Un test sulla faziosità anti-israeliana

Ispirato al test di Sharansky per separare critica legittima da ostilità pregiudiziale, il test-MO indica se un'analisi del processo di pace è pregiudizialmente contro Israele

Di Jeffrey Elikan

Natan Sharansky, l'attivista per i diritti umani ex detenuto in Unione Sovietica, oggi presidente dell'Agenzia Ebraica, ha indicato un "test 3-D" per separare la legittima critica alle politiche d’Israele dall’antisemitismo pregiudiziale diretto contro lo stato ebraico.

Leggi tutto l'articolo ›

Una conferenza sbagliata, nel momento sbagliato

Finché i palestinesi si rifiutano di negoziare, e di riconoscere Israele come stato ebraico, piani e conferenze internazionali non possono produrre la pace

Di Rafael L. Bardaji e Richard Kemp

E’ facile per il mondo dare la colpa di tutti i suoi problemi a Israele. E’ facile, per molti leader, incolpare Israele per il fallimento del processo di pace con i palestinesi. E’ facile, ma non è giusto.

Leggi tutto l'articolo ›

Ancora una volta, i palestinesi non hanno perso l’occasione di rafforzare l’unità degli israeliani

Ci hanno pensato un terrorista e i suoi fan a ricordare a tutti il contesto criminale in cui i ragazzi israeliani sono chiamati a prendere decisioni di vita e di morte in poche frazioni di secondo

Di Gil Troy

L’intramontabile intuizione di Abba Eban secondo cui i palestinesi non perdono mai l'occasione di perdere un'occasione deve essere aggiornata

Leggi tutto l'articolo ›

Termini insoliti nelle condanne internazionali dell’attentato a Gerusalemme: nuova consapevolezza o vecchie manovre?

Intanto il silenzio dell’Autorità Palestinese rivela l'autentica natura del presunto interlocutore di pace

Di Herb Keinon

Forse qualcosa inizia a cambiare, almeno in Occidente. Le condanne dell’attentato di domenica a Gerusalemme che sono arrivate da tutto il mondo – ma non del mondo arabo – sembrano un po’ diverse dalle volte precedenti.

Leggi tutto l'articolo ›

4 giovani uccisi, 16 feriti da terrorista arabo alla guida di un camion a Gerusalemme

Prima di essere colpito, il terrorista è riuscito a invertire la marcia e travolgere una seconda volta i giovani feriti

Quattro giovani reclute delle Forze di Difesa israeliane – tre donne e un uomo – sono state uccise, altre 16 ferite (fra cui almeno tre in modo molto grave) quando un terrorista arabo alla guida di un camion con targa israeliana ha deliberatamente investito, domenica, un gruppo di soldati appena scesi da un autobus sulla Promenade Haas-Sherover

Leggi tutto l'articolo ›

Guardie musulmane impediscono a un archeologo di pronunciare le parole “Monte del Tempio”

Un piccolo assaggio della libertà di cui si godrà a Gerusalemme se si lascia fare all’Onu

Di Ilan Ben Zion

Le autorità islamiche che gestiscono il Monte del Tempio a Gerusalemme hanno tentato di far espellere dalla spianata un esperto archeologo israeliano, domenica scorsa, perché aveva utilizzato il termine "Monte del Tempio" durante una lezione a un gruppo di studenti americani.

Leggi tutto l'articolo ›

I mercenari palestinesi al servizio di Assad

La comunità internazionale, sempre pronta a indignarsi per i palestinesi, preferisce ignorare che migliaia di miliziani palestinesi collaborano alla carneficina del popolo siriano

Di Edy Cohen

Probabilmente non è un caso se, nel corso dell'ultimo secolo, i vari dirigenti palestinesi hanno sempre privilegiato alleanze internazionali non particolarmente felici e non particolarmente vantaggiose nemmeno per loro.

Leggi tutto l'articolo ›