I devastanti modelli femminili in cui è stata cresciuta e indottrinata Ahed Tamimi

Oggi, Giornata internazionale della donna, è giusto chiedersi quali sono i personaggi proposti alle giovani ragazze nella società palestinese come modelli di autoaffermazione della donna

Di Olga Deutsch

Tutti parlano di Ahed Tamimi, la 17enne palestinese attualmente sotto processo in Israele con l’accusa, fra l’altro, di istigazione al terrorismo e reiterate aggressioni a calci, pugni, insulti e sputi contro soldati israeliani (sempre calcolatamente davanti alle telecamere).

Leggi tutto l'articolo ›

Giornalista libanese: A cento anni dalla Dichiarazione Balfour gli arabi hanno fallito dove Israele eccelle

Un secolo sprecato a combattere il sionismo anziché coltivare scienza, cultura, economia e diritto

Di Karam Al-Hilu

In un articolo pubblicato sul quotidiano Al-Hayat lo scorso novembre in occasione del centesimo anniversario della Dichiarazione Balfour, il giornalista libanese Karam Al-Hilu ha messo a confronto le scarse realizzazioni del mondo arabo negli ultimi cento anni con quelle del resto del mondo, e in particolare di Israele.

Leggi tutto l'articolo ›

No, Israele non ha scatenato nessuna guerra di religione contro i cristiani in Terra Santa

Come mai una disputa fiscale ha portato leader cristiani e palestinesi a gridare alla "persecuzione" (e chiudere il Santo Sepolcro) quando persino papa Francesco dice che le proprietà commerciali della chiesa devono pagare le tasse?

Di Ariel David

Come è tipico in Medio Oriente, una mediocre disputa finanziaria relativa alla riscossione di tasse sulle proprietà delle confessioni cristiane a Gerusalemme è rapidamente degenerata in una crisi politica e religiosa su vasta scala.

Leggi tutto l'articolo ›

Perché è probabile che la giustizia israeliana arrivi all’incriminazione di Netanyahu (ma i sondaggi gli sono ugualmente favorevoli)

Breve guida per raccapezzarsi fra i casi 1000, 2000, 3000... e la reazione dell’opinione pubblica israeliana

Persino un parlamentare israeliano, parlando alla radio la scorsa settimana delle varie inchieste che vedono coinvolto in un modo o nell’altro il primo ministro Benjamin Netanyahu, è andato in confusione e ha ammesso d’essersi un po’ perso.

Leggi tutto l'articolo ›