John Kerry sostiene il diritto all’autodifesa di Israele

Un documento elettorale delinea la posizione del candidato democratico alla Casa Bianca riguardo a Israele.

In un documento che delinea la sua posizione riguardo a Israele, il candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti John Kerry afferma che non negozierà con Yasser Arafat ed esprime sostegno al diritto di Israele a difendersi dall’aggressione delle organizzazioni terroristiche. Il documento, intitolato “John Kerry: Rafforzare la sicurezza d’Israele e sostenere le speciali relazioni […]

Leggi tutto l'articolo ›

Israele ridisegna il tracciato della barriera

Le modifiche al tracciato dice il ministero della difesa si baseranno sui principi stabiliti dallAlta Corte di Giustizia israeliana.

Il ministero della difesa israeliano ha dichiarato che modificherà alcune parti del tracciato della barriera anti-terrorismo in seguito alla risoluzione dell’Alta Corte di Giustizia che ha ordinato modifiche a circa 30 chilometri del percorso a nord-ovest di Gerusalemme allo scopo di minimizzare il più possibile i disagi alla popolazione palestinese. “Le modifiche al tracciato di […]

Leggi tutto l'articolo ›

Sderot nel mirino

Si dice che Sderot stia diventando la Kiryat Shmona del sud. Non è esatto.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Si dice che Sderot [la città del Negev israeliano dove lunedì scorso un missile Qassam palestinese ha ucciso due civili, fra cui un bambino di quattro anno] stia diventando la Kiryat Shmona del sud [con riferimento alla città del nord spesso colpita da razzi Hezbollah dopo il ritiro israeliano dal Libano meridionale]. Non è esatto. […]

Leggi tutto l'articolo ›

Sharon accelera lo sgombero: Nessuno osi aggredire i militari

Il primo ministro ha respinto la richiesta di sospendere il disimpegno dopo gli ultimi mortali attacchi terroristici.

Chi aggredirà i militari se ne assumerà tutte le conseguenze. Lo ha detto oggi il primo ministro israeliano Ariel Sharon, parlando del previsto sgombero di insediamenti nella striscia di Gaza e parte della Cisgiordania settentrionale durante una riunione a porte chiuse della Commissione esteri e difesa della Knesset (parlamento israeliano). “Chiunque aggredirà i militari e […]

Leggi tutto l'articolo ›

Quando Arafat rifiutò pace e indipendenza

"Presidente Arafat - rispose Clinton - io sono un fallimento, e questo grazie a lei».

Di Bill Clinton

«Il 23 dicembre 2000 – scrive l’ex presidente americano Bill Clinton nel suo libro di memorie recentemente pubblicato negli Stati Uniti – fu un giorno fatale per il processo di pace in Medio Oriente. Invitai le due parti a Washington per un ultimo tentativo e, dopo che ebbero negoziato per diversi giorni, io e il […]

Leggi tutto l'articolo ›

Un uomo del caos e della rovina

Nel suo libro di memorie Bill Clinton definisce Arafat “una figura amorfa ed enigmatica”.

Da un editoriale di Yediot Aharonot

Nel suo libro di memorie appena pubblicato, l’ex presidente americano Bill Clinton definisce Yasser Arafat “una figura amorfa ed enigmatica” e “un leader che non si è liberato del proprio passato da sovversivo”. Questa descrizione conferma l’opinione di Arafat come di un uomo del caos e della rovina. Arafat sta nell’attuale sconquasso e depressione palestinesi […]

Leggi tutto l'articolo ›

Sostiene Kuperwasser

L'intelligence militare israeliana: 'Arafat crede in una combinazione di terrorismo e di negoziati politici.

Kuperwasser ritiene che la discussione sulle valutazioni di Amos Gilad circa l’affidabilità di Yasser Arafat come partner negoziale sia “già noiosa”. Gilad era direttore della divisione ricerche dell’intelligence militare israeliana alla vigilia della cosiddetta seconda intifada. Yossi Kuperwasser ne ha preso il posto tre anni fa, e da allora i leader israeliani ascoltano attentamente le […]

Leggi tutto l'articolo ›

Corsa alle armi a Gaza

I gruppi terroristici palestinesi cercano di prepararsi per una eventuale lotta di potere dopo il ritiro israeliano.

I gruppi terroristici palestinesi nella striscia di Gaza sono attualmente impegnati in una “forsennata corsa alle armi” nel tentativo di procurarsi quante più armi possibile prima dell’avvio del piano di disimpegno israeliano. E’ quanto sostengono fonti della difesa israeliana. “Ogni organizzazione sta cercando di prepararsi per il giorno successivo al ritiro accrescendo il più possibile […]

Leggi tutto l'articolo ›

Il necessario collegamento

Contro l'antisemitismo occorre un collegamento come quello che venne imposto al blocco sovietico dal processo di Helsinki.

Da un editoriale del Jerusalem Post

L’attenzione suscitata dal fatto che le Nazioni Unite hanno tenuto il loro primo convegno sull’antisemitismo in quasi sessant’anni di storia ricorda la classica notizia dell’uomo che morde il cane. Il fatto che sia considerato degno di nota che l’Onu si oppone all’antisemitismo dà di per sé la misura del problema. Accogliamo con favore questo convegno […]

Leggi tutto l'articolo ›

Un’intervista ad Arafat (e il ruolo di un giornale)

Arafat è molto difficile da interpretare, è volutamente oscuro”.

In un articolo pubblicato lo scorso 11 giugno, Ha’aretz illustrava dissensi sorti fra i ranghi dell’intelligence militare israeliana circa le reali intenzioni di Yasser Arafat. Da una parte Amos Gilad, ex direttore del dipartimento studi dell’intelligence militare, insiste che Arafat non ha mai veramente avuto intenzione di fare la pace con Israele. Dall’altra, l’ex superiore […]

Leggi tutto l'articolo ›