Hamas: La lotta armata continua

In aperta sfida all'Autorità Palestinese, la dirigenza di Hamas si è esibita sotto i simboli islamisti.

Con un’evidente esibizione di forza, i fondatori e i capi politici di Hamas sono comparsi tutti insieme sabato scorso per la prima volta negli ultimi dieci anni per una conferenza stampa durante la quale hanno detto ai palestinesi che la “lotta armata” del gruppo islamista andrà avanti anche dopo l’imminente ritiro israeliano dalla striscia di […]

Leggi tutto l'articolo ›

Dolorose concessioni in nome della pace

Breve scheda storico-informativa su ciascuno dei 25 villaggi israeliani interessati dal piano di sgombero da striscia di Gaza e Cisgiordania settentrionale.

La pace, obiettivo fondamentale della tradizione ebraica, è da sempre l’obiettivo politico esplicito dello Stato di Israele. Israele ha cercato a lungo di arrivare alla pace con i suoi vicini arabi e in particolare con i palestinesi. La grande sfida nel fare la pace risiede nel fatto che si tratta di un processo che si […]

Leggi tutto l'articolo ›

“La rivoluzione islamica conquisterà il mondo

Il neo presidente iraniano celebra alla tv il terrorismo suicida.

In un video trasmesso dalla televisione di stato iraniana (e tradotto in inglese da MEMRI http://www.memri.org ), il neo presidente Mahmoud Ahmadinejad ha celebrato il terrorismo suicida ed ha espresso il desiderio di vedere l’islam “conquistare” tutto il mondo. “C’è arte più bella, più divina, più eterna dell’arte del martirio? – dice il presidente iraniano […]

Leggi tutto l'articolo ›

LEuropa si sta svegliando?

Osservatori e diplomatici analizzano la recente distensione israelo-francese.

Quando il presidente francese Jacques Chirac inonda Israele di elogi e complimeti, bisogna capire quali sono le sue intenzioni. L’intervista che ha concesso ad Ha’aretz alla vigilia della visita a Parigi del primo ministro israeliano Ariel Sharon conteneva espressioni eccezionalmente calorose. Osservatori e fonti ben informate offrono diverse interpretazioni per spiegare la recente ammirazione di […]

Leggi tutto l'articolo ›

Dichiarazioni tanto sbagliate quanto inaccettabili

Il ministro degli esteri britannico deplora le dichiarazioni del sindaco di Londra.

C’è voluta una settimana, ma alla fine il ministro degli esteri britannico Jack Straw ha diffuso una pubblica condanna della tirata del sindaco di Londra Ken Livingstone contro Israele. “Per quanto riguarda il signor Livingstone – ha detto Straw martedì durante una conferenza stampa con il suo omologo israeliano Silvan Shalom in visita in Gran […]

Leggi tutto l'articolo ›

Peccato domissione

Condannare il terrorismo non dovrebbe essere una cosa complicata per il leader della chiesa cattolica.

Da un editoriale del Jerusalem Post

Condannare il terrorismo non dovrebbe essere una cosa complicata per il leader della chiesa cattolica. Tuttavia domenica scorsa, quando ha condannato le recenti stragi terroriste in Gran Bretagna, Egitto, Iraq e Turchia, papa Benedetto XVI ha vistosamente omesso di citare il rinnovato terrorismo contro Israele. Quand’anche per lui non contassero i lanci di mortai e […]

Leggi tutto l'articolo ›

Gli inutili trucchetti di Condoleezza Rice

? un errore elogiare Abu Mazen per la lotta che non fa al terrorismo.

Da un editoriale del Jerusalem Post

La visita del segretario di stato Usa Condoleezza Rice durante lo scorso fine settimana, pensata per facilitare il piano di disimpegno israeliano, è stata molto deludente. Il viaggio, frettolosamente preparato, aveva l’intento di fermare il deterioramento della situazione provocato dall’attentato suicida della Jihad Islamica davanti al centro commerciale di Netanya del 12 luglio, che ha […]

Leggi tutto l'articolo ›

Basta immunità per i leader del terrorismo

Gli stati arabi devono fare i conti con chi predica lideologia del terrore al loro interno.

Da un articolo di Sever Plocker

Non è esatto affermare che i leader di stati arabi come Egitto e Arabia Saudita non hanno la volontà di sradicare il terrorismo islamista dai rispettivi paesi. Vorrebbero farlo, ma il fatto è che hanno paura. Hanno paura della collera delle masse. Hanno paura delle ritorsioni di milioni di fedeli nelle moschee dove viene coltivato […]

Leggi tutto l'articolo ›

Un attentato perfettamente simbolico

Questo terrorismo non è motivato dalla guerra in Iraq e nemmeno dal conflitto arabo-israeliano.

Da un articolo di Barry Rubin

Cosa significa l’ultimo grande attacco terrorista contro l’Egitto? Per rispondere a questo interrogativo bisogna primaa chiarire tre punti fondamentali senza i quali è impossibile capire il terrorismo contemporaneo. Primo, i gruppi del terrorismo islamista internazionale stanno attuando ogni attentato che possono fare, contro qualunque obiettivo che paia loro possibile. I gruppi estremisti, affiliati o ispirati […]

Leggi tutto l'articolo ›

Ma quale cessate il fuoco?

Durante i cinque mesi di 'tregua' si sono registrati più di 800 attacchi palestinesi contro obiettivi israeliani.

Da un articolo di Barry Rubin

Dal febbraio 2005 è formalmente in vigore un cessate il fuoco nella guerra avviata più di quattro anni prima dal leader palestinese Yasser Arafat. Nondimeno la guerra terroristica palestinese contro Israele continua. Questa situazione non può essere compresa se non si guarda ad essa dal punto di vista di coloro che trovano il terrorismo conveniente […]

Leggi tutto l'articolo ›