L’insopportabile furto della sofferta storia delle (vere) popolazioni autoctone

Quando qualcuno paragona la propria esperienza a quella dei nativi nordamericani lo fa quasi sempre per demonizzare un altro paese

Di Ryan Bellerose

Desidero spiegarvi come mai sono così arrabbiato. Vedo continuamente attorno a me gente che sostiene di condividere la stessa sorte del mio popolo. Mi dicono “la storia del mio popolo è come quella del tuo”, ma la realtà è ben diversa.

Leggi tutto l'articolo ›

Il presidente decaduto di un’Autorità che non esiste

L’Onu dovrebbe chiedersi che valore ha la firma della dirigenza che si sta autoproclamando stato palestinese

Di Guy Bechor

Come in una classica repubblica delle banane, Abu Mazen (Mahmoud Abbas) ha convocato un indefinito gruppo di persone sedute attorno a lui come se fossero una sorta di governo, e ha firmato una quindicina di domande di adesione ad enti e trattati delle Nazioni Unite.

Leggi tutto l'articolo ›

La nuova consapevolezza degli arabi cristiani. In Israele

I cristiani israeliani guardano ai paesi vicini e pensano che solo Israele può garantire loro libertà e prosperità. Così i giovani cercano di entrare nell'esercito

Di Uri Shenhar

E’ in corso una rivoluzione silenziosa, nella comunità israelo-cristiana di lingua araba: sono sempre più numerosi i giovani cristiani che si considerano innanzitutto israeliani e che rifiutano di piegarsi a disegni politici che non sono nel loro interesse.

Leggi tutto l'articolo ›

I palestinesi pongono una lista di nuove condizioni per proseguire il negoziato

Dopo che Abu Mazen si è rivolto unilateralmente agli enti internazionali, Israele cancella la scarcerazione del quarto gruppo di detenuti

I palestinesi hanno compilato una nuova lista di condizioni per acconsentire a continuare il negoziato: si va dalla scarcerazione di circa 1.200 detenuti palestinesi, ad un impegno scritto da parte di Israele ad accettare uno stato palestinese lungo le linee pre-'67 e con la parte est di Gerusalemme come sua capitale.

Leggi tutto l'articolo ›

I deboli argomenti contro lo stato nazionale ebraico

Riconoscere lo stato ebraico è una questione nazionale, non religiosa: è la cartina di tornasole della fine del conflitto

Di Yehuda Ben-Meir

La discussione attorno alla questione del riconoscimento dello stato di Israele come stato ebraico è andata oltre misura. Si può certamente discutere se Israele dovesse o meno avanzare tale richiesta come conditio sine qua non per un accordo finale con i palestinesi.

Leggi tutto l'articolo ›

Yaakov Amidror: “In vent’anni di negoziati i palestinesi non si sono spostati di un centimetro”

L’ex consigliere alla sicurezza nazionale: “Più parlo con i palestinesi più mi rendo conto che il vero problema per loro è il '48, non il '67”

Dal 1994 i palestinesi “non si sono spostati di un centimetro” dalle loro posizioni negoziali mentre i governi israeliani, compreso quello di Netanyahu, hanno fatto concessioni straordinarie quasi del tutto disconosciute dall'opinione pubblica mondiale.

Leggi tutto l'articolo ›