando il lupo non fa nemmeno finta di travestirsi da pecora

Nonostante gli esercizi di public relation, l’ultimo tentativo di riunificazione palestinese è accompagnato da tutte le tradizionali lacune, a cominciare dal gap fra le due fazioni sui problemi della sicurezza

Editoriale del Jerusalem Post

Nel bel mezzo del suo recente tentativo di promuovere la cosiddetta riconciliazione con la fazione rivale palestinese Fatah, Hamas ha sorpreso il coro dei suoi sostenitori scegliendo proprio l’ideatore del sequestro e assassinio di tre adolescenti israeliani per dare lustro alla sua falsa immagine di "moderazione".

Leggi tutto l'articolo ›